27 Ottobre 2020 Segnala una notizia
Monza, la protesta di San Rocco: "Giù le mani dalla nostra piazza"

Monza, la protesta di San Rocco: “Giù le mani dalla nostra piazza”

21 Settembre 2020

“L’unica cosa bella che c’è in questo quartiere è la piazza. E non staremo zitti se ce la vorranno togliere”. Non fanno sconti a nessuno i residenti del quartiere San Rocco, che si sono riuniti nella serata di venerdì 18 settembre per discutere insieme della proposta dell’amministrazione comunale di riaprire al traffico veicolare la piazzetta di San Rocco, situata alla fine di via d’Annunzio. Per loro, un gruppo di circa 150 cittadini, la risposta è categoricamente no: un’apertura al traffico rovinerebbe la piazza e farebbe del male anche alle attività commerciali in prossimità.

Zonca: “La piazza è recente e piace. Perchè un progetto del genere?”

Si spostano dai social alle piazze i cittadini di Monza: questa volta al centro del dibattito c’è la modifica della viabilità relativamente alla riapertura della Via D’Annunzio, la strada che porta alla piazzetta del quartiere San Rocco di fronte al centro civico, attualmente pedonalizzata. A convocare l’assemblea dello scorso venerdì è stato il Partito Democratico di Monza, attraverso la figura di Pietro Zonca, il consigliere comunale monzese che qualche mese fa presentò in consiglio una mozione, poi bocciata, per fermare la riapertura dell’area.

Il consigliere Pietro Zonca spiega il progetto ai cittadini.

«Non c’è l’esigenza di riaprire questa piazza – ci racconta Zonca durante la manifestazione. – Dopo che la mozione presentata è stata bocciata, come Partito Democratico abbiamo capito che non potevamo mollare lì. Per questo abbiamo convocato questa sera l’assemblea: abbiamo voglia di sentire il parere dei residenti, capire insieme se aprire la strada ha senso per loro oppure no e, qualora fossimo tutti dalla stessa parte, ragionare sui prossimi passi. Spesso i cittadini non sanno cosa succede in consiglio comunale: compito della politica dovrebbe essere creare un dialogo con loro, provare a sentire esigenze, problemi, idee. E’ quello che stiamo cercando di fare questa sera. La piazza in questione è molto recente: l’abbiamo inaugurata nel 2004 e quando lo abbiamo fatto oltre mille persone erano qui, per festeggiare un nuovo spazio di incontro e di socialità. Perchè toglierla? Come è cambiata la visione degli amministratori in questi pochi anni? Vorrei capirlo».

«E’ la prima volta che vedo una piazza così partecipata – ci racconta un residente. – Siamo venuti qui perchè abbiamo visto il progetto sulla carta e non ci piace. Se c’è la possibilità di fermarlo lo faremo: vogliamo solo capire come. Io sono pronto a mandare anche adesso una mail al Comune per esprimere il mio disappunto».

«Tutte le volte che c’è una piazza, un quartiere ci guadagna – ha aggiunto il segretario PD Monza, Matteo Raimondi. – Questa amministrazione non si cura delle periferie e ora vuole cancellare un luogo del genere. Come PD ci siamo e siamo pronti a far valere la voce dei residenti nei luoghi opportuni».

Alla serata, oltre ai residenti del quartiere, diversi esponenti del Partito Democratico Monzese e del gruppo consiliare compreso il già Sindaco di Monza, Roberto Scanagatti, che sui social ha commentato: “Oggi a San Rocco non ho incontrato un solo cittadino favorevole alla distruzione della piazza! #salviamolapiazzadisanrocco”

Oggi a San Rocco non ho incontrato un solo cittadino favorevole alla distruzione della piazza! #salviamolapiazzadisanrocco

Публикувахте от Roberto Scanagatti в Вторник, 15 септември 2020 г.

 

 

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Agnese Zappalà
Agnese Caterina Zappalà, classe 1993. Laureata in Musicologia e Beni Culturali tra Italia e Francia e diplomata all’ISPI di Milano in Affari Europei, adesso studio Storia Politica all’Università degli studi di Pavia. Mi piace scrivere, entrare a contatto con le persone e raccontare le storie che mi emozionano. Leggo tanto, soprattutto i grandi classici della letteratura. Una passione insana per il caffè, il cinema francese e lo shopping esagerato.


Articoli più letti di oggi

Carate Brianza, lavori socialmente utili. C’è l’accordo con il Tribunale di Monza

Una significativa novità per Carate Brianza che, per la prima volta,  ha stipulato un'importante convenzione con il Tribunale di Monza per la realizzazione di lavori socialmente utili.

Stop ai teatri, Spinelli del Nuovo di Arcore: “Abbiamo investito in sicurezza, Ma cosa è servito?”

Gianni Spinelli, direttore artistico del Cineteatro Nuovo di Arcore, ha parlato degli investimenti fatti negli ultimi mesi e dei numeri, molto bassi, dei contagi avvenuti nei in cinema e teatri in questi mesi.

Boschetti Reali: inaugurato il Parco Giochi inclusivo. Già al lavoro per un’area ristoro

Il parchetto "anti pusher" è stato inaugurato lo scorso sabato 24 ottobre.

Villa Reale in Consiglio: “Missione riapertura”. L’opposizione “Cosa non ha funzionato?”

Nel consiglio comunale dedicato alla questione della Villa Reale presente anche il Vicepresidente di Regione Lombardia, Fabrizio Sala. Dura la minoranza sul tema del Masterplan e della scarsa comunicazione.

Aurora, scrittrice “per caso” ai tempi del Covid: a 9 anni pubblica il suo primo libro

Si tratta di un piccolo volume per bambini. Una raccolta di storie nata durante il lockdown.