27 Ottobre 2020 Segnala una notizia
Seregno, giù le mani dalla scuola. Rossi: "Lo dobbiamo agli studenti”

Seregno, giù le mani dalla scuola. Rossi: “Lo dobbiamo agli studenti”

16 Ottobre 2020
Un appello accorato quello del sindaco di Seregno, Alberto Rossi, per non incappare in un nuovo lockdown scolastico. La scuola non si tocca, con una nuova chiusura i ragazzi pagherebbero in termini di istruzione e crescita personale.
La curva dei contagi è in crescita, il primo cittadino lo sa bene, ma da amministratore ha deciso di spendere qualche parola sullo spettro del “tutti a casa”.
“So bene quanto sia facile giudicare senza avere tutti gli elementi, e dunque mi guardo bene dal commentare situazioni di altre Regioni. Ma una cosa la voglio dire chiara: in questa nuova fase di incertezza, dobbiamo fare l’impossibile prima di arrivare solo a pensare di potere richiudere le scuole. Dalle esperienze di questo mese, almeno nella nostra zona, mi pare che le scuole, soprattutto le medie e le superiori dove i ragazzi tengono sempre la mascherina, siano paradossalmente tra i posti più sicuri, e lo mostra il fatto che nella quasi totalità dei casi, ogni volta che si trova uno studente positivo, tutti gli altri risultino poi negativi. Sono altri i luoghi dove i rischi aumentano, dai contatti familiari ad altri luoghi di incontro o di attività pubbliche“.
Alberto Rossi pensa alle lunghe code per i tamponi e non riesce a trattenere la sua rabbia nel pensare a quanto di più si poteva fare e non è stato fatto: “Ora dobbiamo tutti triplicare le forze, e fare le scelte giuste a livello organizzativo e strategico. Non invidio, anzi rispetto molto chi è chiamato a prendere certe decisioni ai livelli istituzionali più alti: so quali sono le fatiche e le responsabilità dell’amministrare una Città di 45mila abitanti, figuriamoci una Regione di 10 milioni o un intero Paese”.
Ma un appello il sindaco seregnese  lo vuole fare: “Le scuole no, stavolta. Lo dobbiamo ai nostri bambini e ragazzi, che la pagherebbero molto di più di quanto immaginiamo. Ai bambini delle elementari, ai ragazzi di medie e superiori, ognuno a suo modo per la propria età. Neanche mi soffermo sulle fatiche enormi di gestione familiare. Mi basta dire quanto pagherebbero loro in termini di istruzione e crescita come persone: la nostra società non può permetterlo“.

Intanto arriva dalla Regione Lombardia la comunicazione che “In conferenza Stato-Regioni è stato chiesto, rispondendo all’appello del presidente del Consiglio dei ministri alla leale collaborazione, l’immediata convocazione della cabina di regia per risolvere due questioni fondamentali per contrastare la diffusione del virus: la didattica a distanza per le classi superiori e lo scaglionamento degli ingressi nelle scuole per evitare gli affollamenti sui mezzi pubblici“. L’assessore al Bilancio, Finanza e Semplificazione della Regione Lombardia Davide Caparini, al termine della riunione convocata questa mattina della Conferenza Stato-Regioni, spiega che “Sono misure che la Lombardia aveva chiesto di adottare già da maggio in vista della riapertura delle scuole”.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Vitagliano
Brianzola d’adozione. Laureata in Lingue, e specializzata in Teorie e metodi per la comunicazione, scrivo principalmente di politica e fatti di cronaca cittadina.


Articoli più letti di oggi

Carate Brianza, lavori socialmente utili. C’è l’accordo con il Tribunale di Monza

Una significativa novità per Carate Brianza che, per la prima volta,  ha stipulato un'importante convenzione con il Tribunale di Monza per la realizzazione di lavori socialmente utili.

Boschetti Reali: inaugurato il Parco Giochi inclusivo. Già al lavoro per un’area ristoro

Il parchetto "anti pusher" è stato inaugurato lo scorso sabato 24 ottobre.

Villa Reale in Consiglio: “Missione riapertura”. L’opposizione “Cosa non ha funzionato?”

Nel consiglio comunale dedicato alla questione della Villa Reale presente anche il Vicepresidente di Regione Lombardia, Fabrizio Sala. Dura la minoranza sul tema del Masterplan e della scarsa comunicazione.

Stop ai teatri, Spinelli del Nuovo di Arcore: “Abbiamo investito in sicurezza, Ma cosa è servito?”

Gianni Spinelli, direttore artistico del Cineteatro Nuovo di Arcore, ha parlato degli investimenti fatti negli ultimi mesi e dei numeri, molto bassi, dei contagi avvenuti nei in cinema e teatri in questi mesi.

Aurora, scrittrice “per caso” ai tempi del Covid: a 9 anni pubblica il suo primo libro

Si tratta di un piccolo volume per bambini. Una raccolta di storie nata durante il lockdown.