07 Maggio 2021 Segnala una notizia
Monza, in carcere pusher "residente" in piazza Cambiaghi: "Non potevo allontanarmi, c'è il Covid"

Monza, in carcere pusher “residente” in piazza Cambiaghi: “Non potevo allontanarmi, c’è il Covid”

27 Maggio 2020

Un 26enne marocchino, senza fissa dimora, ma da tempo “residente”, in maniera abusiva, in Piazza Cambiaghi e talvolta in altre abitazioni abbandonate, a Monza, dopo essere stato arrestato più volte nell’arco dell’anno per per furti ai danni di negozi del centro e per spaccio di sostanze stupefacenti, è finito in carcere.

E’ stato arrestato, per l’ennesima volta ieri, per violazione dell’obbligo di divieto di dimora in Monza. Più volte, a seguito  di servizi di controllo del territorio messi in atto dalla Questura in piazza Cambiaghi, si era dato alla fuga alla vista della volante degli agenti. Ieri nel corso di una nuova attività di controllo supportata da personale della squadra mobile, il 26enne è stato rintracciato, nei pressi di via Cavour.

Il marocchino, incredulo ha dichiarato di essere consapevole del divieto di dimora, ma era convinto che per via dell’attuale emergenza sanitaria non potesse lasciare la piazza, in quanto luogo in cui era solito dormire. Arrestato per la terza volta è stato condotto in carcere.

Foto di repertorio MBNews

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Beatrice Elerdini
Giornalista per passione e professione, mi occupo ogni giorno di cronaca nera, politica, attualità, economia e musica. Amo viaggiare, per scoprire luoghi il più possibile sperduti e puri, sono attratta dalle macerie, perché è da lì che nascono le cose migliori. Adoro scorgere la verità in fondo agli occhi delle persone, trovare le loro cicatrici, gli amori, le delusioni e i riscatti. Tutto ciò che appare, ma anche ciò che non si vede è materia preziosa da raccontare. 'Scrivo da sempre e per sempre'. Sono profondamente empatica come ogni scrittore e giornalista deve essere e la mia vita non è che un vano riflesso di quella di tutti gli altri, che nelle parole, nude e crude, scorre impetuosa su un foglio vergine. Volete conoscermi meglio? Cercatemi sul web con nome e cognome!


Articoli più letti di oggi