29 Luglio 2021 Segnala una notizia
Omicidio Sebastiano, arrestato il presunto mandante: un 43enne vicino alla vittima

Omicidio Sebastiano, arrestato il presunto mandante: un 43enne vicino alla vittima

22 Aprile 2021

Svolta nell’omicidio di Cristian Sebastiano, il monzese di 42 anni, ucciso a coltellate a Monza, San Rocco, a pochi passi dalla sua abitazione, lo scorso 29 novembre 2020: i Carabinieri hanno arrestato il presunto mandante. Si tratta di un 43enne vicino alla vittima.

L’omicidio

Era la notte del 30 novembre scorso quando, dopo ore di interrogatorio senza sosta, i Carabinieri del Comando Provinciale di Monza sono riusciti a dare un nome e un volto ai responsabili del brutale omicidio consumatosi nel quartiere San Rocco: due giovani italiani, un 14enne e un 15enne, monzesi e incensurati autori materiali dell’efferato delitto.

Le indagini, condotte dai Carabinieri del Nucleo Investigativo e dalla Compagnia cittadina, non si sono però mai fermate. Sotto la direzione della Procura della Repubblica di Monza nella persona della Dott.ssa Sara Mantovani, è stata condotta una delicata attività finalizzata a far chiarezza su un movente, che già nell’immediatezza e anche dopo il fermo dei due minorenni, appariva poco nitido.

Un’attività investigativa complessa che ha visto Procura e Carabinieri impegnati pazientemente in lunghi colloqui con tante famiglie del quartiere San Rocco, convocate per tale ragione in Caserma e in Procura. I risultati sono apparsi sin da subito univoci e rivelanti, un solo minimo comune denominatore: il coinvolgimento di un mandante, vicino e “amico” della vittima.

Sulla base delle risultanze delle complesse e prolungate indagini, la Procura di Monza, ha presentato la richiesta di custodia cautelare in carcere e il Gip del Tribunale di Monza ha emesso il provvedimento a carico di un 43enne italiano residente proprio nel quartiere San Rocco e con precedenti di polizia, individuato quale concorrente morale, mandante, agevolatore, istigatore e rafforzatore del proposito omicida dei due ragazzi, che hanno agito in cambio di pochi soldi.

Un movente connesso a un gravissimo contesto di disagio, caratterizzato da droga (dalla marijuana alla cocaina spacciata nelle strade del quartiere) e debiti di poche centinaia di euro, tra la vittima e il mandante.

L’uomo è stato quindi raggiunto e arrestato dai Carabinieri: ora dovrà rispondere dei reati di concorso in omicidio volontario e concorso in rapina.

Foto di repertorio MBNews

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Beatrice Elerdini
Giornalista per passione e professione, mi occupo ogni giorno di cronaca nera, politica, attualità, economia e musica. Amo viaggiare, per scoprire luoghi il più possibile sperduti e puri, sono attratta dalle macerie, perché è da lì che nascono le cose migliori. Adoro scorgere la verità in fondo agli occhi delle persone, trovare le loro cicatrici, gli amori, le delusioni e i riscatti. Tutto ciò che appare, ma anche ciò che non si vede è materia preziosa da raccontare. 'Scrivo da sempre e per sempre'. Sono profondamente empatica come ogni scrittore e giornalista deve essere e la mia vita non è che un vano riflesso di quella di tutti gli altri, che nelle parole, nude e crude, scorre impetuosa su un foglio vergine. Volete conoscermi meglio? Cercatemi sul web con nome e cognome!


Articoli più letti di oggi