21 Aprile 2021 Segnala una notizia
Seveso, non c'è più posto al cimitero: il centrosinistra lancia l'allarme

Seveso, non c’è più posto al cimitero: il centrosinistra lancia l’allarme

18 Marzo 2021

“Il decoro della nostra città parte anche da una giusta attenzione al luogo dove riposano i nostri concittadini defunti. Riceviamo invece continue segnalazioni da parte di cittadini che si lamentano sia della mancanza di posti, sia in parte dei nuovi interventi”. A dirlo sono le consigliere del Pd di Seveso Anita Argiuolo ed Ersilia Cappelletti, insieme al consigliere Paolo Butti.

In realtà quello del cimitero è un vecchio problema, mai risolto. A oggi, però, la situazione appare davvero al limite: non ci sono tombe a terra libere ed è presente un solo posto libero nel campo giardino. I colombari disponibili sono appena 25 (2 al piano terra e 23 al seminterrato), mentre va un po’ meglio per le cellette dell’ossario: ce ne sono libere 251 in totale. Per mancanza di posti in tombe da convenzionare ci sono però ancora 12 salme in attesa di tumulazione nel sepolcreto comunale.

“Come si evince da questi numeri la situazione è veramente critica ed indecorosa – affermano i consiglieri di centrosinistra. Che riportano le critiche dei cittadini anche per quanto riguarda le nuove cellette, realizzate recentemente -: Sono prive di copertura dalle intemperie, e così non solo risulta difficile in momenti di maltempo fermarsi a salutare i propri cari, ma, per possibili infiltrazioni d’acqua all’interno delle cellette, è anche probabile che, negli anni, si deteriori tutta la struttura. Le lamentele sono anche per le nuove panchine in marmo poste all’ingresso principale del cimitero: fredde e scomode”. Facendosi portavoce dei cittadini in merito alle problematiche del cimitero, i consiglieri di centrosinistra non possono non ricordare come loro stessi avevano affrontato la questione: “Al momento dell’insediamento della giunta Butti è apparso evidente quanti problemi ci fossero da affrontare per rimediare alle mancanze di anni. Oltre ad interventi sulle strutture murarie fatiscenti, nel limite delle risorse disponibili, si è dato avvio ad un enorme lavoro di analisi dei dati attraverso l’impegno dell’ufficio comunale preposto ed incaricando un ente pubblico il PIM per elaborare un nuovo Piano Regolatore Cimiteriale con collegato regolamento”. Ai tempi (si parla del quinquennio 2013-2018) era stato creato un team di persone interne al comune che, incrociando i dati in loro possesso, avevano bonificato le numerose falle della banca dati esistente, ed era stata individuata un’area idonea all’ampliamento, a ovest, per la quale era già stato attivato il protocollo d’intesa con la provincia in quanto ambito di interesse provinciale. “Ma tutto ciò, a distanza di ormai 3 anni, è fermo sulla carta mentre parte dei problemi, quelli non affrontabili in modo contingente, rimangono, anzi si aggravano di giorno in giorno – commentano ancora Argiuolo, Cappelletti e Butti -. E proprio in questi giorni – concludono – la maggioranza ha presentato il progetto di bilancio 2021 ma anche qui, nulla sull’ampliamento e la messa a norma del Cimitero.”

“La mancanza di posti al cimitero di Seveso è endemica da ormai quasi 15 anni, perché abbiamo diversi colombari che sono stati a suo tempo venduti a persone che non ne avevano imminente bisogno, creando una carenza trascinatasi fino a oggi – replica il sindaco, Luca Allievi -. L’allargamento del cimitero è un progetto complesso, che va anche ponderato bene, alla luce pure delle nuove dinamiche sociali in atto. Sono infatti a conoscenza che inizia a esserci molta richiesta per la pratica della cremazione. Se questa nuova pratica diventasse la scelta principale, non sarebbe più necessario ampliare il cimitero“.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Giulia Santambrogio
Inseguo le storie sin da quando ero bambina: per farmele raccontare, per leggerle, e, ovviamente, per scriverle. Su MBNews, però, mi occupo di fatti.


Articoli più letti di oggi