11 Maggio 2021 Segnala una notizia
Striscioni intimidatori e minacce di morte: in Brianza 7 episodi nel 2019

Striscioni intimidatori e minacce di morte: in Brianza 7 episodi nel 2019

23 Giugno 2020

Sono sette le intimidazioni censite in provincia di Monza-Brianza, nel 2019. A evidenziarlo è il rapporto dell’associazione “Avviso Pubblico”, che ogni anno mette in luce gli amministratori della res publica che finiscono sotto tiro.

I risultati del 2019 mostrano come la nostra provincia abbia fatto un ulteriore passo in avanti verso un triste primato: si piazza al secondo posto per numero di episodi di intimidazione, dietro soltanto alla città metropolitana di Milano, dove gli episodi intimidatori sono stati 16.

Come sottolinea “Avviso Pubblico”, la nostra regione nel 2019 ha fatto registrare il dato più alto mai censito in un territorio del CentroNord: 46 atti intimidatori.

Il report punta la lente di ingrandimento su due dei sette episodi registrati in Brianza.

A Lissone, Concetta Monguzzi, vicepresidente della Provincia e Sindaco della cittadina, ha ricevuto minacce di morte sui social network, per aver partecipato e aver concesso il patrocinio del Comune a un convegno organizzato sul tema dell’accoglienza ai migranti.

A Lentate sul Seveso uno striscione intimidatorio contro il Sindaco Laura Ferrari recitava: “Se il partigiano contraddirai, minacce riceverai”.

Il rischio è che l’attuale crisi economica possa peggiorare una situazione già di per sé drammatica.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Beatrice Elerdini
Giornalista per passione e professione, mi occupo ogni giorno di cronaca nera, politica, attualità, economia e musica. Amo viaggiare, per scoprire luoghi il più possibile sperduti e puri, sono attratta dalle macerie, perché è da lì che nascono le cose migliori. Adoro scorgere la verità in fondo agli occhi delle persone, trovare le loro cicatrici, gli amori, le delusioni e i riscatti. Tutto ciò che appare, ma anche ciò che non si vede è materia preziosa da raccontare. 'Scrivo da sempre e per sempre'. Sono profondamente empatica come ogni scrittore e giornalista deve essere e la mia vita non è che un vano riflesso di quella di tutti gli altri, che nelle parole, nude e crude, scorre impetuosa su un foglio vergine. Volete conoscermi meglio? Cercatemi sul web con nome e cognome!


Articoli più letti di oggi