Sport

Atletica. Campionati italiani assoluti alle porte, a Padova anche una Brianza da medaglia

Dal 28 al 30 agosto è in programma la massima rassegna tricolore. Tortu è uno degli uomini immagini della manifestazione. Dal nostro territorio anche Lambrughi, Aceti, Olivieri e Aquaro.

filippo tortu mondiali doha 3

E’ un appuntamento storico. Ma lo sarà ancora di più quest’anno che il Covid-19 inevitabilmente ha messo in stand-by anche lo sport. I Campionati italiani assoluti di atletica leggera, che allo Stadio Colbachini di Padova dal 28 al 30 agosto celebreranno l’edizione numero 110, avranno le luci dei riflettori puntati addosso. Anche perché tra i 736 atleti iscritti (370 donne, 366 uomini), in una rassegna che sarà individuale, ma anche a squadre, ci sono nomi di primissimo piano del mondo italiano della pista.

La sfida che accende la curiosità è sicuramente quella tra il brianzolo Filippo Tortu e Marcell Jacobs sui 100 metri. Riuscirà il 22enne cresciuto a Costa Lambro, una frazione di Carate Brianza, l’italiano più veloce di sempre con il 9.99 ottenuto due anni fa a Madrid (leggi qui), a battere ancora Jacobs e a riavvicinare i tempi del suo primato personale sui 100 metri?

In attesa di conoscere la risposta sabato 29 agosto alle 18.15, quando è in programma la finale per il titolo italiano della gara regina dell’atletica (Orario Campionati Italiani Assoluti), ci saranno altri atleti brianzoli in grado di conquistare una delle 34 medaglie d’oro in palio. O almeno salire sul podio. Da Mario Lambrughi (nella foto in alto) nei 400 ostacoli a Vladimir Aceti nei 400 piani, da Gabriele Aquaro negli 800 metri a Linda Olivieri nei 400 ostacoli. Solo per citarne alcuni.

LA CORSA PER LE MEDAGLIE

Chi parte con i favori del pronostico è Mario Lambrughi. Il 28enne monzese dell’Atletica Riccardi, fino al 2016 tesserato per l’Atletica Vedano, è ormai da anni al vertice delle classifiche italiane dei 400 ostacoli. Questa volta a Padova, però, ha davvero la possibilità di mettersi al collo la medaglia del metallo più prezioso per la prima volta in carriera.

In una stagione segnata dalla pandemia, Mario, che ha un primato di 48.99, si è fermato a 49.83. Potrebbe bastare comunque per battere nella finale in programma domenica 30 agosto i suoi principali rivali Eusebio Haliti (Esercito), Mattia Contini (Aeronautica) e Lorenzo Veroli (Fiamme Azzurre).

Stessa specialità, ma qualche speranza in meno di vittoria, per Linda Olivieri. La 22enne di Novara, studentessa di Architettura al Politecnico di Milano, tesserata per le Fiamme Oro Padova e per l’Atletica Monza, dovrà infatti vedersela con Ayomide Folorunso, campionessa italiana in carica dei 400 ostacoli. L’anno scorso a Bressanone, in provincia di Bolzano, Linda perse di soli 10 centesimi con un finale in gran recupero (clicca l’articolo).

Quest’anno, però, l’atleta allenata da Giorgio Ripamonti, che nel 2019 è stata argento anche ai Campionati europei Under 23 (leggi qui) a Gavle, in Svezia e ha abbassato il suo personale a 55’’97 al meeting svizzero di La-Chaux-de-Fonds, non sembra aver ancora trovato il ritmo dei tempi migliori.

Nel 2020 Linda, infatti, non è andata al di sotto del 57.85, ottenuto il 17 agosto nel Meeting internazionale di Lignano Sabbiadoro, mentre la Folorunso, che ha un personale di 54.75, vanta il 55.40 fatto segnare a Pavia. Nei 400 ostacoli di Padova proverà a dire la sua anche Rebecca Sartori, 56.89 di primato personale, altra atleta della scuderia di Giorgio Ripamonti.

L’allenatore monzese si occupa anche di Lorenzo Perini, specialista dei 110 ostacoli e portacolori dell’Aeronautica militare. Lorenzo, per il titolo di campione italiano assoluto, già ottenuto nel 2017, affronterà il tricolore in carica Hassane Fofana. I tempi di quest’anno, 13.68 per Perini e 13.74 per Fofana, dicono che per la vittoria sarà davvero questione di pochi centesimi.

Padova potrebbe essere l’occasione giusta per Vladimir Aceti. Che potrebbe salire per la prima volta sul gradino più alto del podio dei 400 metri. Il 21enne di origini russe, tesserato per le Fiamme Gialle e amico di Tortu, con cui si è allenato tante volte sulla pista di Giussano dell’Atletica Vis Nova, infatti, potrebbe approfittare dell’assenza di Davide Re, indiscusso favorito della vigilia.

A contendere il titolo italiano ad Aceti, che nel 2020 ha limito il suo personale sui 400 fino a 45.65, sarà soprattutto Edoardo Scotti, campione europeo under 20, capace pochi giorni fa di fermare il cronometro a 45.48 a Bydgoszcz nel primo meeting internazionale della sua carriera.

Negli 800 metri fondate speranze di vittoria ce le ha anche Gabriele Aquaro (il primo nella foto in alto). Il 23enne mezzofondista del Team-A Lombardia, il sodalizio che riunisce l’Athletic Club Villasanta, GSA Brugherio, Cinque Cerchi Seregno, Atletica Cesano Maderno e Atletica Concorrezzo, è in grande spolvero. E nel 2020 sul mezzo giro di pista ha prima migliorato il suo personale con 1:47.50 l’11 luglio ad Ancona, poi il 17 agosto nel Meeting di Lignano Sabbiadoro è sceso fino ad 1:47.32.

Una prestazione che lo pone a soli due centesimi da Simone Barontini (Fiamme Azzurre), campione italiano in carica sugli 800 metri ed autore del miglior tempo quest’anno sulla distanza. Tra i favoriti a Padova c’è anche Stefano Migliorati (San Rocchino) capace di 1:46.82 nella stagione passata.

LA BRIANZA IN PISTA

Ai Campionati italiani assoluti non ci saranno soltanto i brianzoli in grado di vincere una medaglia. In Veneto, infatti, sta per approdare una nutrita truppa di atleti dalle belle speranze, che punteranno a togliersi qualche soddisfazione personale.

Tra questi sicuramente la monzese Laura Pirovano (la prima da sinistra nella foto in alto), 19 anni il prossimo 3 settembre, vice-campionessa italiana juniores nel salto con l’asta lo scorso febbraio ad Ancona, bissando il risultato del 2019. Nel capoluogo marchigiano Laura, cresciuta nell’Atletica Monza ed ora in forza alla Pro Sesto, ha migliorato il suo personale con un volo a 3,92 metri.

A Padova ci sarà anche la sua coetanea e compagna di squadra, Alice Narciso, mezzofondista allenata a Monza da Achille Fecchio, storico tecnico della Forti e Liberi, iscritta alla staffetta 4×400 metri. La lista degli atleti brianzoli impegnati sulla pista dei Campionati italiani del prossimo week-end annovera anche Simona Previtali (Atletica Vedano) e Marta Radaelli (Team-A Lombardia) nel martello, Altea Calastri nel salto in alto e Andrea Fassina nel disco, entrambi del Team-A Lombardia, Fabio Vian (Forti e Liberi Monza) nel disco.