23 Ottobre 2021 Segnala una notizia
Droga a Monza, Martinetti replica a Piffer: "Dire che non si sta facendo niente è una falsità"

Droga a Monza, Martinetti replica a Piffer: “Dire che non si sta facendo niente è una falsità”

13 Ottobre 2020

Non si è fatta attendere molto la replica alle affermazioni del consigliere comunale monzese Paolo Piffer relativamente all’impegno dell’attuale amministrazione sui temi del consumo e dello spaccio di sostanze stupefacenti. A descrivere una situazione diversa da quella raccontata dal leader di Civicamente in un nostro precedente articolo, è la consigliera della lista Monzapermaffè, Anna Martinetti. «Non è vero che in città non si sta facendo niente su questo tema – racconta a MBNews la consigliera comunale. – Questa amministrazione ha a cuore la situazione e conosce il problema. Pochi giorni fa abbiamo presentato una mozione che mette al centro la problematica e il suo legame con le giovani generazioni. Stiamo già preparando un percorso di sensibilizzazione e c’è in cantiere la creazione di un osservatorio che si impegni nella raccolta dei dati, nel monitoraggio, nello studio e nell’elaborazione delle politiche che l’amministrazione adotterà per la prevenzione delle dipendenze patologiche».

Il consigliere comunale Paolo Piffer

LA MOZIONE

Una mozione per intraprendere una serie di azioni concrete relativamente a spaccio e consumo di droga tra i più giovani. Questa l’idea dei consiglieri Anna Martinetti e Marco Monguzzi, della lista Monzapermaffè. In cantiere c’è un piano che coinvolga i principali stakeholer territoriali tramite campagne di sensibilizzazioni ad hoc e l’istituzione di un Osservatorio comunale composto da esperti, rappresentanti dei servizi scolastici e sociali, delle Forze dell’ordine, della Polizia municipale, del Terzo settore, dei Sert e dei medici di medicina generale.

«L’amministrazione Comunale monzese – si legge nel testo della mozione – ha già messo in atto numerose azioni concrete per prevenire e contrastare lo sviluppo di dipendenze correlate all’assunzione di sostanze psicoattive, all’abuso di alcol, all’uso delle nuove tecnologie e al gioco d’azzardo, ma riteniamo importante che queste azioni soprattutto quelle rivolte ai giovani minorenni, vengano incrementate e condivise anche da tutte le istituzioni e dalle associazioni territoriali competenti. Bisogna sviluppare a livello comunale la costruzione di ‘patti locali per la salute e la prevenzione’ che, coerentemente inseriti in più ampie strategie provinciali e regionali, coinvolgano sinergicamente le diverse agenzie/opportunità/progetti con obiettivi educativi del territorio».

«Pensiamo che anche l’Istituzione Comunale abbia la competenza e debba recuperare un ruolo educativo e normativo da cui sembra che molti cittadini adulti abbiano abdicato. Educazione e prevenzione sono necessarie e, come gruppo consiliare, richiediamo la messa in atto di azioni finalizzate alla promozione del benessere psicofisico dei nostri cittadini più giovani e proprio per questo più importanti per il futuro della nostra città».

30 mila euro tra prevenzione e campagne informative

Tra le proposte anche la predisposizione di un apposito fondo dedicato alla prevenzione dei disturbi correlati a sostanze e dei disturbi da addiction.

«Facciamo presente – continuano i consiglieri – che nel Bilancio di previsione 2020 del Comune di Monza è stato inserito un emendamento (missione 06 politiche giovanili programma 02 giovani, titolo 01 spese correnti) di 10.000 euro finalizzato ad “interventi di limitazione del rischio e riduzione del danno legati al consumo di alcol e droghe” e anche un altro emendamento ( missione 06 politiche giovanili, programma 02 giovani, titolo 01 spese correnti) di 20.000 euro finalizzato a un progetto di promozione, crescita e benessere pre/adolescenti la promozione di campagne informative, di sensibilizzazione e prevenzione in materia di dipendenze patologiche da rivolgere con particolare riguardo alla fascia d’età giovanile, al contesto scolastico e al supporto alla genitorialità».

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Agnese Zappalà
Agnese Caterina Zappalà, classe 1993. Laureata in Musicologia tra Italia e Francia, diplomata all’ISPI di Milano in Affari Europei, ho recentemente conseguito una seconda laurea in Storia Politica all’Università di Pavia scrivendo di giornalismo femminile nel Risorgimento italiano. Mi piace entrare a contatto con le persone e raccontare le storie che mi emozionano. Giornalista pubblicista.


Articoli più letti di oggi