18 Aprile 2021 Segnala una notizia
Monza, Roche: risultati per il cocktail anti Covid. Riduzione di ricoveri e decessi

Monza, Roche: risultati per il cocktail anti Covid. Riduzione di ricoveri e decessi

25 Marzo 2021

Il Gruppo Roche, la cui sede principale è a Monza, annuncia risultati incoraggianti relativi alla sperimentazione clinica per il cocktail di trattamenti per il Covid-19, che combina i farmaci casirivimab e imdevimab, su cui l’azienda sta collaborando con il laboratorio americano Regeneron su pazienti non ospedalizzati.

I dati in uno studio di fase III hanno evidenziato una riduzione del 70% dei ricoveri o dei decessi nei pazienti che non necessitavano l’ospedalizzazione.

“Si tratta del più grande studio condotto fino a questo momento che valuta un trattamento contro il COVID-19 in pazienti infetti non ricoverati. I risultati di oggi mostrano l’importante beneficio medico che casirivimab e imdevimab possono fornire alle persone con COVID-19 riducendo significativamente il rischio di ospedalizzazione e morte“-  ha affermato Levi Garraway, MD, Ph.D., Chief Medical Officer e Head of Global Product di Roche Sviluppo. Le nuove infezioni continuano ad aumentare a livello globale con oltre tre milioni di casi segnalati a partire dalla scorsa settimana, quindi questo cocktail di anticorpi sperimentali può offrire speranza come potenziale nuova terapia per i pazienti ad alto rischio, in particolare alla luce delle recenti prove che dimostrano che casirivimab e imdevimab insieme mantengono attività contro le principali varianti emergenti. Insieme al nostro partner Regeneron, siamo grati ai pazienti e agli sperimentatori che hanno partecipato agli studi clinici in corso e non vediamo l’ora di discutere il crescente corpo di evidenze con le autorità sanitarie e di portare il trattamento a quante più persone possibile”.

“Oltre a questi studi su pazienti non ospedalizzati, il cocktail di anticorpi sperimentali casirivimab e imdevimab è attualmente in valutazione in uno studio clinico di fase II / III per il trattamento di COVID-19 in pazienti ospedalizzati, nello studio di fase III RECOVERY in aperto di pazienti ricoverati nel Regno Unito e in uno studio di fase III per la prevenzione del COVID-19 nei contatti familiari di individui infetti. A partire da marzo 2021, più di 25.000 persone hanno partecipato a studi clinici su casirivimab e imdevimab”.

Ora i risultati dettagliati di entrambi gli studi saranno condivisi con le autorità regolatorie e sottoposti a revisione il prima possibile.

 

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Vitagliano
Brianzola d’adozione. Laureata in Lingue, e specializzata in Teorie e metodi per la comunicazione, scrivo principalmente di politica e fatti di cronaca cittadina.


Articoli più letti di oggi