11 Aprile 2021 Segnala una notizia
Minaccia di togliersi la vita in piazza per evitare l'arresto, ma finisce in carcere

Minaccia di togliersi la vita in piazza per evitare l’arresto, ma finisce in carcere

26 Marzo 2021

“C’è un uomo che vuole suicidarsi”, è la chiamata giunta al 112: immediato l’intervento di una pattuglia dei Carabinieri, a Vimercate. I militari hanno subito riconosciuto nel soggetto un noto pregiudicato 44enne: l’uomo stava manifestando dal ballatoio del quadrilatero di piazza Marconi, dove si trovano attività commerciali e uffici amministrativi comunali, chiedendo di conferire con l’amministrazione comunale per ottenere un lavoro e un alloggio.

I militari, conoscendo bene il soggetto, non nuovo a tali gesti (in passato ha veemente manifestato anche davanti il municipio), lo hanno convinto a scendere. A quel punto il 44enne ha spiegato che stava protestando perché esasperato dalle difficoltà lavorative e dai problemi connessi alla sua situazione “abitativa”.

Dai successivi controlli sull’uomo, di fatto senza fissa dimora, è emerso che a suo carico pendeva un ordine di carcerazione emesso solo qualche giorno prima dall’ufficio esecuzioni penali della Procura della Repubblica, presso il Tribunale ordinario di Lecco, per una rapina aggravata commessa nel novembre del 2006, a Cernusco Lombardone, in un Blockbuster.

Il 44enne è stato quindi accompagnato in carcere a Monza, dove espierà una pena di un anno e quattro mesi come disposto dall’autorità giudiziaria.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Beatrice Elerdini
Giornalista per passione e professione, mi occupo ogni giorno di cronaca nera, politica, attualità, economia e musica. Amo viaggiare, per scoprire luoghi il più possibile sperduti e puri, sono attratta dalle macerie, perché è da lì che nascono le cose migliori. Adoro scorgere la verità in fondo agli occhi delle persone, trovare le loro cicatrici, gli amori, le delusioni e i riscatti. Tutto ciò che appare, ma anche ciò che non si vede è materia preziosa da raccontare. 'Scrivo da sempre e per sempre'. Sono profondamente empatica come ogni scrittore e giornalista deve essere e la mia vita non è che un vano riflesso di quella di tutti gli altri, che nelle parole, nude e crude, scorre impetuosa su un foglio vergine. Volete conoscermi meglio? Cercatemi sul web con nome e cognome!


Articoli più letti di oggi