17 Aprile 2021 Segnala una notizia
Vimercate, nuova RSA di Anni Azzurri: primi ospiti Giovanni e Vanda, sposati da 65 anni

Vimercate, nuova RSA di Anni Azzurri: primi ospiti Giovanni e Vanda, sposati da 65 anni

29 Marzo 2021

Giovanni e Vanda, originari della Toscana, sono marito e moglie da una vita. Il prossimo 11 maggio festeggeranno i 65 anni di matrimonio. Scenario di questo traguardo così importante, invidiabile suggello di un amore che è sfociato in una bellissima famiglia che ha accolto anche un bis nipote, il piccolo Tommaso, sarà Vimercate. Per la precisione la Residenza Sanitaria Assistenziale Anni Azzurri ‘Vico Mercati’.

Lo scorso 8 marzo all’inaugurazione della nuova struttura socioassistenziale, che dispone di 120 posti letto attrezzati per poter accogliere persone autosufficienti e non, per soggiorni brevi o lunghi periodi, Giovanni e Vanda, 94 e 92 anni, sono stati tra i primi ospiti ad essere accolti.

“Ci hanno raccontato che il loro amore, dopo tanti anni vissuti in modo semplice, ma felice, è rimasto come al primo giorno – afferma Silvia Cavenati, direttrice della nuova RSA di Anni Azzurri a Vimercate – Giovanni ricorda i tortellini che Vanda gli preparava e Vanda ricorda i tanti momenti allegri che il suo Giovanni le ha regalato”.

Naturalmente l’anziana coppia e il loro straordinario amore non sono da soli nella nuova residenza di Anni Azzurri, un brand privato noto in campo socio assistenziale, che gestisce 56 residenze per anziani in Italia di cui 19 in Lombardia e fa parte del gruppo Kos care. “Abbiamo per il momento 7 ospiti che hanno affrontato, nel rispetto delle normative legate al Covid, un isolamento precauzionale in cui hanno ricevuto un kit di benvenuto ed hanno svolto attività di riabilitazione motoria e stimolazione cognitiva – spiega Cavenati – in questi giorni, dopo aver effettuato screening risultati tutti negativi, gli ospiti sono entrati nelle loro stanze ufficiali”.

LE ATTIVITA’

Il Covid-19 sta influenzando inevitabilmente la quotidianità nella RSA ‘Vico Mercati’. La struttura socioassistenziale, però, che ha un nucleo protetto di 20 posti letto per accogliere persone con decadimento cognitivo e può contare su una collaudata e preparata squadra formata da personale medico, operatori socio-sanitari, educatori, fisioterapisti, personale amministrativo, addetti alla cucina e ai servizi, sta organizzando, nella massima sicurezza imposta dalle restrizioni pandemiche, una serie di iniziative per gli ospiti.

A partire dai fiori che sono stati regalati alle donne in occasione dell’8 marzo, giorno dell’inaugurazione della Rsa, ma anche della festa internazionale in onore delle esponenti del gentil sesso. Anche la festa del papà, il 19 marzo, è stata celebrata: gli ospiti hanno potuto vedere su tablet foto e video di figli e nipoti.

“Utilizziamo le video-chiamate, Whatsapp e le altre possibilità messe a disposizione dalla tecnologia per incentivare il legame tra gli ospiti della struttura e le loro famiglie – afferma la direttrice della nuova RSA di Anni Azzurri a Vimercate – inoltre gli ospiti cominciano ad andare nel giardino della nostra struttura, con vista sul verde della Brianza, per attività in piccoli gruppi e sfruttano la palestra per fisioterapia individuale. Presto potranno avere accesso anche alla sala cinema per la visione di film, mentre per la stanza degli incontri dove, grazie a particolari plexiglass dotati di appositi fori, ci si potrà stringere la mano, bisognerà ancora aspettare”.

Il percorso della residenza “Vico Mercati” è appena iniziato. E, come spesso accade in ogni aspetto della vita, avrà inevitabilmente ostacoli da superare. Ma l’ottimismo e la fiducia sono la cifra della volontà di rinascita rappresentata da questa struttura che, già nel suo nome, riprende il toponimo originario della città di Vimercate. E sottolinea il suo legame con il territorio anche nella scelta di dare i nomi dei quartieri e delle aree storiche di Vimercate (Torri Bianche, Trotti, San Rocco, Molgora, Brianza, Sottocasa) ai sei nuclei, tre per piano da 20 posti letto ognuno, di cui è composta la struttura. Oltre alle immagini di paesaggi e scorci del territorio appese alle pareti dei corridoi e delle stanze.

“Aspettiamo l’arrivo di altri ospiti nelle prossime settimane – afferma Cavenati – noi siamo pronti ad accoglierli nel modo migliore, in un ambiente sicuro e professionale”.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Filippo Panza
Sono nato nel 1980, anno di grandi eventi sportivi (Olimpiadi di Mosca, Europei di calcio), attentati terroristici (strage di Bologna), terremoti (Irpinia) e misteri ancora irrisolti (Ustica). Ma anche di libri (Il nome della Rosa) e film (Shining), che hanno fatto epoca. Con tanta carne a cuocere, forse era scritto nel mio destino che la curiosità sarebbe stato il motore della mia vita. E così da Benevento, la città che mi ha dato i natali, la passione per la conoscenza e la verità, declinate nel giornalismo, mi ha portato in giro per l’Italia. Da Salerno a Roma, da Napoli a Bologna, fino a Monza. Nel capoluogo della Brianza penso di aver trovato il luogo dove mettere la mia base (più o meno) definitiva e soddisfare la mia sete di scrittura, lettura, sport e tempo libero. Almeno fino a quando il richiamo di qualche Sirena, forse, non mi farà approdare ad altri lidi.


Articoli più letti di oggi