16 Maggio 2021 Segnala una notizia
Colonscopia più facile con i robot di intelligenza artificiale - Braccio Robotico al servizio dell’uomo

Colonscopia più facile con i robot di intelligenza artificiale – Braccio Robotico al servizio dell’uomo

13 Aprile 2021

I ricercatori europei hanno sviluppato un sistema robotico semiautomatico in grado di eseguire la colonscopia nell’intestino con l’aiuto dell’intelligenza artificiale. La tecnologia, che semplifica la procedura di colonscopia, potrebbe essere applicata ad altri test come l’endoscopia pancreatica, la gastroscopia e la broncoscopia.

Gli scienziati, guidati dall’italiano Bruno Scalioni presso l’Università di Leeds nel Regno Unito, che ha pubblicato la rivista Nature Machine Intelligence, hanno affermato che semplificando le colonscopie, i sistemi robotici potrebbero aumentare la loro frequenza. Esami futuri, che faciliteranno la diagnosi precoce di il colon.

Oggi, ogni anno in Europa e negli Stati Uniti vengono eseguite circa 19 milioni di colonscopie, un numero che dovrebbe aumentare del 16% nel prossimo decennio. Sia la diagnosi che la prevenzione del cancro del colon-retto, la terza forma di cancro più comune al mondo, dipendono in modo cruciale dalle colonscopie.

Le colonscopie tradizionali sono relativamente costose, possono essere dolorose e richiedono operatori specializzati dell’endoscopio semiflessibile, che viene inserito attraverso l’ano. Più recentemente, sono state sviluppate nuove tecniche che utilizzano endoscopi magnetici, che sono guidati da un magnete esterno al corpo, che a sua volta può essere controllato con precisione da un braccio robotico, consentendo di eseguire movimenti complessi all’interno del corpo. Ma questo metodo è complesso e richiede anche una grande esperienza da parte del braccio robotico e dell’operatore magnetico.

Il braccio robotico per colonscopia sviluppato dagli scienziati dell’Università di Leeds

Il nuovo sistema robotico semiautomatico dipende da semplici comandi di movimento iniziale impartiti dall’operatore ai bracci robotici. Quindi, l’endoscopio robotico, che ha una telecamera con visione computazionale sul lato, intelligenza artificiale (apprendimento automatico) e algoritmi di analisi delle immagini, si muove da solo all’interno dell’intestino con l’aiuto di un magnete esterno al corpo. Il test del sistema “intelligente” nell’intestino artificiale e negli animali da esperimento (suini) ha dimostrato che è affidabile al 100% e più facile da usare rispetto alla colonscopia convenzionale odierna.

Sebbene un medico debba supervisionare la colonscopia robotica per prendere le decisioni cliniche necessarie durante l’esame diagnostico, il funzionamento dell’endoscopio è lasciato al

. Il test del sistema su cinque volontari sani dovrebbe iniziare entro la fine del 2021. Se avrà successo, il sistema sarà testato in pazienti con malattia infiammatoria intestinale in una fase successiva.

La tecnologia della colonscopia è rimasta relativamente invariata per decenni. Abbiamo sviluppato un sistema più facile da usare per medici e infermieri, oltre che meno doloroso per i pazienti. “È un passo importante per rendere la colonscopia più ampiamente disponibile, che è essenziale per la diagnosi precoce del cancro intestinale”, ha detto Pietro Valdastri, professore di robotica e sistemi autonomici presso l’Università di Leeds.

La colonscopia robotica assistita ha il potenziale per rivoluzionare il modo in cui viene eseguito il test. Le persone che lo realizzano non devono nemmeno essere esperte nel maneggiare il dispositivo, ha aggiunto il dottor Scalioni.

Per spiegare ancora meglio la potenza di ciò che può fare un braccio robotico!

Il braccio robotico con intelligenza artificiale risolve il cubo di Rubik in 4 minuti. I ricercatori di openAI, un team di scienziati in California dedicato all’intelligenza artificiale, hanno sviluppato un braccio robotico che utilizza l’intelligenza artificiale per risolvere il cubo di Rubik. Il singolo braccio robotico, con 24 articolazioni simili a quelle della mano umana, ha richiesto solo quattro minuti per essere realizzato.

I ricercatori hanno utilizzato la simulazione al computer per insegnare al robot, noto come “Dactyl”, come risolvere il cubo. Ci vorrebbero 13.000 anni per una persona per completare le routine di insegnamento. Sensori ottici e un algoritmo di risoluzione dei cubi hanno fornito all’intelligenza artificiale le istruzioni per le mosse da eseguire.

Conoscete qualcosa di più potente?!

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Fonte Esterna
Questo contenuto non è un articolo prodotto dalla redazione di MBNews, ma è un testo proveniente da fonte esterna e pubblicato integralmente e/o parzialmente ma senza averne cambiato il senso del messaggio contenuto.


Articoli più letti di oggi