14 Maggio 2021 Segnala una notizia
Monza, Ponte Colombo: iniziata la demolizione

Monza, Ponte Colombo: iniziata la demolizione

22 Giugno 2020

Le ruspe sono al lavoro. E’ iniziata la demolizione del Ponte Colombo chiuso urgentemente nel settembre del 2018 per rischio crollo.

Sono previsti 150 giorni di lavori per arrivare alla completa demolizione del manufatto. Il termine con il nuovo ponte è previsto per il 22 ottobre.  Il cantiere per il nuovo Ponte Colombo era iniziato lunedì 25 maggio. L’opera, attesa da quasi due anni, ricollegherà l’area di piazza Cambiaghi a quella di Spalto Santa Maddalena, due tra gli spazi più vissuti nella città di Monza.

Oggi erano presenti sia il sindaco, Dario Allevi, sia il vicesindaco e assessore ai Lavori Pubblici, Simone Villa.

“E’ da tempo che aspettiamo questa momento – dichiara il sindaco Dario Allevi – quest’opera è la testimonianza di quanto sia difficile nel nostro paese passare dalla carta al cantiere e quanto tempo ci voglia. Poche settimane dopo aver saputo che il ponte era a rischio crollo abbiamo trovato immediatamente i soldi da mettere a bilancio e da li è iniziato l’iter infinito che il Codice di appalti attuale prevede. Oggi finalmente l’inizio vero dei lavori, quello che la gente attendeva e aspettava. Ci auguriamo che questa sia l’ultima opera pubblica che abbia una gestazione così lunga e che il Governo possa attuare la revisione del Codice di appalti, siamo l’unico paese al mondo che per fare un ponte di qualche decina di metri impieghi un anno e mezzo e circa 30 passaggi”.

Conclusi gli interventi sui sotto servizi ad opera di Enel Distribuzione, l’azienda incaricata dei lavori, la “Edilmecos” di Vinovo (TO), ha eseguito i rilievi tecnici per procedere alla costruzione delle travi portanti che in accordo con la Direzione Lavori, saranno realizzate in acciaio corten. L’utilizzo di questo materiale consentirà di eliminare le operazioni di verniciatura delle travi e permetterà di ridurre le opere di manutenzione del ponte stesso con una riduzione dei costi. Contemporaneamente l’impresa sta programmando con la ditta specializzata le operazioni di demolizione dell’impalcato esistente.

I prossimi interventi prevedono scavi di sondaggio sugli appoggi delle travi per valutare le esatte modalità di taglio e demolizione della struttura, nonché la rimozione dei cavidotti esistenti non più utilizzati e la messa in sicurezza di quelli da mantenere.

“Nell’estate del 2018, ancora prima dell’infelice caso del Ponte Morandi, avevamo avviato il monitoraggio sui 35 ponti e viadotti di nostro competenza in città – afferma Simone Villa, vicesindaco e assessore ai Lavori Pubblici – monitoraggio che non era mai stato fatto negli ultimi 30 anni. L’esito avuto per fortuna è stato quello che solo un ponte aveva una situazione di grave compromissione, appunto il Ponte Colombo. Se questo controllo fosse stato fatto nel tempo sarebbe stato possibile fare atti di manutenzione che ci avrebbe magari consentito di non chiudere definitivamente il ponte, di doverlo abbattere per poi ricostruirlo. Tutto ciò non è stato fatto, siamo stati quindi costretti a chiuderlo per poi avviare l’iter previsto”.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Matteo Riccardo Speziali
Chi sono? Matteo Riccardo Speziali, una vita nel cercare di scoprirlo (chi sono) e nel frattempo il raccontare fatti, il ricercare notizie mi tengono molto occupato. Scrivo da sempre e nel 2008 sono tra i soci fondatori di MB News che dirigo. Quando non scrivo (e non dirigo),mi piace leggere, soprattutto gialli, mi piace cucinare (e mangiare) e mi piace correre. Se avete qualche bella storia da raccontarmi o se volete denunciare un fatto chiamatemi 039361411


Articoli più letti di oggi