22 Aprile 2021 Segnala una notizia
Il Monza non vince neanche a Frosinone, la serie A per il momento si allontana

Il Monza non vince neanche a Frosinone, la serie A per il momento si allontana

2 Marzo 2021

Sulla carta avere una rosa ampia, con due giocatori praticamente possibili titolari per ogni ruolo, dovrebbe tornare utile soprattutto per sopperire ad infortuni e ad un tour de force di 3 partite di campionato in meno di una settimana. E, invece, il Monza, nonostante il faraonico calcio mercato estivo ed invernale, si sta rivelando l’eccezione che conferma la regola. I biancorossi lo hanno dimostrato anche a Frosinone. Dove, dopo il pareggio casalingo contro il Cittadella, avevano l’occasione di riscattarsi con la terza vittoria in trasferta consecutiva. L’impresa era più di una speranza visto che i ciociari, guidati da Nesta, amico fraterno di Brocchi, avevano vinto una sola volta nelle precedenti tredici partite.

LA CRONACA

Le cose, invece, sono andate diversamente. Anche perché per il Monza il match non era iniziato sotto la migliore stella. Alle annunciate assenze per infortunio di Boateng e per affaticamento di Balotelli, infatti, si era aggiunta in extremis quella di Mota Carvalho per problemi gastrointestinali. Allo Stirpe di Frosinone, allora, la squadra di Brocchi si presenta con un inedito tridente formato da Diaw, Gytkjaer e D’Alessandro. Che non ha molto tempo per far capire di che pasta è fatto. Al 17′, infatti, su un lancio lungo di Maiello, Iemmello si libera con un dribbling elegante di Paletta, oggi al rientro da titolare, e batte con uno scavetto Di Gregorio.

Il Monza reagisce immediatamente. E per una di quelle coincidenze che rendono bello il gioco del calcio, due minuti dopo trova il pareggio proprio con il difensore argentino, abile e reattivo, sugli sviluppi di un calcio d’angolo battuto da Scozzarella, a piombare sul secondo palo, sulla sponda di testa di Gytkjaer, per battere Bardi con un tap-in vincente. La rete di Paletta, la sua prima in serie B, è l’ennesima per i biancorossi da calcio piazzato in questo campionato.

La squadra di Brocchi, nel finale di tempo, passa perfino in vantaggio. Lancio preciso dalle retrovie di Scozzarella, Gytkjaer si ricorda di essere stato l’anno scorso il capocannoniere della serie A polacca, controlla alla perfezione di sinistro e con lo stesso piede supera l’incolpevole portiere ciociaro. Per l’attaccante danese è la quinta rete in questa stagione, alla pari di Boateng e Dany Mota.

Aver subito un gol praticamente allo scadere del primo tempo, non demoralizza il Frosinone. Che ci mette solo due minuti nella ripresa per siglare il pareggio. Diagonale al volo di Salvi, su perfetto cross di Vitale, Di Gregorio non può arrivarci. I minuti passano, ma l’equilibrio resta. Anzi, i padroni di casa riescono a mantenere una superiorità a centrocampo piuttosto evidente.

Il Monza, che al 52′ reclama per un presunto fallo in area di Szyminski su Diaw, non ha il dovuto apporto sulla fascia sinistra di Carlos Augusto e D’Alessandro. Che, infatti, viene sostituito al 73′ da Maric. L’attaccante croato si muove bene in un paio di occasioni, anche se è Diaw, ancora a secco con la maglia biancorossa, a rendersi più pericoloso.

Quando la partita sembra avviata verso un giusto pareggio, i padroni di casa nel finale fanno capire che avrebbero meritato di vincerla almeno ai punti. Prima Novakovich, autore di una buona prestazione, reclama un rigore per un fallo di mano di Frattesi, poi sale in cattedra Ciano, entrato nel secondo tempo. Di Gregorio è bravo a respingere una sua insidiosa conclusione, poi, in pieno recupero, si supera sul colpo di testa di Capuano, servito da una punizione battuta dallo stesso Ciano.

Il Monza, che tornerà in campo già sabato 6 marzo alle 18 contro il Pordenone all’U-Power Stadium, si fa scavalcare dal Venezia al secondo posto. I biancorossi non rischiano solo di allontanarsi dall’Empoli capolista, ma anche di perdere il terzo posto qualora la Salernitana, impegnata in casa contro la Spal, dovesse vincere. Insomma, da quando l’amministratore delegato, Adriano Galliani, è costretto a vedere la sua squadra dal salotto di casa perché positivo al Covid, sono arrivati due pareggi. Bisogna sperare che torni presto allo stadio per rivedere il Monza vincere?

Marcatori: 17′ Iemmello (F), 19′ Paletta (M), 43′ Gytkjaer (M), 47′ Salvi (F)

FROSINONE (3-5-2): Bardi; Curado, Szyminski, Capuano; Salvi, Boloca (77′ Tribuzzi), Maiello, Gori, Vitale (77′ Zampano); Novakovich, Iemmello (63′ Ciano).

A disp.: Iacobucci, Millico, Ariaudo, D’Elia, Carraro, Vitale, Paezyszek, Vettore, Brignola. All. Nesta

MONZA (4-3-3): Di Gregorio; Donati, Bellusci, Paletta, Carlos Augusto; Armellino (79′ Frattesi), Scozzarella (79′ Barberis), Barillà (73′ D’Errico); Diaw, Gytkjaer, D’Alessandro (73′ Maric).

A disp.: Lamanna, Anastasio, Sommariva, Bettella, Scaglia, Ricci, Colpani, Sampirisi. All. Brocchi

Arbitro: Antonio Di Martino (Teramo)

Ammoniti: Gori (F), Salvi (F), Maiello (F), Bellusci (M), Vitale (F), Diaw (M), Maric (M)

Note: Tempo sereno, terreno in buone condizioni.

Recupero: 0′ pt, 5′ st

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Filippo Panza
Sono nato nel 1980, anno di grandi eventi sportivi (Olimpiadi di Mosca, Europei di calcio), attentati terroristici (strage di Bologna), terremoti (Irpinia) e misteri ancora irrisolti (Ustica). Ma anche di libri (Il nome della Rosa) e film (Shining), che hanno fatto epoca. Con tanta carne a cuocere, forse era scritto nel mio destino che la curiosità sarebbe stato il motore della mia vita. E così da Benevento, la città che mi ha dato i natali, la passione per la conoscenza e la verità, declinate nel giornalismo, mi ha portato in giro per l’Italia. Da Salerno a Roma, da Napoli a Bologna, fino a Monza. Nel capoluogo della Brianza penso di aver trovato il luogo dove mettere la mia base (più o meno) definitiva e soddisfare la mia sete di scrittura, lettura, sport e tempo libero. Almeno fino a quando il richiamo di qualche Sirena, forse, non mi farà approdare ad altri lidi.


Articoli più letti di oggi