Quantcast
La Brianza migliora: ad aprile un terzo in meno di ricoverati e oltre 37mila vaccinazioni fatte - MBNews
Salute

La Brianza migliora: ad aprile un terzo in meno di ricoverati e oltre 37mila vaccinazioni fatte

Negli ospedali di Vimercate, Desio e Carate i letti occupati da malati covid sono scesi a 204. Procede con il ritmo previsto la campagna di vaccinazione di massa

covid-coronavirus-san-gerardo-by-Martina-Santimone-05

Continua il calo dei ricoveri covid in Brianza e nell’ultimo mese la pressione sulle strutture ospedaliere di Vimercate, Desio e Carate si è ridotta di un oltre un terzo rispetto al picco raggiunto nel periodo di Pasqua. Mentre prosegue al ritmo previsto la campagna di vaccinazione di massa nei quattro centri allestiti da Asst Brianza sul territorio e dall’avvio lo scorso 12 aprile sono state somministrate oltre 37.000 dosi.

In particolare il principale hub brianzolo, aperto dal 16 aprile negli spazi della discoteca Polaris di Carate con 10 linee vaccinali operative contemporaneamente, raggiunge ogni giorno una media di 1.500 somministrazioni. L’aggiornamento del 29 aprile indica quasi 19.000 iniezioni fatte al centro Polaris dall’avvio della vaccinazione di massa, a cui si aggiungono quelle svolte all’ospedale di Vimercate dove sono operative 6 linee e quelle ai palazzetti dello sport di Limbiate e Besana che hanno complessivamente 7 linee vaccinali.

Per quanto riguarda l’andamento dei malati covid che richiedono cure negli ospedali, la situazione è in costante miglioramento da tre settimane. L’aggiornamento del 29 aprile nelle tre strutture di Asst Brianza indica 204 ricoverati complessivamente, di cui 12 in terapia intensiva, quando due settimane fa invece i letti occupati da positivi al virus erano 289 (dato del 12 aprile) di cui 16 in terapia intensiva. Nel dattaglio di giovedì, a Vimercate  i ricoverati sono 117, di cui 33 con il casco “Cpap” e 7 in terapia intensiva; a Desio 65 ricoverati covid, di cui 11 con “Cpap” e 5 intensivi; a Carate (dove non c’è il reparto di terapia intensiva) 22 casi, nessuno con assistenza respiratoria.