29 Ottobre 2020 Segnala una notizia
A Monza il Santuario delle Grazie è green: emissioni zero

A Monza il Santuario delle Grazie è green: emissioni zero

22 Settembre 2020

E’ a Monza il primo convento francescano ad essere ad emissioni zero. In Italia certamente e probabilmente anche nel mondo. «La certezza non la abbiamo – ci spiega Renato Ornaghi, fondatore della Energy Saving – non ci sono dei veri e propri registri su questo aspetto, ma le probabilità sono altissime. Non è importante però mettere la bandierina, è importante raccontare che proprio qui, in centro a Monza, c’è un modello che potrebbe fare scuola».

Convento delle Grazie Vecchie: la certificazione “Emissione Zero”

Il modello di cui parla Ornaghi è quello del convento francescano al Santuario delle Grazie Vecchie, un luogo in cui da anni, silenziosamente, si applica alla vita di tutti i giorni una filosofia che guarda all’ecosostenibilità e al green. Uno stile di vita che ha fatto incontrare ai frati Francescani la Energy Saving, società monzese attiva da vent’anni nell’ambito dell’efficienza energetica e della sostenibiltà ambientale.
Nel pomeriggio di ieri, lunedì 21 settembre, in occasione della Giornata mondiale Zero Emissioni, lo staff dell’azienda ha piantato nel cortile del santuario 5 alberi di ulivi, simbolo di pace, che andranno ad aggiungersi ai numerosi arbusti presenti nel giardino della struttura di via Montecassino. Un gesto che ha accompagnato la consegna della certificazione “Zero Emissioni”, il riconoscimento dato al convento per aver scelto e puntato sull’energia sostenibile.

Piccoli e grandi gesti che fanno la differenza

«L’efficienza energetica del Santuario delle Grazie Vecchie è parte di un percorso molto ampio – ci spiega Fra Celestino, durante la piantumazione. – L’obiettivo era quello di utilizzare energia sostenibile: lo abbiamo fatto attraverso l’installazione di un impianto fotovoltaico, l’acquisto di energia 100% green, scelte che guardassero il più possibile al bene ambientale. Penso ai lumini, ad esempio: ne consumiamo circa 74.000 l’anno. E dal 2020 sono in plastica riciclabile. Piccoli e grandi gesti che hanno portato a risultati importanti e che per noi rappresentano un motivo di orgoglio».

Concretamente, le nuove piantumazioni, insieme a quelle effettuate dai frati negli anni più recenti e alle scelte sulla produzione dell’energia, contribuiranno ad azzerare le emissioni di CO2 nell’area. Una scelta, quella dei francescani di Monza, che ben si inserisce nello spirito dell’enciclica ‘Laudato sì’ di Papa Francesco, che mette al centro i temi della sostenibilità e invita i fedeli a riflettere sui pericoli della crisi ambientale.

«E non è tutto – prosegue Ornaghi – con questa certificazione il convento francescano monzese si dimostra all’avanguardia e in largo anticipo rispetto all’obiettivo europeo “Green Deal“, che prevede che nel 2050 non siano più generate emissioni nette di gas a effetto serra. Qui siamo in anticipo di 20 anni: non male, vero?»

Alla piantumazione anche il consigliere comunale di Monza Marco Lamperti.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Agnese Zappalà
Agnese Caterina Zappalà, classe 1993. Laureata in Musicologia e Beni Culturali tra Italia e Francia e diplomata all’ISPI di Milano in Affari Europei, adesso studio Storia Politica all’Università degli studi di Pavia. Mi piace scrivere, entrare a contatto con le persone e raccontare le storie che mi emozionano. Leggo tanto, soprattutto i grandi classici della letteratura. Una passione insana per il caffè, il cinema francese e lo shopping esagerato.


Articoli più letti di oggi

Manifatturiero: ottimismo per il 2021 e per Monza e Brianza è stimata una perdita più contenuta

Nel 2020 il PIL lombardo fletterà del -10,2%, più della media nazionale (-9,6%), ma nel 2021 registrerà un rimbalzo più consistente con un +6,9%, rispetto al +6,2% del totale nazionale.

Contratto aziendale scaduto e straordinari non pagati: sindacati in piazza contro il Banco Desio

Il presidio di questa mattina arriva dopo un tentativo di dialogo, poi dimostratosi fallimentare, con l'Amministratore delegato del Banco.

Il Covid-19 mette (di nuovo) a rischio l’apertura della pizzeria di PizzAut

"L'obiettivo però è non fermarsi: sono sicuro che in questi giorni ci verrà in mente una nuova idea, così come abbiamo fatto durante il lockdown con il truck food", spiega Nico Acampora.

Villasanta: installazione delle luminarie natalizie, quest’anno, pagate dal Comune

Saranno "Addobbi semplici ma opportuni in un momento di particolare difficoltà per tutti" il commento del Comune. 

Bovisio Masciago, 60enne nascondeva la cocaina nelle scatole dei medicinali: arrestato

Tutto lo stupefacente è stato sequestrato insieme a un bilancino di precisione, materiale per il confezionamento e la somma in contanti di 2.400 euro, ritenuta provento dell'attività illecita.