13 Maggio 2021 Segnala una notizia
Monza, party abusivo al Nei: arrestato il presunto responsabile dell'aggressione

Monza, party abusivo al Nei: arrestato il presunto responsabile dell’aggressione

17 Luglio 2020

A Monza, la notte del 10 luglio è stata caratterizzata da un party abusivo andato in scena nella zona del centro sportivo Nei. Durante la festa clandestina, organizzata in strada, in via Enrico da Monza, un 40enne di origine nordafricana, senza fissa dimora, è stato brutalmente aggredito al volto con una bottiglia di vetro e rapinato da un gruppo di persone, con le quali si era accesa una lite.

Ora uno degli aggressori ha un volto grazie alle indagini condotte dai Carabinieri di Monza: si tratta di un trentenne, di origine marocchina, senza stabile dimora. Sarebbe lui il presunto autore delle lesioni inflitte al 40enne.

Ancora in corso sono le indagini finalizzate all’individuazione degli altri soggetti coinvolti, nonché all’accertamento delle motivazioni alla base della violenta aggressione. Dal canto suo, la vittima, che era stata immediatamente trasportata al pronto soccorso del San Gerardo, è stata dimessa, dopo aver ricevuto le opportune cure.

Foto di repertorio MBNews

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Beatrice Elerdini
Giornalista per passione e professione, mi occupo ogni giorno di cronaca nera, politica, attualità, economia e musica. Amo viaggiare, per scoprire luoghi il più possibile sperduti e puri, sono attratta dalle macerie, perché è da lì che nascono le cose migliori. Adoro scorgere la verità in fondo agli occhi delle persone, trovare le loro cicatrici, gli amori, le delusioni e i riscatti. Tutto ciò che appare, ma anche ciò che non si vede è materia preziosa da raccontare. 'Scrivo da sempre e per sempre'. Sono profondamente empatica come ogni scrittore e giornalista deve essere e la mia vita non è che un vano riflesso di quella di tutti gli altri, che nelle parole, nude e crude, scorre impetuosa su un foglio vergine. Volete conoscermi meglio? Cercatemi sul web con nome e cognome!


Articoli più letti di oggi