08 Maggio 2021 Segnala una notizia
Fase3, ecco cosa cambia e cosa no: sì ad aree gioco, cinema e teatri. No alle discoteche

Fase3, ecco cosa cambia e cosa no: sì ad aree gioco, cinema e teatri. No alle discoteche

12 Giugno 2020
Continua il graduale ritorno alla normalità nell’epoca del Coronavirus. Con la firma dell’ultimo DPCM da parte del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, a partire dal prossimo lunedì 15 giugno cadranno alcune delle restrizioni finora in corso imposte per contenere la pandemia. Tra le riaperture più attese quelle delle aree gioco per i bambini, le sale cinema e i teatri. Ancora ferme le discoteche, la cui apertura è stata posticipata al 14 luglio. Discorso più complesso per gli eventi e le competizioni sportive, rigorosamente a porte chiuse, che seguiranno un calendario un po’ particolare.

15 giugno: ecco le riaperture

Da lunedì 15 giugno potranno riprendere le attività di cinema e teatri, anche se con alcune limitazioni, come già specificato dalle linee guida pubblicate dalle regioni (qui quelle dei Regione Lombardia). Gli spettacoli, anche quelli all’aperto, saranno svolti con posti a sedere in grado di garantire la distanza di almeno un metro tra un utente e l’altro. Il DPCM riporta che “possono esserci al massimo 1000 spettatori per gli spettacoli all’aperto e 200 per quelli al chiuso”.

Al via anche le attività di sale giochi, sale scommesse, sale bingo e centri termali, “a condizione che le regioni e le province autonome abbiano preventivamente accertato la compatibilità dello svolgimento delle suddette attività con l’andamento della situazione epidemiologica nei propri territori e che individuino i protocolli o le linee guida applicabili idonei a prevenire o ridurre il rischio di contagio”.

Riapriranno, finalmente, anche le aree gioco per i più piccoli. Il testo del DPCM riporta che “è consentito l’accesso di bambini e ragazzi a luoghi destinati allo svolgimento di attività ludiche, ricreative ed educative, anche non formali, al chiuso o all’aria aperta, con l’ausilio di operatori cui affidarli in custodia e con obbligo di adottare appositi protocolli di sicurezza in conformità alle linee guida del dipartimento per le politiche della famiglia”.

Aperture delle aree gioco: il commento di Allevi

E sulle aree gioco per i bambini è intervenuto anche il Comune di Monza. Il Sindaco Dario Allevi ha firmato oggi pomeriggio, venerdì 12 giugno, l’ordinanza che «libera» i giochi dei bambini nelle aree verdi della città.
«Riportiamo finalmente i nostri bambini a giocare nei parchi in totale sicurezza – ha spiegato Dario Allevi. – Le loro voci, risate e corse su altalene e scivoli ci dicono che, finalmente, stiamo tornando alla normalità, mantenendo però sempre prudenza e senso di responsabilità, evitando assembramenti e rispettando il distanziamento sociale perché l’emergenza sanitaria non è ancora finita. Invito genitori e nonni alla collaborazione con le autorità per il rispetto delle norme, ricordando che si tratta di un loro preciso obbligo”.

Sport: l’incognita del 25 giugno

Da oggi, venerdì 12 giugno, possono riprendere gli eventi e le competizioni sportive di interesse nazionale da parte di atleti professionisti. Le attività si svolgeranno a porte chiuse, nel rispetto dei protocolli emanati dalle federazioni sportive. Per quanto riguarda lo svolgimento degli sport di contatto sarà vietato per tutte le altre persone fino al 25 giugno. L’ok definitivo per il 25 giugno arriverà quando “le regioni ma anche il ministro dello Sport e della Salute accerteranno che ricorre la compatibilità dello svolgimento con la situazione epidemiologica”.

Cosa resta invariato

Nel DPCM si ricorda che le persone che presentano i sintomi del Coronavirus e una temperatura corporea maggiore di 37,5 gradi devono rimanere presso il proprio domicilio e contattare il proprio medico curante. Inoltre, il divieto di assembramento nei luoghi pubblici e il mantenimento della distanza di sicurezza di almeno un metro, e l’obbligo di indossare mascherine nei luoghi al chiuso accessibili al pubblico, inclusi i mezzi di trasporto, restano ancora validi.

 

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Agnese Zappalà
Agnese Caterina Zappalà, classe 1993. Laureata in Musicologia e Beni Culturali tra Italia e Francia e diplomata all’ISPI di Milano in Affari Europei, adesso studio Storia Politica all’Università degli studi di Pavia. Mi piace scrivere, entrare a contatto con le persone e raccontare le storie che mi emozionano. Leggo tanto, soprattutto i grandi classici della letteratura. Una passione insana per il caffè, il cinema francese e lo shopping esagerato.


Articoli più letti di oggi