13 Aprile 2021 Segnala una notizia
Il Monza (in dieci) recupera due volte, ma il Pescara vince all'ultimo respiro!

Il Monza (in dieci) recupera due volte, ma il Pescara vince all’ultimo respiro!

19 Dicembre 2020

Il calcio, quando vuole, sa essere davvero imprevedibile. E, così, il Monza, fino ad oggi la miglior difesa del campionato di serie B, viene tradito dalla propria retroguardia, rimedia in un colpo solo tre reti e torna da Pescara con le ossa un po’ rotte ed una classifica comunque ancora buona. Anche se poteva esserlo molto di più visto che, in testa al campionato, Lecce, Salernitana, Empoli e Frosinone avevano rallentato proprio in questa giornata.

LA CRONACA

Allo stadio Adriatico si è vissuta un’altalena di emozioni che, a giochi quasi fatti, sembrava premiare con un salomonico pareggio entrambe le squadre. Sarebbe stato, probabilmente, il risultato più giusto. Il Monza, sceso in campo con un deciso turnover rispetto alla goleada vincente contro l’Entella, dopo il solito buon avvio con la conclusione pericolosa di Armellino, al 22′ aveva subito il vantaggio del Pescara. Sinistro al volo di Galano su corta respinta della difesa biancorossa. Nemmeno tre minuti dopo, però, calcio di punizione di Barberis da destra, Bettella, dimenticato in area, colpisce di testa e batte Fiorillo!

Per il 20enne difensore dellUnder-21, proprio in forza al Pescara nell’ultima stagione e mezza, una rete celebrata quasi chiedendo scusa ai pochi accreditati in tribuna all’Adriatico. Il primo tempo, tutto giocato dai biancorossi con un inedito tridente d’attacco composto da Frattesi, Boateng e Machin, metteva in mostra le buone qualità di Bellanova, costantemente in spinta sulla fascia destra biancoceleste e anche più volte alla conclusione.

Nel secondo tempo gli abruzzesi scendono in campo con uno spirito aggressivo. In particolare Ceter che, nel giro di pochi minuti, prima spara addosso a Di Gregorio, poi interviene debolmente in spaccata sul cross di Omeonga da destra. In difficoltà evidente Scaglia, in marcatura sull’imponente attaccante colombiano. Che, dopo l’occasione fallita da Frattesi per il Monza, al 63′ si conquista e realizza il rigore del nuovo vantaggio del Pescara. Nell’occasione l’evidente fallo di mano di Scaglia in area lascia in dieci la squadra biancorossa.

Brocchi, a quel punto, corre ai ripari. Rafforza la difesa con Bellusci. E tiene in campo fino alla fine Boateng. Prince ripaga la fiducia del tecnico e, al 72′, spalle alla porta, si alza il pallone e in rovesciata per poco non trova la porta. Gli ingressi di Carlos Augusto, D’Errico e Dany Mota rafforzano lo spirito offensivo del Monza. Che, nonostante l’inferiorità numerica, mette alla corde il Pescara. Lo sforzo è premiato all’84’ quando, dopo le occasioni di Dany Mota e Barillà, Boateng rimette la palla in area, sugli sviluppi ancora una volta di un’azione da palla inattiva e Bettella con un colpo di testa vincente supera di nuovo Fiorillo.

Per il giovane centrale padovano è la prima doppietta in carriera e la quarta rete in serie B. La gioia, questa volta non trattenuta dalla sua ex militanza nel Pescara, però, dura poco. Sono, infatti, gli abruzzesi all’alba del recupero a trovare il guizzo vincente. Sugli sviluppi di un corner, colpo di testa di Scognamiglio, Di Gregorio respinge e Bocchetti è il più rapido a ribadire in rete.

I tre minuti di recupero non bastano al Monza, che veniva da due vittorie consecutive contro Venezia in trasferta ed Entella in casa, per mettere in piedi per la terza volta il risultato. Si torna a casa, fermi a 20 punti in classifica e con la sensazione di una sconfitta che brucia contro una squadra che naviga nei bassifondi della classifica. Mercoledì 22 dicembre, alle 19, all’U-Power Stadium ci vorrà un pronto riscatto contro l’Ascoli, altra nobile decaduta e penultima in classifica. Poi, forse, si potrà mangiare con una certa serenità la fetta di panettone per il Natale.

Le foto sono di Buzzi

Marcatori: 22′ Galano (P), 25′ Bettella (M), 63′ Ceter (P) su rigore, 84′ Bettella (M), 90′ Bocchetti (P)

PESCARA (3-5-2): Fiorillo; Balzano (82′ Guth), Bocchetti, Scognamiglio; Bellanova, Memushaj (67′ Crecco), Valdifiori (67′ Fernandes), Omonga, Jaroszynski; Galano (32′ Maistro), Ceter (82′ Capone).

A disp: Alastra, Antei, Blanuta, Belloni, Ventola, Riccardi, Vokic. All: Breda

MONZA (4-3-3): Di Gregorio; Sampirisi, Bettella, Scaglia, Donati (74′ Carlos Augusto); Barberis (64′ Bellusci), Armellino, Colpani (55′ Barillà); Frattesi (74′ D’Errico), Boateng, Machin (56′ Mota Carvalho).

A disp: Lamanna, Rigoni, Fossati, Maric, Lepore, Marin, Pirola. All: Brocchi

Arbitro: Federico Dionisi di L’Aquila

Ammoniti: Balzano (P), Colpani (M), Jaroszynski (P), Scognamiglio (P), Boateng (M)

Espulsi: Scaglia (M) per doppia ammonizione.

Note: Tempo sereno, terreno in buone condizioni.

Recupero: 2′ pt,  3′ st

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Filippo Panza
Sono nato nel 1980, anno di grandi eventi sportivi (Olimpiadi di Mosca, Europei di calcio), attentati terroristici (strage di Bologna), terremoti (Irpinia) e misteri ancora irrisolti (Ustica). Ma anche di libri (Il nome della Rosa) e film (Shining), che hanno fatto epoca. Con tanta carne a cuocere, forse era scritto nel mio destino che la curiosità sarebbe stato il motore della mia vita. E così da Benevento, la città che mi ha dato i natali, la passione per la conoscenza e la verità, declinate nel giornalismo, mi ha portato in giro per l’Italia. Da Salerno a Roma, da Napoli a Bologna, fino a Monza. Nel capoluogo della Brianza penso di aver trovato il luogo dove mettere la mia base (più o meno) definitiva e soddisfare la mia sete di scrittura, lettura, sport e tempo libero. Almeno fino a quando il richiamo di qualche Sirena, forse, non mi farà approdare ad altri lidi.


Articoli più letti di oggi