24 Luglio 2021 Segnala una notizia
Weekend in Brianza: tra senso di responsabilità e alcuni trasgressori

Weekend in Brianza: tra senso di responsabilità e alcuni trasgressori

11 Maggio 2020

Passeggiando, andando in bici oppure a piedi. Non importa come, nel primo weekend della Fase 2 centinaia di brianzoli, tra parchi e zone verdi, sono andati a caccia di sole e di quell’agognata libertà, che mancava ormai da circa 70 giorni. Un fine settimana baciato dal sole e dalla vitalità, ma soprattutto un importante primo banco di prova. Come sarà andato?

C’era la voglia di uscire e di evadere. Soprattutto di sognare, pur rimanendo con i piedi per terra,  un po’ di normalità. Parchi, zone verdi e piste ciclabili hanno iniziato così a rianimarsi di persone. Il senso di responsabilità e l’osservazione delle misure, però, non sempre c’è stato.

MUNICIPALE E CARABINIERI ALL’OPERA:

Municipale e carabiniere hanno fatto controlli serrati, onde evitare che le persone creassero assembramenti. Un esempio calzante è il parco della villa Tittoni, che al pubblico ha riaperto lo scorso mercoledì 6 maggio. “La situazione è stabile – raccontano degli agenti della municipale – ma bisogna tenerla sotto controllo perché non appena allentiamo la presa, la gente inizia a sgarrare. Fortunatamente – concludono – riusciamo a far bene il nostro lavoro perché troviamo collaborazione e soprattutto abbiamo trovato meno affluenza rispetto a quella preventivata“.

Da un primo parziale bilancio e aspettando dati più certi dalla polizia locale, quello che risulta è che molti hanno rispettato le direttive. Altrettante persone non lo hanno fatto. C’è infatti chi, nelle varie aree verdi aperte, c’è andato per leggere da solo. Chi per camminare o svagarsi con un proprio caro o con la propria famiglia e chi,  invece, per stare con gruppi più o meno numerosi di amici. Spesso senza mascherine e soprattutto senza rispettare le distanze. Di questi c’è stato chi suonava la chitarra, chi giocava a pallavolo o chi, in modo meno lecito, condivideva uno spinello.

Simile la situazione  in altre importanti zone verdi brianzole  come la ciclabile del canale Villoresi o il parco delle Groane. Numerosi runner e ciclisti si son dati appuntamento per un weekend all’insegna dello sport e del relax. Lungo le piste ciclabili non sempre larghe, un minimo di assembramento è stato inevitabile, visto l’alto numero di persone. Tuttavia, anche chi è uscito in gruppo, ha teso a mantenere le distanze di sicurezza e ad indossare la mascherina.

A seguito di questo primo allentamento, ricordiamo che seguirà l’apertura di altri parchi in Brianza. Oggi, lunedì 11, apre il parco della Porada di Seregno. Mentre nelle giornate di mercoledì, giovedì e venerdì riaprirà il Parco di Monza. Uno “stress test” così come è stato definito dall’amministrazione comunale, per verificare il comportamento della gente (leggi l’articolo).

Articolo in aggiornamento

 

 

 

 

 

 

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Massimo Chisari
Milanese di nascita, brianzolo d'adozione. Guardo il mondo attraverso la mia macchina fotografica. Osservo. Cerco. E tramite le parole, racconto. Amo il giornalismo, quello sincero perché scrivere significa smettere di respirare per raccontare con il cuore. Ho due grandi passioni. L'arte e la letteratura, quella russa soprattutto. Ma ho un unico grande amore, anzi due. I miei due cani, Hubert e Brunhilde.


Articoli più letti di oggi