14 Aprile 2021 Segnala una notizia
Perde il controllo del monopattino e si schianta contro un muro: 44enne in terapia intensiva

Perde il controllo del monopattino e si schianta contro un muro: 44enne in terapia intensiva

21 Dicembre 2020

Brutto incidente a Meda, domenica pomeriggio: un 44enne, operario del posto, mentre era alla guida del proprio monopattino elettrico in via Piave, direzione ingresso della superstrada ss35, per cause in corso di accertamento probabilmente legate all’assunzione di sostanze alcoliche, ha perso il controllo del mezzo e dopo aver zigzagato e invaso la carreggiata opposta, è fuoriuscito dalla sede stradale andando a schiantarsi contro il muro di cinta di un’abitazione, all’altezza del civico n.40 della medesima via.

Il sinistro si è consumato intorno alle 15,50. Immediato l’intervento dei soccorritori del 118: l’uomo, coniugato e incensurato, è stato trasportato in “codice giallo” mutato poi in “codice rosso”, al pronto soccorso dell’ospedale San Gerardo di Monza. Nel corso del tardo pomeriggio, a causa dell’aggravarsi della situazione per il trauma riportato, il 44enne è stato ricoverato in terapia intensiva e attualmente si trova in neurochirurgia con prognosi riservata.

L’Arma di Meda, intervenuta sul posto per i primi accertamenti del caso, ha richiesto di effettuare l’esame volto ad appurare l’eventuale presenza di alcol nel sangue, al momento dell’accaduto.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Beatrice Elerdini
Giornalista per passione e professione, mi occupo ogni giorno di cronaca nera, politica, attualità, economia e musica. Amo viaggiare, per scoprire luoghi il più possibile sperduti e puri, sono attratta dalle macerie, perché è da lì che nascono le cose migliori. Adoro scorgere la verità in fondo agli occhi delle persone, trovare le loro cicatrici, gli amori, le delusioni e i riscatti. Tutto ciò che appare, ma anche ciò che non si vede è materia preziosa da raccontare. 'Scrivo da sempre e per sempre'. Sono profondamente empatica come ogni scrittore e giornalista deve essere e la mia vita non è che un vano riflesso di quella di tutti gli altri, che nelle parole, nude e crude, scorre impetuosa su un foglio vergine. Volete conoscermi meglio? Cercatemi sul web con nome e cognome!


Articoli più letti di oggi