26 Luglio 2021 Segnala una notizia
Va a trovare il suocero in fin di vita, maxi multa: “E’ un abuso”. Il comandante replica

Va a trovare il suocero in fin di vita, maxi multa: “E’ un abuso”. Il comandante replica

11 Maggio 2020

Storie in tempi di pandemia. Storie che mettono in luce la fredda burocrazia che si scontra con i sentimenti, l’essere umani.

Sabato 9 maggio riceviamo la denuncia di Cinzia Sinigaglia. Una denuncia che abbiamo deciso di condividere con i colleghi di Lecco Notizie, dato che il fatto si è svolto a Merate. Di seguito riportiamo l’articolo scritto da Noemi D’Angelo .

“Ogni legge dovrebbe essere applicata nel merito e nessuno dovrebbe poter abusare del proprio ruolo, specialmente quando si tratta dei diritti fondamentali delle persone”. Questa la premessa scritta dalla donna, il cui marito è stato multato.

Il fatto

La donna, residente a Caponago, in provincia di Monza e Brianza. “Martedì 28 aprile ricevo una telefonata dalla Rsa Villa Serena di Introbio dove è ricoverato da sei anni mio padre Giulio. Mi dicono che è stato colpito da ictus e che era paralizzato nella parte destra del corpo e non era cosciente. Il giorno dopo, però, mi avvisano che era tornato cosciente e allora chiedo se sarebbe stato possibile vederlo, con tutte le precauzioni imposte dalla situazione, ben sapendo che la struttura aveva da subito rispettato il lockdown chiudendo le porte ai visitatori”.

Dalla Rsa di Introbio arriva un via libera, comprendendo l’eccezionalità della situazione: “Con grande senso di umanità, mi è stato permesso di vederlo in zona filtro, dopo essere stata fornita di tutti i presidi sanitari di protezione e di sicurezza. Preciso che mio padre né io abbiamo mai contratto il covid 19 e che il nucleo che lo ospita è pulito”. Date le condizioni di spirito e di salute, il marito di Cinzia decide di accompagnare la moglie dal padre per partecipare all’ultimo saluto: “Nessuno di noi è entrato nella Rsa e siamo rimasti nella zona filtro. Questo incontro, avvenuto con tutte le tutele e protezioni del caso, è servito per darci un minimo di serenità nell’affrontare quello che poi è successo. Siamo convinti di aver fatto la cosa giusta, non abbandonando un vecchio di quasi cento anni al suo destino come un rottame senza importanza”.

Sulla via del ritorno, la coppia viene fermata in via Statale a Cicognola dagli agenti della Polizia locale di Merate. “Abbiamo spiegato la situazione di emergenza spiegando che mio padre quasi centenario era stato colpito da ictus. Per tutta risposta l’agente mi ha risposto che non gli interessava e ha preso i nostri dati multando mio marito dicendo che il suocero non era compreso nelle urgenze”. Era il 30 aprile, da lì a poco con l’entrata nella fase 2, il 4 maggio, l’intero nucleo familiare sarebbe stato contemplato tra gli affetti stabili. “Se l’ictus avesse aspettato ancora una settimana forse non avremmo dovuto subire tutto questo, ma l’ictus purtroppo non conosce le regole burocratiche”.

Il controllo si chiude con la sanzione di 373, 40 euro. “Siamo ripartiti, umiliati e profondamente irritati, non tanto per la sanzione, pesante e a nostro avviso assurda, ma per l’atteggiamento e il totale disinteresse verso i fatti reali. Una volta giunti a casa l’irritazione si è trasformata in indignazione, perché nel modulo della sanzione l’agente ha falsato totalmente la dichiarazione di mio marito, facendo passare lo spostamento per una normale visita”.

La rabbia e l’indignazione si sono trasformate in una lettera inviata al sindaco Massimo Panzeri e al comandante della Polizia locale Roberto Carbone (LEGGI QUI). “Ritengo immotivato il pagamento di questa multa, ma ritengo ancora più importante che si riescano a evitare atteggiamenti di questo tipo, che diffondono unicamente rabbia e sfiducia nelle istituzioni”.
Dal canto suo il comandante della Polizia locale di Merate Roberto Carbone difende l’operato dei suoi uomini.

La replica del Comandate

“I miei agenti hanno agito in punta di diritto in base a quello che prevedevano le normative in quel particolare momento storico dell’emergenza epidemiologica in corso. Allora non si potevano certo prevedere gli allentamenti alle restrizioni, tra cui appunto il via libera alla visita ai congiunti, previsti ora. La multa quindi era legittima perché non ci si poteva spostare per fare visita a un proprio parente, per di più in due in auto”.

Una considerazione di diritto a cui il comandante affianca però un’altra riflessione: “Posso capire umanamente le ragioni di questa famiglia. Non siamo né io né il sindaco a poter però risolvere la questione. Per questo la invito a presentare ricorso al Prefetto per chiedere l’annullamento della sanzione”.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Matteo Riccardo Speziali
Chi sono? Matteo Riccardo Speziali, una vita nel cercare di scoprirlo (chi sono) e nel frattempo il raccontare fatti, il ricercare notizie mi tengono molto occupato. Scrivo da sempre e nel 2008 sono tra i soci fondatori di MB News che dirigo. Quando non scrivo (e non dirigo),mi piace leggere, soprattutto gialli, mi piace cucinare (e mangiare) e mi piace correre. Se avete qualche bella storia da raccontarmi o se volete denunciare un fatto chiamatemi 039361411


Articoli più letti di oggi