09 Agosto 2020 Segnala una notizia
Villa Reale ancora chiusa. Il Comitato sul piede di guerra: "Salviamo la Reggia"

Villa Reale ancora chiusa. Il Comitato sul piede di guerra: “Salviamo la Reggia”

6 Luglio 2020

A un mese e mezzo dalla riapertura degli spazi museali italiani, continua lo strano caso della Villa Reale di Monza. Ancora (quasi interamente) chiusa al pubblico, con solo alcune eccezioni per eventi privati o manifestazioni esterne alla corte d’onore. Una chiusura prolungata, legata in parte al contenzioso legale tra pubblico e gestore privato, che fa arrabbiare in molti. Tra i più agguerriti ci sono i membri del Comitato Parco di Monza A. Cederna che hanno lanciato proprio in queste ore un appello per “salvare la Villa Reale dalle pretese del concessionario e dall’incapacità colpevole degli amministratori pubblici”.

L’appello del Comitato: “Serve una nuova progettualità”

«Anche se i musei sono ora aperti – si legge nel testo dell’appello – la parte nobile della Villa Reale di Monza, in concessione dal luglio 2011 a Nuova Villa Reale S.p.a. guidata dall’imprenditore Attilio Navarra, rimane chiusa al pubblico e fruibile solo per “eventi” riservati, in violazione del contratto. Il concessionario ha colto l’occasione offerta dalla pandemia per dare concretezza a un disegno perseguito da tempo: quello di recedere da un impegno contrattuale che si è rivelato meno lucroso di quanto sperasse. Lo dimostra il fatto che già all’inizio di dicembre 2019 ha presentato un atto di recesso, intimazione e messa in mora, chiedendo al Consorzio che gestisce Parco e Villa un risarcimento di 8milioni e 307mila euro come “somme dovute” per penali, copertura costi e recupero dell’investimento».

«Il rischio che possa vincere il contenzioso è reale stante lo squilibrio a favore del concessionario delle disposizioni del bando all’origine della concessione – proseguono i membri del comitato. – A ciò si aggiunge l’amara constatazione che gli amministratori pubblici che si sono succeduti dal 2011 a oggi non hanno saputo o voluto cercare di riequilibrare una situazione svantaggiosa per la collettività e ora balbettano di fronte all’arroganza di un concessionario che si sente in posizione di forza tanto da sfidare il Consorzio chiamandolo in giudizio e tenendo sbarrati cancelli e stanze della Villa ai visitatori».

«Di fronte alla situazione di stallo che si è creata, che incide pericolosamente sul futuro della Villa, è venuto il momento di rimediare ai guai prodotti dal bando, recuperando l’unitarietà fisica e gestionale del monumento e promuovendo finalmente una progettualità che finora è mancata. Si può partire, ad esempio, dal riallestimento degli interni nobili e dalla narrazione delle vicende che ne hanno caratterizzato oltre due secoli di storia. Una Villa “museo di se stessa” oltre che promotrice di cultura e di didattica, che può essere la base su cui costruire un rinnovato interesse di visitatori provenienti da tutto il mondo attorno al complesso paesaggistico di Villa e Parco».

L’impegno del comitato nella Fase 2

A fine maggio il Comitato si era detto “pronto a collaborare” con il Comune per un rilancio dell’intero complesso di Parco e Villa. Nella prima conferenza stampa della Fase 2, alcuni membri avevano raccontato alla stampa che era necessario “un cambio di passo” e che la chiusura della maggior parte degli spazi della Reggia costituiva “un evidente fallimento nella gestione del modello pubblico-privato che ora rischia di costare molto, in termini economici e di fruizione, a tutta la collettività”.

Attualmente gli unici spazi aperti della Reggia sono gli appartamenti reali del primo piano nell’ala sud, quelli pubblici, gestiti dal Consorzio  e l’attività ristorativa, raggiungibile in settimana dai giardini interni e non dalla corte d’onore, ad esclusione del weekend, in cui l’accesso è possibile anche dall’ingresso principale.

 

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Agnese Zappalà
Agnese Caterina Zappalà, classe 1993. Laureata in Musicologia e Beni Culturali tra Italia e Francia e diplomata all’ISPI di Milano in Affari Europei, adesso studio Storia Politica all’Università degli studi di Pavia. Mi piace scrivere, entrare a contatto con le persone e raccontare le storie che mi emozionano. Leggo tanto, soprattutto i grandi classici della letteratura. Una passione insana per il caffè, il cinema francese e lo shopping esagerato.


Articoli più letti di oggi

Monza, la storia di Francesco Cingi, barista dell’Auchan in cammino sulla via Francigena

Ceetrus, la società che gestisce la galleria commerciale, ha ricomprato gli scarponi rubati al monzese. Il Direttore Corrado Stivanin: "Vogliamo sostenerlo in questo suo percorso diventando una sorta di assicurazione contro eventuali disagi o momenti di difficoltà che potrà trovare lungo il cammino".

Lombardia, aumentano i guariti. In Brianza 2 nuovi casi

Aumentano i guariti e dimessi (+171), diminuiscono i ricoveri (-8) e nessun contagio a Lecco e Pavia. Questi i principali dati di sabato 8 agosto.

Monza, cerca di acquistare due telefoni con documenti falsi. Arrestato

Condotto presso la questura di Monza per i rilievi fotodattiloscopici, è emerso come il soggetto fosse già noto alle forze dell'ordine per lo stesso reato commesso a Firenze nel gennaio 2020.

Monopattini a Monza, sventato il primo tentativo di furto. La ditta sporge denuncia

Tentativo di furto sventato dall'Arma dei Carabinieri di Monza a danno della nuova flotta di monopattini della Dott, primo operatore a offrire l’innovativo servizio di sharing nella città di Teodolinda.

Piscine all’aperto: le aperture a Monza e Brianza

C'è chi apre subito e chi si prende ancora qualche giorno. Ecco come vanno le riaperture delle piscine in Brianza ai tempi del Coronavirus.