15 Maggio 2021 Segnala una notizia
Il comune di Muggiò presenta "Together", il piano per la "Fase 2"

Il comune di Muggiò presenta “Together”, il piano per la “Fase 2”

8 Maggio 2020

Mobilità dolce, attenzione per le aziende e il commercio al dettaglio ma anche per le famiglie. A cui si aggiunge uno dei grandi protagonisti di questo lockdown: il tema della digitalizzazione. Riparte da questi 4 pilastri il comune di Muggiò, guardando alla nuova “Fase 2” come opportunità di crescita e di miglioramento del tessuto urbano e sociale della città.

Il piano per la ripartenza si chiama “Together” ed è stato presentato alla stampa ieri, mercoledì 6 maggio, tramite una video-conferenza a cui ha partecipato tutta la giunta Fiorito.

«L’emergenza sanitaria causata dal virus COVID-19 ha avuto fortissime ripercussioni sul tessuto socio-economico della nostra città e ci costringe a ripensare complessivamente l’orizzonte entro il quale progettare le attività dei prossimi mesi – si legge nel documento programmatico. – Inevitabilmente molte cose cambieranno e riteniamo sia compito dell’amministrazione provare a prevedere quali potranno essere le risposte da dare ai nuovi bisogni che stanno emergendo. Fin dalle prime settimane l’Amministrazione ha scelto di far fronte a questa crisi avvalendosi della collaborazione delle tante realtà attive sul nostro territorio, all’insegna del principio di una sana sussidiarietà. É grazie a questa fruttuosa collaborazione che nel corso della “Fase Uno” sono stati garantiti servizi quali la consegna della spesa e dei farmaci a domicilio, la distribuzione dei ticket legati al contributo di solidarietà, la cura degli spazi del Cimitero, la raccolta di prodotti per le famiglie in stato di necessità, il ritiro dei rifiuti al domicilio delle persone sottoposte a quarantena».

«L’ingresso nella “Fase 2” impone agli enti pubblici di ragionare sulle strategie da adottare per sostenere i propri cittadini e le attvità commerciali, come sostenere e amplificare le capacità di resilienza della nostra comunità. Le scelte che compiremo in questo periodo condizioneranno il nostro futuro».

Fiorito: “Serve un lavoro di squadra per il bene di tutta la comunità”

«Il piano si chiama “Together” e non è un caso – racconta il primo cittadino del comune di Muggiò, Maria Fiorito. – Fin dall’inizio abbiamo cercato di fare le cose insieme, mettendo i cittadini al centro delle nostre riflessioni. Abbiamo lavorato come una squadra sia a livello di giunta, che a livello di consiglio comunale. E intendiamo fare la stessa cosa in questa Fase 2».

Nel concreto, il comune di Muggiò ripartirà da quattro macro aree: infanzia e adolescenza, piste ciclopedonali, digitalizzazione, lavoro e commercio. Lo farà portando avanti alcuni progetti in cantiere, ma anche individuando le principali problematiche riscontrare in questi mesi ed andando ad agire caso per caso.

«Sappiamo che l’emergenza sanitaria è stata un duro colpo per molte attività produttive – spiega il Vicesindaco, Michele Testa – Garantendo gli equilibri del bilancio comunale saranno attivate politiche fiscali volte a sostenere le imprese e gli esercizi commerciali colpiti dal lockdown e dalla crisi di mercato. Per tutto il mese di maggio saranno, inoltre, organizzate attività formative e informative per le aziende e per tutta la cittadinanza».

Al centro delle riflessioni anche il tema della mobilità dolce. «Qualche mese fa avevamo iniziato un’interlocuzione con Monza a proposito della creazione di piste ciclabili di collegamento tra i nostri comuni – spiega l’Assessore alla mobilità, Umberto Ruzzante – Adesso ripartiremo alla carica: dobbiamo sfruttare questo momento anche per immaginare una nuova Brianza, più connessa e più sostenibile».

 

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Agnese Zappalà
Agnese Caterina Zappalà, classe 1993. Laureata in Musicologia e Beni Culturali tra Italia e Francia e diplomata all’ISPI di Milano in Affari Europei, adesso studio Storia Politica all’Università degli studi di Pavia. Mi piace scrivere, entrare a contatto con le persone e raccontare le storie che mi emozionano. Leggo tanto, soprattutto i grandi classici della letteratura. Una passione insana per il caffè, il cinema francese e lo shopping esagerato.


Articoli più letti di oggi