14 Luglio 2020 Segnala una notizia
Monza, test e tamponi gratuiti per le imprese della città: il progetto

Monza, test e tamponi gratuiti per le imprese della città: il progetto

23 Giugno 2020

Lo scorso 4 marzo l’amministrazione comunale di Monza annunciava con una conferenza stampa i primi 4 casi di COVID-19 in città. A 100 giorni circa da quella drammatica data, il Comune è tornato ad aprire oggi, martedì 23 giugno, la sala giunta del Palazzo in Piazza Trento e Trieste per raccontare il progetto “Monza Consapevole“, l’iniziativa che permetterà di attuare test sierologici e tamponi gratuiti contro il Coronavirus. Un’idea frutto di una sinergia vincente tra tante realtà e famiglie virtuose del territorio.

«In questi giorni difficilissimi c’è stato spazio anche per le cose belle – ha raccontato il Sindaco Dario Allevi. – E’ venuta a galla una delle caratteristiche più speciali del nostro territorio: la capacità di fare squadra. Oggi presentiamo un progetto unico in Italia di cui sono molto orgoglioso e che mette intorno a un tavolo alcune delle personalità che maggiormente si sono spese per il nostro territorio. E’ questa la città che ci piace».

L’iniziativa

Test Covid, gratuiti e veloci per le imprese della città: è questo il cuore di “Monza Consapevole”. Beneficiari dell’iniziativa saranno le attività commerciali e artigianali della città di Monza fino a 4 dipendenti. Su ogni persona verranno effettuati due test: il primo sarà un piccolo prelievo di sangue per il test sierologico che rileverà gli anticorpi contro il virus; il secondo, l’esecuzione contestuale di un tampone che verrà analizzato soltanto nel caso di positività agli anticorpi. Entrambi i test si terranno su appuntamento, nel pieno rispetto delle norme e delle necessarie misure di sicurezza, presso l’Arena di Monza (in viale Stucchi).

La rete a supporto del progetto dell’iniziativa è ampia e di prim’ordine. La direzione sanitaria è affidata al prof. Marco D’Orso dell’Università di Milano-Bicocca e Synlab. Sempre Synlab si occuperà dell’esecuzione dei test sierologici e dell’analisi dei tamponi dei soggetti positivi al prelievo. La supervisione scientifica è affidata all’Università di Milano-Bicocca, prima Università d’Italia nell’ambito della ricerca.

Padri e finanziatori di “Monza Consapevole” sono i membri delle famiglie Fumagalli e Rovati, in prima linea durante tutta l’emergenza COVID-19, a Monza e non solo.

I numeri

Ma di che numeri stiamo parlando? «Sono cifre importanti che ci permettono di creare un campione considerevole e attendibile – ha spiegato Silvano Casazza, Direttore Generale ATS Brianza. Secondo le stime, i soggetti coinvolti sono circa 8000, provenienti da circa 3800 aziende della città. A questi si sommano 240 volontari, che durante i mesi del lockdown hanno portato un contributo importante in città.

Tutto dovrà essere fatto in tempi record, con ritmi di 500 persone al giorno. «Il periodo che abbiamo ipotizzato va dal 24 giugno al 10 luglio – spiega Lucio Rovati, impegnato in prima persona anche nello studio del vaccino italiano contro il Coronavirus. – Siamo ottimisti: la rete che abbiamo creato è costituita da grandi professionisti. E lasciatemi dire che non è facile mettere in campo un’idea come questa, soprattutto a livello logistico. Saremo rapidi anche con i tempi, in modo da “tranquillizzare” tutti coloro che aderiranno all’iniziativa. L’esecuzione dei test richiederà dieci minuti circa e l’esito degli stessi sarà disponibile in pochissimi giorni. A differenza di altre indagini in corso sul territorio nazionale, a seguito di test sierologico positivo non sarà necessario alcun isolamento preventivo dei soggetti e nessuna interruzione della propria attività professionale se non per chi poi dovesse risultare positivo anche al tampone. Soltanto in questo caso ATS contatterà gli interessati per le opportune misure preventive».

Come partecipare

La possibilità di effettuare i test gratuiti è dedicata ai titolari e al personale delle microimprese commerciali e artigianali di Monza fino a 4 dipendenti. Per prenotarsi e ricevere tutte le informazioni di cui si ha bisogno è possibile andare sul sito www.monzaconsapevole.it o chiamare il numero 334 2409907.

Monza Consapevole ha il Patrocinio della Regione Lombardia e di Assolombarda e il supporto organizzativo di Confartigianato, Confcommercio, Camera di Commercio, Avis, Consorzio Vero Volley, Mille respiri per Bergamo e Monza Brianza.

 

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Agnese Zappalà
Agnese Caterina Zappalà, classe 1993. Laureata in Musicologia e Beni Culturali tra Italia e Francia e diplomata all’ISPI di Milano in Affari Europei, adesso studio Storia Politica all’Università degli studi di Pavia. Mi piace scrivere, entrare a contatto con le persone e raccontare le storie che mi emozionano. Leggo tanto, soprattutto i grandi classici della letteratura. Una passione insana per il caffè, il cinema francese e lo shopping esagerato.


Articoli più letti di oggi

Lombardia, mascherina all’aperto ma solo se non c’è distanziamento

La decisione giunge dopo che il governatore lombardo ha recepito le indicazioni del comitato tecnico scientifico riunitosi questo pomeriggio.

Rottamazione ed ecobonus, come usare gli incentivi del Decreto rilancio

Esistono portali web che forniscono tutte le informazioni necessarie sui nuovi contributi auto, come Rottamazione 2020.

Piccioni trafitti e lepri scuoiate al Parco di Monza: la denuncia shock dell’Enpa

Enpa Monza e Brianza spiega come via sia tutto un "campionario degli orrori" in questo periodo post lockdown nel Parco e nei giardini della Villa Reale di Monza.

Brugherio, tornano i contagi e nessun nuovo guarito. Troiano: “Prudenza”. L’aggiornamento dei sindaci

Nella provincia di Monza e Brianza nelle ultime 24 ore sono 7 i nuovi pazienti positivi al Covid.

Giussano, gira seminudo per la strada e finisce in manette: era appena stato espulso dall’Italia

Il 36enne marocchino arrestato, era stato appena espulso, mediante imbarco su volo diretto in Marocco, lo scorso 3 luglio 2020 con divieto di rientro fino al 01 luglio 2024. Processo in mattinata.