Salute

San Gerardo Monza, pronto a sperimentare da metà gennaio il vaccino Covid-19 monzese

Takis-Rottapharm Biotech da metà gennaio al via la sperimentazione al San Gerardo con 80 Volontari.

test covid free web

Una sperimentazione unica su base volontaria. Saranno 80 coloro che sceglieranno di dare una mano alla scienza e in questo caso al centro di ricerca dell’ospedale San Gerardo di Monza, insieme allo Spallanzani di Roma e Pascale di Napoli per mettere a punto un vaccino tutto italiano, anzi anche monzese, contro il Coronavirus.

A tornare sul tema del vaccino che sta nascendo dal binomio Rottapharm Takis è Sky TG 24 che precisa “per la prima volta nel nostro Paese si utilizza il Dna contro il Covid”.

Un vaccino, quello a Dna, che per essere inoculato si avvarrà della tecnica dell’elettroporazione. E così spiegano i ricercatori a Sky TG 24: “Viene praticamente applicato uno strumento con quattro elettrodi piccolissimi, viene data una piccola scossa al muscolo deltoideo, dopo aver somministrato il vaccino a Dna. L’elettroporazione permette fondamentalmente la creazione di pori e quindi l’entrata del DNA nelle cellule”. Ideato dall’italiana Takis, il vaccino è ancora all’inizio della sperimentazione. La Rottapharm Biotech sta compiendo gli studi di tossicologia e sarà responsabile dello studio clinico (dell’inzio della sperimentazione ne avevamo parlato qui). Se da una parte queste aziende stanno arrivando dopo le altre nel mettere a punto il vaccino, dall’altra parte sono convinte che la sua diversità possa offrire un potenziale importante sviluppo e in particolare ne garantisca una durata maggiore e una più facile ripetibilità.

Una possibilità che andrà verificata sperimentalmente.