05 Dicembre 2020 Segnala una notizia
Monza, incidente in monopattino: trauma cranico per un 20enne

Monza, incidente in monopattino: trauma cranico per un 20enne

29 Agosto 2020

Nottata da dimenticare per un giovane monzese di 20 anni: intorno alle 00.24, è caduto dal monopattino in via Zucchi all’altezza del civico 24, riportando un trauma cranico commotivo e diverse ferite al volto.

La caduta dal monopattino è stata particolarmente violenta, tuttavia al momento non è ancora nota la dinamica dell’incidente. Sul posto sono tempestivamente intervenuti i soccorritori del 118 con un’ambulanza e un’automedica.

Considerate le gravi lesioni riportate, il 20enne è stato subito trasportato al Pronto soccorso dell’ospedale San Gerardo in codice giallo.

A occuparsi di ricostruire l’esatta dinamica del sinistro saranno gli agenti della Polizia Locale sopraggiunti in via Zucchi, per effettuare i rilievi del caso.

Purtroppo non si tratta del primo incidente in monopattino consumatosi per le vie Monza: nel mese di giugno, un altro sinistro si è verificato in via Vittorio Emanuele II all’altezza del civico 25. Il 21 luglio scorso, l’assessore regionale alla Sicurezza, Immigrazione e Polizia locale, Riccardo De Corato, ha chiesto all’Agenzia Regionale Emergenza Urgenza (AREU) un censimento degli incidenti nei quali sono rimasti coinvolti i monopattini elettrici.

Foto di repertorio MBNews

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Beatrice Elerdini
Giornalista per passione e professione, mi occupo ogni giorno di cronaca nera, politica, attualità, economia e musica. Amo viaggiare, per scoprire luoghi il più possibile sperduti e puri, sono attratta dalle macerie, perché è da lì che nascono le cose migliori. Adoro scorgere la verità in fondo agli occhi delle persone, trovare le loro cicatrici, gli amori, le delusioni e i riscatti. Tutto ciò che appare, ma anche ciò che non si vede è materia preziosa da raccontare. 'Scrivo da sempre e per sempre'. Sono profondamente empatica come ogni scrittore e giornalista deve essere e la mia vita non è che un vano riflesso di quella di tutti gli altri, che nelle parole, nude e crude, scorre impetuosa su un foglio vergine. Volete conoscermi meglio? Cercatemi sul web con nome e cognome!


Articoli più letti di oggi