19 Settembre 2020 Segnala una notizia
Il lockdown porta genitori e Baby College ai ferri corti

Il lockdown porta genitori e Baby College ai ferri corti

4 Maggio 2020

Non hanno trovato un accordo soddisfacente. E adesso il clima teso da settimane di “botta e risposta” si è trasformato in uno scontro tra i genitori e il Baby College, l’asilo nido e infantil school bilingue, che ha sedi a Monza e Seregno. Tutta colpa del virus, del lockdown e delle rette da pagare. Da una parte una quarantina di famiglie che hanno chiesto sconti, anche importanti, visto che i bambini all’asilo non ci possono più andare da quando l’Italia è in quarantena, dall’altra parte la scuola che ha messo in atto un piano didattico alternativo fatto di video chiamate e di incontri, seppur virtuali.

Il paradosso di questa storia che tutti si sentono delusi dall’altro. Il fatto grave è l’accusa mossa nei confronti della scuola, ci spiegano gli stessi titolari dell’asilo nido, che sarebbe quella di indebito arricchimento. Ciliegina sulla torta il fatto che nessuno dei genitori, però, pare abbia ufficialmente lasciato la struttura. Alcuni pagamenti, tuttavia, sarebbero stati annullati o mai pervenuti. Da ciò la disdetta automatica del contratto.

Da una parte alcuni genitori che si sentono traditi dalla scuola, dall’altra i vertici del Baby College che si dichiarano “spiazzati dalla situazione che stanno vivendo”.

«Quello che instauriamo con le famiglie è un rapporto di fiducia – ci spiega Silvia Coletti, amministratrice del Baby College  – Ci hanno scelti tra tanti asili e ci hanno affidato quanto di più caro hanno al mondo e adesso rischiano di farci chiudere e ci attaccano come se fosse colpa nostra questa situazione. In questo difficile momento abbiamo fatto tutto quanto era nelle nostre possibilità per alleggerire le rette degli iscritti e al tempo stesso abbiamo offerto un piano didattico ricco di stimoli e ben articolato».

«Ci siamo attivate subito – proseguono, le coordinatrici della didattica, Eva e Mariarosa. – Sono partite le videochiamate su Zoom, le lezioni di “cucina” a distanza, le tante, tantissime iniziative per non farli sentire soli. Abbiamo anche aperto un canale YouTube per aiutare chi non poteva collegarsi in diretta. Le iniziative messe in atto dal Baby College e che, a nostro parere giustificano il costo parziale della retta, sono state riassunte in una lettera, e che potete trovare qui. Come ben si capisce anche noi in questo periodo abbiamo delle spese da sostenere per portare avanti la didattica, inoltre: siamo un asilo privato e non riceviamo finanziamenti dallo Stato, né abbiamo convenzioni con gli enti locali. Se non ci sono le rette non abbiamo altre entrate».

Fin dall’inizio del lockdown, però, un gruppo di genitori, vista l’impossibilità di non continuare la didattica in classe, ha chiesto alla scuola una riduzione sulla retta scolastica. Il Baby College ha risposto in due modi. Per quanto riguarda la sede di Seregno (Via Verdi, conta circa 120 bambini) hanno concordato una scontistica forfettaria: un pagamento ridotto da parte delle famiglie che permettesse però alla scuola di coprire i costi dell’e-learning e proseguire la didattica a distanza; per quanto riguarda la sede di Monza (Via Ramazzotti, 115 bambini), è stato proposto un rimborso del 40% sui giorni di chiusura. I genitori hanno ribattuto picche, sostenendo che quel 40% era stato calcolato partendo dalla retta annua e che il costo giornaliero fisso che il Baby College aveva calcolato era un dato inesatto in partenza. Una questione di soldi che è anche diventata una questione di principio.  

«Non è nostra intenzione criticare la didattica – ci hanno raccontato i genitori – abbiamo scelto il Baby College proprio perchè l’offerta è di alto livello. Ma siamo rimasti stupiti per come siamo stati trattati quando abbiamo sollevato il tema delle rette. Alle nostre richieste ci è stato risposto che avevamo firmato un contratto e che ora dovevamo rispettarlo. La situazione, più unica che rara, ci ha spinto ad unirci e a muoverci anche ricorrendo a vie legali. Non avremmo mai voluto arrivare a questo punto».

 

 

 

 

 

 

 

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Agnese Zappalà
Agnese Caterina Zappalà, classe 1993. Laureata in Musicologia e Beni Culturali tra Italia e Francia e diplomata all’ISPI di Milano in Affari Europei, adesso studio Storia Politica all’Università degli studi di Pavia. Mi piace scrivere, entrare a contatto con le persone e raccontare le storie che mi emozionano. Leggo tanto, soprattutto i grandi classici della letteratura. Una passione insana per il caffè, il cinema francese e lo shopping esagerato.


Articoli più letti di oggi

Monza capitale del buon vino: al via Monza Wine Experience

Fino a domenica protagonista in città la manifestazione che ha come protagonista il vino.

Incidente mortale in Valassina, arrestato il pirata della strada

L'autore del sinistro, invece che prestare soccorso, è scappato a piedi. Mentre era diretto verso la propria casa gli uomini della caserma di Muggiò lo hanno individuato e arrestato.   

Arcore: tre giorni di festa in Villa Borromeo d’Adda

Moltissime le attività e le iniziative in programma da sabato 19 a lunedì 21 settembre, il tutto in massima sicurezza e nel rispetto delle norme vigenti.

“Ciàpa sü e porta a cà”: il primo gioco in scatola sulla Brianza. L’idea di due giovani concorezzesi

L'uscita del gioco è prevista per fine ottobre.

Villa Reale chiusa, Cgil Monza e Brianza: “Le istituzioni tutelino i lavoratori”

Il sindacato scende in campo al fianco dei dipendenti di "Cultura Domani", la società che per conto del concessionario privato gestisce parte del monumento, a casa da mesi senza stipendio.