21 Aprile 2021 Segnala una notizia
Bimba di 18 mesi uccisa tra botte e violenze a Cabiate: in manette un 25enne di Lentate

Bimba di 18 mesi uccisa tra botte e violenze a Cabiate: in manette un 25enne di Lentate

24 Gennaio 2021

Svolta nella tragedia di Cabiate: è un 25enne di Lentate sul Seveso l’uomo finito in carcere per la morte della piccola di 18 mesi. Da tre mesi viveva con la bambina e la madre, sua compagna. Ad arrestarlo sono stati i Carabinieri della Tenenza di Mariano Comense. Ora è accusato di maltrattamenti che hanno causato il decesso della vittima e violenza sessuale su minore.

Il 25enne, operaio origini rumene, ma da anni in Italia, si trovava in casa da solo con la bambina di 18 mesi quando, l’11 gennaio 2021, si è consumato il dramma. Smentita la dinamica dell’incidente domestico con la stufetta, raccontata dall’uomo, grazie all’esame autoptico è emersa l’agghiacciante realtà.

Gli esiti preliminari della consulenza medico legale, insieme agli accertamenti scrupolosamente svolti dal Tenenza dei Carabinieri di Mariano Comense hanno portato l’autorità giudiziaria a ritenere che la piccola sia stata ripetutamente picchiata, non solo dunque nel pomeriggio di lunedì 11 gennaio, quando si trovava da sola con il lentatese. Il quadro è aggravato dall’accusa di violenze sessuali inflitte alla vittima, nei giorni vicini a quello della sua tragica morte.

L’uomo è stato arrestato presso la casa della madre, a Lentate sul Seveso, dove era tornato a vivere da alcuni giorni. Ora dovrà rispondere dei maltrattamenti che hanno portato alla morte della bambina e di violenza sessuale ai danni di persona minore di dieci anni.

Foto di repertorio MBNews

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Beatrice Elerdini
Giornalista per passione e professione, mi occupo ogni giorno di cronaca nera, politica, attualità, economia e musica. Amo viaggiare, per scoprire luoghi il più possibile sperduti e puri, sono attratta dalle macerie, perché è da lì che nascono le cose migliori. Adoro scorgere la verità in fondo agli occhi delle persone, trovare le loro cicatrici, gli amori, le delusioni e i riscatti. Tutto ciò che appare, ma anche ciò che non si vede è materia preziosa da raccontare. 'Scrivo da sempre e per sempre'. Sono profondamente empatica come ogni scrittore e giornalista deve essere e la mia vita non è che un vano riflesso di quella di tutti gli altri, che nelle parole, nude e crude, scorre impetuosa su un foglio vergine. Volete conoscermi meglio? Cercatemi sul web con nome e cognome!


Articoli più letti di oggi