Sport

Una rete per tempo e il Monza batte il Pordenone, biancorossi di nuovo secondi!

La squadra di Brocchi segna con Frattesi nella prima frazione e raddoppia nella ripresa con Gytkjaer nel secondo. Penalty non concesso ai friulani. La capolista Empoli è a soli due punti.

monza-pordenone-mb (Copia)

Buona la quinta. Nel 2021 il film del cammino del Monza verso la serie A trova, dopo tre pareggi ed una sconfitta, la prima vittoria. Co-protagonista della pellicola, che prima dei titoli di coda dovrà mostrare molte altre scene, è stato il Pordenone. I friulani si sono rivelati comprimari ostici, sempre dentro la partita, ma oggi hanno potuto poco contro la maggiore qualità tecnica dei biancorossi. Che, con il ritorno in campo di Mota Carvalho e Boateng, oggi compleanno numero 34 per lui, la solidità difensiva e l’intraprendenza del giovane Pirola, la freddezza in zona gol di Frattesi e Gytkjaer, hanno prevalso quasi per forza di inerzia.

LA CRONACA

La squadra di Brocchi, che è partita con Armellino al posto dell’infortunato Barberis a centrocampo e con Gytkjaer al centro dell’attacco, ha trovato la rete due volte. La prima al 26′ del primo tempo. Merito di Frattesi, sempre più elemento positivo di questa stagione, che sfrutta al meglio un calcio d’angolo battuto da Scozzarella. Per il centrocampista dell’Under 21 è la quinta rete in campionato. E per il Monza la dodicesima, un record, di testa.

I gol da calci piazzati, del resto, sono per i biancorossi una consuetudine. Ecco perché non stupisce che nella ripresa, al 62′, il raddoppio arriva con il rigore, concesso da Abbattista per un fallo di Vogliacco su Sampirisi e segnato da Gytkjaer. Pochi minuti prima il Pordenone, che ha mostrato le ottime individualità di Ciurria, Morra e Zammarini ed ha collezionato la terza sconfitta consecutiva in trasferta, ha reclamato per un fallo di mano di Bellusci. L’arbitro, in questo caso, ha sorvolato.

Cosa che il direttore di gara di Molfetta non ha fatto al 76′ quando, forse con un po’ troppa fiscalità, ha espulso con rosso diretto Carlos Augusto, colpevole di un intervento fuori tempo su Magnino. Per il terzino brasiliano, che era entrato 12 minuti prima al posto di Donati, si tratta della prima espulsione in campionato. Poco male per il Monza. Che, pur privo dello squalificato Diaw, ex del match, non soffre in inferiorità numerica nei minuti finali. Solo una conclusione dalla distanza di Rossetti ed un colpo di testa di Secli, entrambi finiti sul fondo, provocano qualche apprensione a Di Gregorio.

I biancorossi, che avrebbero potuto segnare ancora nel primo tempo con Armellino e nel secondo tempo con Balotelli, si confermano la squadra ad aver subito meno gol in casa, solo 8. Ad aiutarli anche la possibilità di sfruttare, più di chiunque altro in serie B, i tiri dal dischetto. Con quello segnato da Gytkjaer, alla sesta rete in campionato, sono ben 5.

Ora la squadra di Brocchi, in attesa del ritorno allo stadio dell’amministratore delegato, Adriano Galliani, ancora bloccato a casa dal Covid, aspetta il match di domani dell’Empoli capolista contro il Cittadella. Il Monza, comunque, risale al secondo posto ed è, al momento, a soli due punti dalla vetta della classifica. Sabato prossimo, 13 marzo, trasferta a Reggio Calabria. Contro la Reggina, alle 14, ci sarà bisogno di trovare una continuità che in questo 2021 ha visto 4 vittorie, 6 pareggi ed una sconfitta nelle ultime 11 partite.

Le foto sono di Alessio Morgese – Agenzia Emage

MARCATORI: 26′ Frattesi (M), 62′ Gytkjaer (M) su rig.

MONZA (4-3-3): Di Gregorio; Donati (64′ Carlos Augusto), Bellusci, Pirola, Sampirisi; Scozzarella, Armellino, Frattesi (73′ Barillà); Boateng (80′ Paletta), Gytkjaer (64′ Balotelli), Mota Carvalho (64′ D’Alessandro).

A disposizione: Lamanna, D’Errico, Bettella, Scaglia, Maric, Ricci, Colpani. All: Brocchi

PORDENONE (4-3-1-2): Perisan; Barison, Vogliacco (87′ Berra), Camporese, Chrzanowski; Misuraca (63′ Mallamo), Magnino, Scavone (63′ Rossetti);  Morra (87′ Secli), Ciurria, Zamparini (79′ Banse).

A disposizione: Bindi, Fasolino, Stefani, Foschiani, Biondi. All: Tesser

Arbitro: Eugenio Abbatista (Molfetta)

Ammoniti: Scavone (P), Misuraca (P), Scozzarella (M), Gytkjaer (M), Balotelli (M)

Espulsi: Carlos Augusto (M) al 76′ per un fallo su Magnino (P).

Note: Giornata nuvolosa, terreno in perfette condizioni.

Recupero: 0′ pt, 5′ st