06 Luglio 2020 Segnala una notizia
"Se guardi", l'esordio di Alexandra: cantante monzese dall'anima vintage

“Se guardi”, l’esordio di Alexandra: cantante monzese dall’anima vintage

30 Giugno 2020

Un’anima nostalgica, che sembra rifiutare le sonorità moderne, ma che invece si rifugia nella grande musica italiana del secolo scorso. E’ questa la prima impressione che abbiamo quando chiacchieriamo con Alexandra, la giovane cantante monzese che pochi giorni fa ha pubblicato il suo primo singolo, “Se guardi“.

Alexandra, nome d’arte di Alessandra Galantino, ha 23 anni, è nata a Desio, e vive a Monza. La contattiamo in occasione dell’uscita del suo primo lavoro da solista, pubblicato in piena Fase 3 del lockdown lo scorso 24 giugno. Una passione per la musica, la sua, che ha abbracciato in tenera età e non ha più abbandonato.

«Canto da sempre – ci racconta. – Ho iniziato quando avevo 5 anni e da allora non ho più smesso. Il primo approccio è stato grazie ai miei genitori: mio padre è un amante del rock, mia madre ama il jazz. E proprio queste sono state le mie influenze. Con il tempo ho scoperto che la mia voce si adattava molto bene a questi generi e allora ho iniziato a fare delle cover in tonalità gravi. Su YouTube ho pubblicato ad esempio “La Cura” di Battiato. Lì è stato l’inizio. Ancora adesso la mia musica di riferimento è quella compresa tra gli anni ’60 e ’90, rigorosamente italiana e un punto fermo continua a rimanere la grande Mina».

«”Se guardi” è il primo brano da solista – prosegue. – Nasce grazie ad un’esperienza importante, cioè il MAS Music Arts & Show di Milano dove attualmente frequento un percorso accademico. Qui ho conosciuto Mattia Mitrugno, che è il mio manager e scrive i testi delle canzoni e Fabio Serri, che cura gli arrangiamenti. Insieme siamo una squadra, ancora “work in progress”, con una piccola etichetta. Però, passato il lockdown siamo pronti a buttarci nella mischia e registrare un primo album».

«La quarantena è stata difficile, però mi ha fatto riflettere – conclude Alexandra. – Mi sono detta che era il momento di fare chiarezza dentro me stessa e che dovevo concretizzare la mia passione per la musica. Adesso c’è un singolo, poi arriverà il disco, poi inizieremo ad organizzarci per dei live, in base anche alla fine delle restrizioni post Covid. Quello che verrà dopo, vedremo. Per ora mi godo l’uscita del singolo. Con un occhio verso il futuro».

 

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Agnese Zappalà
Agnese Caterina Zappalà, classe 1993. Laureata in Musicologia e Beni Culturali tra Italia e Francia e diplomata all’ISPI di Milano in Affari Europei, adesso studio Storia Politica all’Università degli studi di Pavia. Mi piace scrivere, entrare a contatto con le persone e raccontare le storie che mi emozionano. Leggo tanto, soprattutto i grandi classici della letteratura. Una passione insana per il caffè, il cinema francese e lo shopping esagerato.


Articoli più letti di oggi

Covid, un nuovo decesso a Seregno. La 38esima vittima da inizio emergenza

Il Coronavirus miete una nuova vittima a Seregno, la 38esima da inizio emergenza. A commentare la triste notizia è il sindaco Alberto Rossi. 

Brugherio, cresce il numero delle sorveglianze attive. Troiano “Non abbassate la guardia”

Nella giornata di ieri la provincia di Monza e Brianza ha registrato 5 nuovi casi positivi al Coronavirus. Ecco gli ultimi aggiornamenti forniti dal sindaci brianzoli.

Aggiornamento Coronavirus: i dati diffusi da Regione Lombardia al 6 luglio

Sono 111, di cui 76 a seguito di test sierologici e 23 'debolmente positivi', i nuovi contagi Covid in Lombardia.

Arcore, da Elisabetta Baggio a “Leli Neeraja” per amore della danza indiana

L'arcorese, insegnante di danza orientale e di yoga, trascorre ogni anno tre mesi in Rajastan per studiare una danza classica originaria dell'Orissa.

Asfalti Brianza, la perizia del Comune: “L’attività è insalubre (di prima classe)”

Megafono dei residenti è anche il Comitato Sant'Albino, che ha analizzato la perizia nel dettaglio. "L'azienda non può più stare vicino ai centri abitati", ci spiegano.