10 Maggio 2021 Segnala una notizia
Monza punta sulla sharing mobility: da oggi 400 monopattini elettrici in città

Monza punta sulla sharing mobility: da oggi 400 monopattini elettrici in città

22 Luglio 2020

Sono pronti a sfrecciare tra le strade monzesi i 400 monopattini elettrici arrivati oggi in città. Un ulteriore passo avanti verso una Monza più green, che nel post lockdown sembra ripartire proprio dalla mobilità dolce. Complice anche la spinta arrivata a seguito dell’emergenza Coronavirus, che ha messo in discussione i modelli di città e costretto le amministrazioni ad accelerare i tempi sui progetti di sharing mobility.

«Dare ai cittadini alternative per spostarsi sul territorio e consentire un trasporto flessibile, leggero, a baso impatto ambientale e complementare a bus, treno e auto ci permetterà di contenere la congestione del traffico e i livelli di inquinamento in città oltre che a rispettare il distanziamento sociale – ha dichiarato il primo cittadino di Monza, Dario Allevi, alla presentazione dei mezzi. – È una grande opportunità per muoversi agevolmente e in modo sostenibile, ma solo a patto che vengano usati con prudenza e nel totale rispetto delle regole, al pari di tutti i mezzi che circolano sulle nostre strade. C’è posto per tutti se ci muoviamo con buonsenso e rispetto».

L’arrivo dei monopattini in città

Lo scorso maggio il comune aveva dato avvio all’iter per portare in città i monopattini elettrici in sharing. La gara era stata condotta da Monza Mobilità, l’ Srl 100% comunale che si occupa dei servizi di trasporto e sicurezza urbana nel comune capoluogo, compresa la redazione degli strumenti di pianificazione, oltre all’implementazione dei servizi di bike sharing, car sharing e ulteriori analoghi. Dopo le valutazioni amministrative e tecniche i soggetti aggiudicatari del servizio erano risultati la Emtransit Srl e la Wind Mobility Gmbh. 

«Eravamo fiduciosi sulle tempistiche – ha aggiunto l’amministratore unico di Monza Mobilità, Davide Mardegan – e siamo felici che tutto è andato secondo i piani. A partire dalla giornata di oggi il servizio è disponibile in città. E’ importante che gli utenti capiscano che non si tratta di un gioco, ma di un mezzo di trasporto vero e proprio, che può raggiungere velocità mediamente elevate. Per questa ragione abbiamo programmato con i gestori dei momenti di formazione e uso consapevole».

Le regole

Il servizio non prevede stazioni «fisiche» alle quali agganciare i dispositivi, ma sarà free floating. Nell’area a «sosta vincolata» che comprende il centro storico, la Stazione e il Parco i monopattini gialli di Wind e quelli colorati di Emtransit potranno essere prelevati e restituiti solamente in specifiche aree di sosta «virtuali» mappate sulle app di ciascuno degli operatori. In una fase iniziale del servizio, per «abituare» gli utenti ed evitare problemi nella sosta, alcune aree più sensibili saranno individuate anche con dei «bolli adesivi» posizionati sull’asfalto. Al di fuori dell’area a «sosta vincolata» il parcheggio sarà possibile in qualsiasi punto della città negli stalli dedicati alle biciclette o a lato strada, dove non sia espressamente vietato e sempre secondo le regole del Codice della strada. Per quanto riguarda, invece, la presa dei monopattini sono stati individuati dei punti strategici in cui ogni giorno gli operatori dovranno ricollocare i monopattini lasciati in sosta libera.
I monopattini potranno circolare, in città, ad una velocità di 25 km/h tranne all’interno dell’area pedonale, dove la velocità è ridotta a 6km/h, mentre nelle aree ad alta densità pedonale, all’interno del parco e lungo il canale Villoresi, la velocità è di 15 km/h. La circolazione è invece vietata lungo l’asse di viale Marconi- viale Enrico Fermi- viale delle industrie- viale Stucchi- Sp60 e all’interno dei Giardini della Villa Reale.
Attraverso una app è possibile noleggiare i monopattini e geolocalizzare le aree dedicate. Il costo del servizio è 1 euro per lo sblocco e 15 centesimi per ogni minuto di utilizzo per i monopattini Wind, mentre Emtransit non prevede costi di prelievo ma solo d’uso (25 centesimi al minuto). Previste anche tariffe flat giornaliere (4,99 euro Wind e 14,99 euro Emtransit), settimanali (19,99 euro Wind e 29,99 Emtransit) e mensili (49,99 euro Wind e 89,99 euro Emtransit).

Il commento dell’Assessore Arena: “Un’idea di città ben precisa”

I nuovi mezzi sono stati provati questo pomeriggio. I primi a sfrecciare sui veicoli elettrici sono stati il Sindaco Allevi e l’Assessore alla mobilità del Comune di Monza, Federico Arena, che ha seguito in ogni sua fase l’arrivo dei dispositivi in città.
«Quello di oggi è un bel traguardo – ha commentato Arena. – La giunta sta portando avanti un disegno ben preciso di città: piste ciclabili, bike sharing, bike lanes e ora i monopattini elettrici. E’ da tempo che ci lavoriamo e adesso che il progetto si sta concretizzando capiamo che stiamo andando nella direzione giusta».
E non finisce qui. L’Assessore guarda avanti: «Dopo l’estate partirà anche un servizio di car sharing completamente elettrico gestito da E Vai e installeremo un’ottantina di colonnine nei prossimi due anni per la ricarica delle auto elettriche».

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Agnese Zappalà
Agnese Caterina Zappalà, classe 1993. Laureata in Musicologia e Beni Culturali tra Italia e Francia e diplomata all’ISPI di Milano in Affari Europei, adesso studio Storia Politica all’Università degli studi di Pavia. Mi piace scrivere, entrare a contatto con le persone e raccontare le storie che mi emozionano. Leggo tanto, soprattutto i grandi classici della letteratura. Una passione insana per il caffè, il cinema francese e lo shopping esagerato.


Articoli più letti di oggi