14 Luglio 2020 Segnala una notizia
Incontro con lo psicologo. Il Coronavirus, trauma dal quale nasce forza grazie alla collettività

Incontro con lo psicologo. Il Coronavirus, trauma dal quale nasce forza grazie alla collettività

16 Maggio 2020

C’è salvezza di fronte ad un trauma collettivo, che sembra lasciare una scarsissima possibilità di difesa in molti di noi? C’è soluzione di fronte ad un isolamento che ha slatentizzato antiche difficoltà personali e relazionali? C’è soluzione di fronte ad un nuovo sentire, prima seppellito sotto un quotidiano affannato che tanto serviva ad allontanare verità scomode, negandole, sublimandole? Perché una cosa è certa: il virus ha aperto varchi interiori insospettabili.

Che ne faremo di quella riflessione che ha prepotentemente rivelato parti del Sé prima inascoltate, di quella frustrazione che ha messo in luce coazioni a ripetere che lasciavano insoddisfatti, di quell’angoscia serpeggiante di fronte alla comprensione di esserci impediti di sperimentare altre vie? Ne faremo tesoro.

Come sazieremo la lentezza di un tempo che sta per riprendere stancamente il suo ritmo, ora che tutto è rivelato alle nostre coscienze? Ci ingegneremo. La quarantena ha avviato una trasformazione interiore che non può essere arrestata. La crisi è diventata opportunità e, come incredibilmente sempre avviene, dal trauma nasce la forza.

Impazienti di riabbracciarci o certi che si possa sopravvivere anche senza l’Altro? Desiderosi di stringerci, lasciando che la pelle si sfiori e che i cuori battano all’unisono, o impacchettati dietro un profilo social, una conversazione in chat, una videochiamata, che fanno le nostre veci?

Perché tornare là fuori non sarà necessariamente così facile: le relazioni mediate, asincrone, provvisorie, fluttuanti, sono in fondo banalmente più facili. Uscire dalla bolla dell’isolamento, incontrare gli sguardi, occhi negli occhi senza abbassarli, dare voce alle parole perché possano toccare gli animi, rischiare l’insuccesso…non sarà necessariamente così semplice. Bene, mettiamolo in conto.

Il mondo che c’era, ci sarà ancora? Forse dovremo proprio rifondarlo: sembra che la vita reclami davvero tanto di più.

Nella speranza che la bellezza salvi il mondo, la sfida appare quella di significare e ri-significare il nostro mondo, migliorandolo nelle logiche serrate del profitto a qualunque costo, ritessere le fila delle relazioni umane, lottando contro l’immagine di una separazione irrecuperabile, ricostruire la psiche impaurita mentre l’economia ce la metterà tutta per risollevarsi.

La chiave? La collettività, mi sembra sempre una buona risposta: credere negli esseri umani. Come il gruppo è risorsa, “insieme” rimane la forza, al di là di quella ideologia individualista che a tratti irretisce le nostre anime occidentali. “Nessuno si salva da solo”, un mantra che vede nella vicinanza, nella solidarietà, nel calore umano, l’opportunità di salvezza, concezione solidaristica della vita che rafforza l’idea che siamo innanzitutto animali sociali. E l’amore conta.

Il trauma ci lascia una lezione? Sarebbe terribile se non lo facesse. Il coronavirus ci ha messo di fronte alla nostra vulnerabilità, ci ha obbligato ad un appuntamento con la nostra storia, ci ha ricordato che la vita non è garantita, ci ha ventilato l’ipotesi che accettarne il rischio di viverla sia forse perfino un dovere. Ora non abbiamo più moltissime scappatoie: siamo chiamati a risolvere la nostra personale relazione con la vita.

Personalmente un solo diktat inonda la mia coscienza: uscire dal nascondiglio e buttar via modelli desueti. “Essere fortemente possibilista”, mi ricorda la mia amica Claudia. “Questo ti serve, Lu’!”. Personalmente, l’eredità positiva della pandemia mi lascia un invito all’audacia, al coraggio. Basta con l’eccesso di prudenza.

Da sempre penso che la rinuncia, la sottomissione, il sacrificio, rischino di creare un credito che nessuno è poi disposto a saldare. Curare il limite, per non sfociare il quel delirio di godimento illimitato, ma tenere sempre vivido il desiderio, dovere verso la vita, dovere verso se stessi. Via libera alle energie vitali per esprimere senza riserve la propria individualità: immaginare l’inimmaginabile, rendere l’impossibile possibile, …per volare su, sempre più in alto, liberi di essere.

Luisa Ghianda (psicologa, counselor, psicodrammatista, ipnologa – Urgenza Psicologica Monza)

Foto repertorio MBNews

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Fonte Esterna
Questo contenuto non è un articolo prodotto dalla redazione di MBNews, ma è un testo proveniente da fonte esterna e pubblicato integralmente e/o parzialmente ma senza averne cambiato il senso del messaggio contenuto.


Articoli più letti di oggi

Lombardia, mascherina all’aperto ma solo se non c’è distanziamento

La decisione giunge dopo che il governatore lombardo ha recepito le indicazioni del comitato tecnico scientifico riunitosi questo pomeriggio.

Rottamazione ed ecobonus, come usare gli incentivi del Decreto rilancio

Esistono portali web che forniscono tutte le informazioni necessarie sui nuovi contributi auto, come Rottamazione 2020.

Piccioni trafitti e lepri scuoiate al Parco di Monza: la denuncia shock dell’Enpa

Enpa Monza e Brianza spiega come via sia tutto un "campionario degli orrori" in questo periodo post lockdown nel Parco e nei giardini della Villa Reale di Monza.

Brugherio, tornano i contagi e nessun nuovo guarito. Troiano: “Prudenza”. L’aggiornamento dei sindaci

Nella provincia di Monza e Brianza nelle ultime 24 ore sono 7 i nuovi pazienti positivi al Covid.

Giussano, gira seminudo per la strada e finisce in manette: era appena stato espulso dall’Italia

Il 36enne marocchino arrestato, era stato appena espulso, mediante imbarco su volo diretto in Marocco, lo scorso 3 luglio 2020 con divieto di rientro fino al 01 luglio 2024. Processo in mattinata.