04 Agosto 2021 Segnala una notizia
Carcere di Monza: detenuto aggredisce due agenti di Polizia Penitenziaria

Carcere di Monza: detenuto aggredisce due agenti di Polizia Penitenziaria

10 Dicembre 2020

Nella mattinata di mercoledì 9 dicembre, nel carcere di Monza si è consumata un’aggressione, da parte di un soggetto italiano detenuto in una sezione psichiatrica, ai danni di due agenti di Polizia Penitenziaria in servizio. Accompagnati in ospedale, i due lavoratori, sono stati dimessi con una prognosi di 8 giorni. L’aggressione è avvenuta a mano libera, pertanto le lesioni riportate, sono principalmente di carattere contusivo.

“Si tratta dell’ennesimo episodio di violenza che ha travolto gli agenti della polizia penitenziaria dell’istituto di pena monzese”, denuncia il segretario Uilpa della Polizia Penitenziaria, Domenico Benemia, raggiunto telefonicamente da MBNews. I due lavoratori sono stati aggrediti senza alcuna ragione oggettiva: “Si è trattato di un atto di violenza ingiustificato e gratuito”, aggiunge Benemia.

Carenza di personale ed eccessivo lavoro

“Purtroppo la Polizia Penitenziaria ormai è in una condizione di forte difficoltà, sia per la carenza di personale, sia per l’emergenza sanitaria, che ha contribuito a ridurre in maniera importante la forza lavoro, per via dei casi di positività al Covid e per quelli che si trovano in isolamento fiduciario”, spiega Benemia.

“Gli agenti presenti sono quindi oberati di lavoro, poiché devono sobbarcarsi anche quello dei colleghi mancanti, oltre alle nuove incombenze generate dalla pandemia. In questo modo il carico psico-fisico sul personale è enorme e così la Polizia Penitenziaria presente e operativa si ritrova a soccombere alle dinamiche dell’istituto penitenziario”.

Crescono i casi di Covid-19

La pandemia di Covid-19 aveva colpito pesantemente il carcere di Monza, già durante la prima ondata. La seconda non l’ha risparmiato. Alla fine di novembre, il virus si era insinuato silenziosamente tra le celle, contagiando quasi 40 detenuti, circa un 10% del totale dei presenti, considerato che al 31 ottobre risultavano recluse nella struttura 403 persone. Attualmente questi numeri sono raddoppiati: i positivi, tra detenuti e personale, oscillano ora tra le 80 e le 90 unità. “Sono numeri in continua evoluzione, il virus circola e le cose cambiano rapidamente”. Non si placa dunque l’emergenza nella struttura brianzola.

Foto: Pixabay

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Beatrice Elerdini
Giornalista per passione e professione, mi occupo ogni giorno di cronaca nera, politica, attualità, economia e musica. Amo viaggiare, per scoprire luoghi il più possibile sperduti e puri, sono attratta dalle macerie, perché è da lì che nascono le cose migliori. Adoro scorgere la verità in fondo agli occhi delle persone, trovare le loro cicatrici, gli amori, le delusioni e i riscatti. Tutto ciò che appare, ma anche ciò che non si vede è materia preziosa da raccontare. 'Scrivo da sempre e per sempre'. Sono profondamente empatica come ogni scrittore e giornalista deve essere e la mia vita non è che un vano riflesso di quella di tutti gli altri, che nelle parole, nude e crude, scorre impetuosa su un foglio vergine. Volete conoscermi meglio? Cercatemi sul web con nome e cognome!


Articoli più letti di oggi