06 Luglio 2020 Segnala una notizia
Monza, festa patronale smart: in scena va il video della rievocazione storica

Monza, festa patronale smart: in scena va il video della rievocazione storica

24 Giugno 2020

Benvenuti a “Modo Etiam”, a Monza, nel giorno di San Giovanni Battista, patrono della città. La storia incontra la tradizione. Quella della famosa rievocazione storica ideata da Ghi Meregalli, che quest’anno spegne le sue 39 candeline. Un anniversario “insolito”, visto il periodo, ma che non si è lasciato sopraffare. A Monza andrà in scena l’avvincente racconto della rievocazione storica.

La storia è testimonianza del passato” diceva Cicerone e oggi, 24 giugno, a Monza si celebra la festa patronale. Un’occasione, che da sempre, ha vissuto all’insegna della convivialità e dell’aggregazione, nella suggestiva cornice del centro cittadino. Un tuffo nel passato, tra cavalieri e contadini. Falconieri e maestranze varie. “Ogni anno – spiega Ghi Meregalli – l’anniversario del santo patrono di Monza è uno dei giorni più attesi da tutta la cittadinanza”.  Quest’anno, però, non ci sarà nessun corteo, date le restrizioni legate alla pandemia da Coronavirus. Ci sarà al contrario il video racconto delle precedenti rievocazioni storiche. 

La pandemia tutt’ora in corso non è riuscita a cambiare la nostra identità, la nostra storia, le nostre radici”. Sono parole sentite e piene di orgoglio, quelle del sindaco di Monza Dario Allevi. “In questo tragico 2020 – aggiunge – la rievocazione storica si terrà lo stesso anche se in modo differente. La determinazione e l’entusiasmo degli organizzatori e dei volontari, sono infatti stati più forti anche di questo maledetto virus. La Rievocazione quest’anno girerà sugli schermi dei nostri pc e dei nostri smartphone attraverso i social network e racconterà delle donne e degli uomini, che per mesi si impegnano per dare vita a questa pagina di storia locale“.

GUARDIAMO IL VIDEO:

“La storia – diceva Erodoto – ci insegna a conoscere il passato e a prevedere il futuro”. Una grande maestra, la storia, che non può né deve essere lasciata indietro. Ed è parafrasando il padre della storiografia, che Allevi conclude: “L’evento è ormai un vero e proprio rito collettivo, un momento di recupero della memoria storica.  Il video che è stato creato è un omaggio a tutti i cittadini perché sperimentino sempre più profondamente la fierezza di appartenere alla nostra città”.

“La mia attenzione – ha spiegato Ghi Meregalli – è sempre stata rivolta a cercare di trasmettere alle persone i fatti sconosciuti legati alla storia del nostro territorio. E la scelta di focalizzarmi sul periodo medievale è indubbiamente legata all’importanza che la manifestazione ha assunto nell’ambito delle celebrazioni estive per la festa di San Giovanni. Monza, peraltro, conserva tracce ancora molto evidenti del Medioevo, in specialmodo nella sua architettura”.

Guardare il passato per conoscere, ma soprattuto guardare al futuro per ripartire. La realizzazione di questo video, hanno spiegato gli organizzatori della Rievocazione, è stata anche l’occasione per festeggiare la nascita del Comitato per la Rievocazione Storica, istituito l’8 giugno 2020. “Si tratta – spiega Ghi Meregalli – di un team di esperti che hanno dimostrato tutto il loro entusiasmo e la voglia di seguirmi in questa straordinaria iniziativa culturale, ponendosi a pieno titolo come miei eredi e continuatori nell’opera di divulgazione dell’illustre passato della città e della Brianza tutta”.

 

*Foto di archivio edizioni precedenti.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Massimo Chisari
Milanese di nascita, brianzolo d'adozione. Guardo il mondo attraverso la mia macchina fotografica. Osservo. Cerco. E tramite le parole, racconto. Amo il giornalismo, quello sincero perché scrivere significa smettere di respirare per raccontare con il cuore. Ho due grandi passioni. L'arte e la letteratura, quella russa soprattutto. Ma ho un unico grande amore, anzi due. I miei due cani, Hubert e Brunhilde.


Articoli più letti di oggi

Covid, un nuovo decesso a Seregno. La 38esima vittima da inizio emergenza

Il Coronavirus miete una nuova vittima a Seregno, la 38esima da inizio emergenza. A commentare la triste notizia è il sindaco Alberto Rossi. 

Brugherio, cresce il numero delle sorveglianze attive. Troiano “Non abbassate la guardia”

Nella giornata di ieri la provincia di Monza e Brianza ha registrato 5 nuovi casi positivi al Coronavirus. Ecco gli ultimi aggiornamenti forniti dal sindaci brianzoli.

Aggiornamento Coronavirus: i dati diffusi da Regione Lombardia al 6 luglio

Sono 111, di cui 76 a seguito di test sierologici e 23 'debolmente positivi', i nuovi contagi Covid in Lombardia.

Arcore, da Elisabetta Baggio a “Leli Neeraja” per amore della danza indiana

L'arcorese, insegnante di danza orientale e di yoga, trascorre ogni anno tre mesi in Rajastan per studiare una danza classica originaria dell'Orissa.

Asfalti Brianza, la perizia del Comune: “L’attività è insalubre (di prima classe)”

Megafono dei residenti è anche il Comitato Sant'Albino, che ha analizzato la perizia nel dettaglio. "L'azienda non può più stare vicino ai centri abitati", ci spiegano.