Quantcast
"Social network e didattica a distanza": due incontri per genitori, docenti ed educatori - MBNews

“Social network e didattica a distanza”: due incontri per genitori, docenti ed educatori

Gli appuntamenti via web sono stati organizzati dall’Assessorato alle Politiche sociali in collaborazione con gli Istituti scolastici, la Parrocchia e le Associazioni genitori cittadine.

computer-free-web5

“Social Network, didattica a distanza, confini mobili: ruoli e corresponsabilità educativa” è questo il titolo del mini-ciclo di incontri svolti a distanza su piattaforma digitale in programma giovedì 5 e giovedì 19 novembre.

I due incontri sono stati organizzati dall’assessorato alle Politiche sociali in collaborazione con gli Istituti scolastici cittadini, la Parrocchia e le Associazioni genitori caratesi. Gli appuntamenti sono dedicati a genitori, insegnanti ed educatori dei ragazzi della fascia dei preadolescenti, studenti tra gli 11 e 14 anni, che frequentano scuole secondarie di primo grado.

I due incontri

A moderare i due appuntamenti via web sarà Stefania Crema, della Cooperativa Sociale Onlus “Atipica” di Besana Brianza referente della rete territoriale di “Ali per l’infanzia e l’adolescenza”, associazione nata per aiutare gli operatori delle scuole del territorio nella trattazione pedagogica, giuridica e sociale delle tematiche relative agli abusi sessuali, ai maltrattamenti, al bullismo e al cyber bullismo. Il primo evento è in programma giovedì 5 novembre alle 20,45, e sarà dedicato alla tematica de “La comunicazione ai tempi dell’emergenza tra certezza, incertezza e fake-news. Confini mobili: Essere genitori sul web tra responsabilità e sicurezza”. Si replica quindici giorni dopo, giovedì 19 novembre sempre alle 20.45 con “L’immagine e la relazione interpersonale ai tempi dell’emergenza Covid: rischi e possibilità. L’importanza della corresponsabilità educativa nella gestione della comunicazione liquida”.

Modalità di partecipazione online 

Per partecipare ai due incontri basta essere in possesso di un collegamento alla piattaforma GoToMeeting. Ricordiamo che per poter partecipare, se è la prima volta che si usa GoToMeeting occorrerà cliccare sul link  inserito anche nel volantino e scaricare il programma GoToMeeting (come richiesto), procedendo con il download. Il codice di accesso alla riunione è 381 362 237.

“La scuola rappresenta un interlocutore privilegiato nel sistema integrato dei servizi a favore delle famiglie e dei giovani per l’importante funzione educativa e sociale che svolge quotidianamente. Per questo motivo abbiamo voluto realizzare anche via web momenti di informazione e formazione rivolti in particolare alle famiglie con figli minori e più in generale ai cittadini interessati, su tematiche d’attualità – ha spiegato Cristina Camesasca, Assessore alle Politiche sociali – Calandoci nella quotidianità, a causa dell’emergenza sanitaria dovuta alla pandemia per il Covid, abbiamo dovuto affrontare nuove problematiche. Rispondiamo ad un’esigenza che in queste settimane è stata molto sentita dai genitori, dagli insegnanti e dagli educatori dei ragazzi tra gli 11 e 14 anni che si sono trovati ad affrontare un mondo digitale totalizzante che fino a pochi mesi fa era sconosciuto”.

Voglio sottolineare come ancora una volta l’Amministrazione abbia fatto da collettore per promuovere la collaborazione tra differenti realtà del territorio che a vario titolo si occupano di educazione al fine di realizzare eventi che possono essere utili alle famiglie e più in generale la comunità educativa del territorio – ha invece sottolineato il Sindaco, Luca Veggian – Grazie alla collaborazione con i dirigenti dell’Istituto Statale Romagnosi e dell’Istituto parrocchiale Vescovi Valtorta e Colombo, con le relative Associazioni dei genitori e la Parrocchia, abbiamo programmato un percorso condiviso per la realizzazione di serate informative sull’uso  dei social network con particolare riguardo al momento vissuto dai nostri giovani in concomitanza con il periodo di chiusura delle scuole a seguito dell’emergenza sanitaria Covid19. I diversi soggetti coinvolti hanno condiviso e accolto favorevolmente la proposta ritenendola rispondente ai bisogni manifestati dalle famiglie”.

Foto repertorio MBNews