11 Maggio 2021 Segnala una notizia
Seregno città della musica e "I Musicisti" del Caravaggio diventano un grande murale

Seregno città della musica e “I Musicisti” del Caravaggio diventano un grande murale

10 Settembre 2020

“Abbiamo realizzato una narrazione perfetta, beneficiando anche di una coincidenza eccezionale”: così Andrea Ravo Mattoni ha commentato la propria opera, la “traduzione” in linguaggio street art del capolavoro “I Musici” del Caravaggio, traduzione collocata su un’ampia parete (oltre 150 metri quadrati) all’incrocio tra via Cavour e via Dante.

Una narrazione perfetta, perché con il soggetto raffigurato si celebra Seregno città della musica, città di Ettore Pozzoli, e lo si fa citando un capolavoro di un grande pittore lombardo e collocando la citazione proprio di fianco al Teatro San Rocco dove storicamente si tiene il Concorso Pianistico Internazionale Ettore Pozzoli, una delle manifestazioni di eccellenza del panorama musicale cittadino.

La coincidenza eccezionale è la presenza in Italia dell’originale de “I Musici”, quadro di proprietà del Metropolitan Museum di New York, però in mostra all’Accademia Carrara di Bergamo fino al 30 agosto. Ravo Mattoni ha iniziato il suo lavoro giusto il 31 agosto (terminando la mattina di domenica 6 settembre): quindi si è creata una sorta di staffetta ideale tra Bergamo e Seregno, staffetta celebrata con la gradita presenza della direttrice dell’Accademia Carrara, Maria Cristina Rodeschini, che è intervenuta martedì 8 settembre alla simbolica consegna del murales alla città.

“Quest’opera ha già cambiato il volto di un quartiere – ha detto il sindaco Alberto Rossi -: “Arte Intorno”, che è il filo conduttore di questa ma anche di altre iniziative, è il messaggio che vogliamo lanciare. Non vogliamo limitarci a sistemare ciò che è brutto, vogliamo portare bellezza nella nostra città”.

Ravo Mattoni, chi è?

Nato nel 1981 a Varese, originario della vicina Morazzone, Andrea Mattoni, noto con il nome d’arte di Ravo, discende da una famiglia molto legata all’arte: il padre Carlo Mattoni è stato un artista di arte concettuale e comportamentale, illustratore e grafico; lo zio Alberto Mattoni è stato un illustratore, noto come il nome di Matal; il nonno Giovanni Italo è stato illustratore delle figurine Liebig e Lavazza.

Nel 1995 Ravo inizia il proprio percorso di street artist, riscuotendo apprezzamenti. Gli studi universitari all’Accademia di Brera lo avvicinano all’arte classica e lo portano alla decisione della contaminazione dei generi classico e street art. Dal 2016 ha avviato il progetto ‘Pinacoteca a cielo aperto’, attraverso cui ripropone – opportunamente ridimensionate – sui muri delle varie città opere classiche, soprattutto di Caravaggio.

Per approfondire l’opera di Ravo, www.ravo.art.

Foto concesse dal comune di Seregno

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Fonte Esterna
Questo contenuto non è un articolo prodotto dalla redazione di MBNews, ma è un testo proveniente da fonte esterna e pubblicato integralmente e/o parzialmente ma senza averne cambiato il senso del messaggio contenuto.


Articoli più letti di oggi