27 Luglio 2021 Segnala una notizia
Tangenzialina dell'Ospedale, le previsioni della Provincia: "Lavori conclusi entro fine ottobre"

Tangenzialina dell’Ospedale, le previsioni della Provincia: “Lavori conclusi entro fine ottobre”

28 Settembre 2020

Sembra finalmente vedere la luce la tangenzialina dell’Ospedale, il progetto che collegherà la Statale 36 alla Sp6. Dopo anni di lavori, bandi deserti e i rallentamenti dovuti all’emergenza Coronavirus, il nuovo tratto di strada dovrebbe essere pronto entro fine ottobre. A dichiararlo la Provincia di Monza e Brianza, che ha già in mente un progetto molto più ampio, volto a migliorare la viabilità tra i comuni di Monza, Lissone e Vedano al Lambro.

Una lunga storia

Lo stop dovuto al lockdown non ha eccessivamente compromesso l’ultimo crono-programma della Provincia di Monza e Brianza, e se tutto andrà secondo i piani entro la fine del prossimo mese il cantiere della Sp6 sarà concluso. Seguiranno alcune settimane di collaudo e poi l’odissea della tangenzialina sarà solo un ricordo.

Il blocco provocato dall’emergenza sanitaria è stato infatti solo l’ultimo di una lunga serie di imprevisti che sembravano aver reso quasi un miraggio la conclusione dei lavori. Tutto iniziò quando venne stipulato una convenzione tra la Provincia di Milano e i comuni di Monza, Lissone, Vedano al Lambro e Biassono con l’obiettivo di realizzare una viabilità adeguata di accesso all’Ospedale S.Gerardo di Monza e l’annessa Università di Medicina. La nuova arteria, divisa in 4 lotti, prevedeva la connessione della SS36 “Del lago di Como e della Spluga” con la storica Sp6, ormai completamente urbanizzata, a nord di Biassono. Tuttavia, i lavori per la realizzazione furono interrotti e completati solo parzialmente. La competenza di quel tratto stradale passò poi alla Provincia di Monza e Brianza, per la quale nell’anno 2013 fu redatto il progetto esecutivo finalizzato al completamento della variante per il centro ospedaliero – 2° lotto. Il progetto prevedeva la realizzazione di una galleria artificiale della lunghezza di 356,58 metri, collegata ad ovest alla rotatoria esistente della Birona e ad est al lotto già realizzato dalla Provincia di Milano (svincolo due livelli per il collegamento con il pronto soccorso dell’ospedale e con la viabilità del Comune di Lissone).
La svolta per il completamente della tangenzialina dell’ospedale è avvenuta nell’ottobre del 2019, con l’aggiudicazione dell’appalto da parte della Eatec Srl, che ha assunto l’incarico di completare gli interventi, oramai giunti al 75% del totale.

L’intervento sulla Sp6 fa parte di un disegno molto più ampio. A breve distanza dal punto terminale della tangenzialina, in via Nobel nel comune di Vedano al Lambro, un’intersezione a rotatoria avrebbe dovuto collegare la strada alla Tr Mi 10, un’arteria connessa alla Autostrada Pedemontana Lombarda. Ma il progetto, pronto da anni, è per ora solo sulla carta in attesa dell’avvio del cantiere della tratta brianzola dell’autostrada, che ad oggi sembra ancora lontano.

Meroni: “In cantiere un piano sovracomuale per il traffico”

E a progetto ancora non concluso, la Provincia immagina già il nuovo step. Sul piatto il tema dell’impatto che la nuova strada potrebbe avere sulla viabilità locale. «Il rischio – racconta a MBNews il consigliere provinciale Fabio Meroni – è che il traffico aumenti. Le città di Lissone, Monza e Vedano già vedono un’alta presenza di automobili, ci stiamo impegnando con i comuni per far sì che la situazioni non peggiori. Per questa ragione stiamo lavorando ad un progetto di viabilità nuovo, in modo che la tangenzialina non rimanga fine a se stessa e possa rendere il traffico più scorrevole, evitando nuovi punti critici. Non è un lavoro che spetta alla Provincia, ma vista l’entità del progetto e l’importanza strategica che l’area avrà, abbiamo pensato, in quanto ente sovracomunale, di elaborare una proposta. Adesso servono soluzioni e noi siamo in campo per progettarle, in collaborazione con le amministrazioni locali. Il tutto in attesa del futuro collegamento con la Pedemontana».

 

Foto di repertorio MBNews. 

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Agnese Zappalà
Agnese Caterina Zappalà, classe 1993. Laureata in Musicologia e Beni Culturali tra Italia e Francia e diplomata all’ISPI di Milano in Affari Europei, adesso studio Storia Politica all’Università degli studi di Pavia. Mi piace scrivere, entrare a contatto con le persone e raccontare le storie che mi emozionano. Leggo tanto, soprattutto i grandi classici della letteratura. Una passione insana per il caffè, il cinema francese e lo shopping esagerato.


Articoli più letti di oggi