27 Luglio 2021 Segnala una notizia
Monza, le casette dell'acqua arrivano nei condomini: al via il progetto pilota

Monza, le casette dell’acqua arrivano nei condomini: al via il progetto pilota

16 Aprile 2021

Self service idrici, che dispensano «acqua alla spina» nelle versioni liscia e gassata, all’interno di contesti abitativi condominiali. Prende il via il progetto pilota «VerdeAcqua» che, grazie ad un protocollo di intesa siglato tra BrianzAcque e il Comune di Monza, porterà le «casette dell’acqua» in dieci condomini monzesi.

«Si tratta di un progetto innovativo che punta a far diventare i condomini della nostra città sempre più plastic free – spiega l’Assessore all’Ambiente Martina Sassoli che ha presentato l’iniziativa all’Anaci (Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari) e a una rappresentanza di amministratori condominiali. L’obiettivo, ovviamente, è quello di spingere il consumo dell’acqua “a Km.0” che garantisce importanti risparmi economici per le famiglie e vantaggi ambientali derivanti da una forte riduzione dell’inquinamento legato alla produzione, alla movimentazione e al riciclo delle bottiglie di plastica usa e getta».

Martina Sassoli

«Forti dell’esperienza maturata con la gestione di un parco di ottanta case dell’acqua e dell’alto gradimento riscontrato fra la popolazione, abbiamo ritenuto di allargare questo servizio portandolo in via sperimentale fin dentro i condomini di Monza grazie ad una partnership con l’Amministrazione Comunale – asserisce il Presidente e AD di BrianzAcque Enrico Boerci – L’acqua pubblica di rete che distribuiamo è buona, controllata, salubre. Ecologica ed economica. Nel particolare momento storico che stiamo affrontando, riteniamo significativo puntare su un investimento significativo per lo sviluppo della sostenibilità e per la qualità della vita dei cittadini».

Enrico Boerci

LA QUALITA’: ACQUA SICURA E CONTROLLATA

L’acqua dei dispenser condominiali sarà «pescata» direttamente dall’acquedotto pubblico. Un H20, sicura perché controllata da rigorose e ravvicinate analisi dei laboratori aziendali «certificati» dall’ATS competente, l’ente a cui spetta il giudizio di potabilità. Tuttavia, rispetto all’acqua del rubinetto, l’acqua delle «casette» è sottoposta ad un sistema di filtrazione a carboni attivi per eliminare eventuali tracce di odori o sapori sgradevoli (ad esempio il cloro), senza dispersione delle qualità organolettiche, e a un trattamento di sterilizzazione a raggi U.V. per affinarne ulteriormente le caratteristiche di salubrità.

PER ADERIRE

I condomini interessati hanno tempo dal 19 aprile al 10 maggio per presentare domanda via PEC ([email protected]). Il criterio di scelta sarà l’ordine di ricevimento delle domande di adesione e il possesso dei requisiti richiesti.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Fonte Esterna
Questo contenuto non è un articolo prodotto dalla redazione di MBNews, ma è un testo proveniente da fonte esterna e pubblicato integralmente e/o parzialmente ma senza averne cambiato il senso del messaggio contenuto.


Articoli più letti di oggi