03 Giugno 2020 Segnala una notizia
Coronavirus, falsa ripartenza: Confimi Monza e Brianza fotografa la crisi delle Pmi

Coronavirus, falsa ripartenza: Confimi Monza e Brianza fotografa la crisi delle Pmi

22 Maggio 2020

Il lockdown sembra un ricordo sempre più lontano. Anche se le prime riaperture risalgono solo al 4 maggio. Ma, come dimostrano i dati e le immagini di questi ultimi giorni, non basta sostituire un termine inglese fin troppo abusato nel periodo più acuto della pandemia Covid-19 con la più tranquillizzante espressione Fase 2, termine dal sapore decisamente tecnico, per risollevare improvvisamente l’economia così duramente colpita.

Infatti non è quello che sta succedendo. A dirlo, se ancora si aveva qualche dubbio dopo le tante saracinesche ancora abbassate e i negozi quasi vuoti, è anche un’indagine di Confimi (Confederazione dell’Industria manifatturiera italiana e dell’impresa privata). Che, a una settimana dalla riapertura dopo i mesi del lockdown, ha intervistato un campione di 1000 aziende italiane. Il 45% sono metalmeccaniche e il 55% non superano i 3 milioni di euro del fatturato. Insomma si tratta di Pmi, vera ossatura del sistema economico italiano. Compreso quello di Monza e della Brianza.

L’INDAGINE

Produzione che non riparte, impianti fermi, mancanza di liquidità, eccessiva burocrazia e ampio ricorso agli ammortizzatori sociali sono gli elementi più evidenti e preoccupanti dell’analisi di Confimi Industria. Oltre il 60% delle imprese intervistate non ha registrato nuovi ordinativi. Anche perché ha un terzo dei propri clienti ancora chiuso per decreto.

Ci sono settori che sono stati chiusi totalmente per un tempo davvero lungo ed ora ci vorrà pazienza per far ripartire tutto il meccanismo – afferma il Direttore di Confimi Monza e Brianza, Edoardo Ranzini (nella foto in alto) – c’è molta preoccupazione soprattutto per i comparti del turismo e del commercio, mentre anche per chi se la può cavare meglio in questo momento, è comunque un navigare a vista”.

La mancanza di liquidità per la maggior parte delle imprese in difficoltà è il tasto più dolente di questo inizio di ripresa. Non a caso l’indagine condotta dall’associazione imprenditoriale ha riscontrato che il 42% degli intervistati è ricorso agli istituti di credito e un terzo del campione ha contattato le banche per via degli insoluti di mancati pagamenti.

Se a questo si aggiunge che il 54% degli imprenditori ha dichiarato di aver fatto ricorso alle misure previste dal governo, ma solo il 3% ha ricevuto il credito richiesto, si può comprendere la gravità della situazione. “Le aziende che hanno realmente nella disponibilità linee di fondi approvati sono davvero poche – sostiene Ranzini – le banche devono ancora occuparsi di tonnellate di moratorie e sospensione di mutui oltre a tantissime pratiche per prestiti fino a 25mila euro”.

LA BUROCRAZIA

In Italia, un Paese considerato malato cronico di burocrazia, con il Coronavirus, uno tsunami sanitario, economico e sociale, le cose non potevano che peggiorare anche su questo fronte. E non può stupire, allora, che, secondo l’indagine di Confimi Industria, per 1 imprenditore su 3 il primo problema con gli istituti di credito è legato proprio alla burocrazia e ai suoi tempi.

Viviamo in un sistema per certi versi ancora molto arcaico in cui le inefficienze, finché va tutto bene, vengono messe in conto e fanno parte dei costi, ma in un periodo come questo diventano difficilmente tollerabili” sostiene il Direttore della territoriale brianzola dell’associazione imprenditoriale, che a livello nazionale riunisce 40mila aziende, con circa 500 mila addetti e un fatturato aggregato di circa 80 miliardi di euro annui.

Non si è riusciti ad evitare nemmeno ora, ad esempio, la consultazione sindacale per la cassa integrazione quando dovrebbe essere automatica di fronte ad una chiusura dell’attività – continua – insomma non abbiamo fatto molti passi avanti verso la sburocratizzazione, eppure sono passati quasi 20 anni da quando l’ex ministro per l’innovazione e le tecnologie, Lucio Stanca, parlava di rivoluzione digitale”.

Se qualcuno pensa che la situazione delle imprese possa essere migliore a Monza e in Brianza, meglio abbandonare false speranze. Il campione dell’indagine di Confimi Industria, che ha sottolineato anche le difficoltà delle aziende nel reperire i dispositivi individuali di protezione e gli ingenti investimenti sostenuti per adeguare spazi e organizzare la logistica, è assolutamente rappresentativo anche del nostro territorio.

Delle mille aziende del campione, circa 180 sono nominativi di Monza, della Brianza e di Bergamo – chiarisce Ranzini – direi, quindi, che i dati riscontrati a livello nazionale sono in linea con i valori locali. Continueremo a fotografare in maniera periodica l’evolversi di una situazione così caratterizzata dall’incertezza”.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Filippo Panza
Sono nato nel 1980, anno di grandi eventi sportivi (Olimpiadi di Mosca, Europei di calcio), attentati terroristici (strage di Bologna), terremoti (Irpinia) e misteri ancora irrisolti (Ustica). Ma anche di libri (Il nome della Rosa) e film (Shining), che hanno fatto epoca. Con tanta carne a cuocere, forse era scritto nel mio destino che la curiosità sarebbe stato il motore della mia vita. E così da Benevento, la città che mi ha dato i natali, la passione per la conoscenza e la verità, declinate nel giornalismo, mi ha portato in giro per l’Italia. Da Salerno a Roma, da Napoli a Bologna, fino a Monza. Nel capoluogo della Brianza penso di aver trovato il luogo dove mettere la mia base (più o meno) definitiva e soddisfare la mia sete di scrittura, lettura, sport e tempo libero. Almeno fino a quando il richiamo di qualche Sirena, forse, non mi farà approdare ad altri lidi.


Articoli più letti di oggi

Insospettabile mobiliere di giorno, violentatore di notte: 39enne in manette

E' finito in carcere un uomo di 39 anni, che di giorno era un'insospettabile mobiliere, mentre di notte si trasformava in uno stupratore. Cinque gli episodi contestati in giro per la Brianza.

Aggiornamento Coronavirus: i dati diffusi da Regione Lombardia al 3 giugno

In Lombardia gli attualmente positivi sono 20.224 (-31), mentre il totale complessivo dei positivi riscontrati dall’inizio della pandemia a oggi sono 89.442.

Ondata di maltempo in Brianza, pioggia e grandine. Temperature in calo

Un'ondata di maltempo si sta scatenando in queste ore in Brianza. Pioggia, grandine, raffiche di vento e un brusco calo delle temperature caratterizzano il meteo brianzolo. 

Incidente mortale a Verano: ragazza di 25enne travolta e uccisa da un ubriaco al volante

Incidente mortale a Verano Brianza: una ragazza di 25 anni è stata travolta e uccisa da un uomo ubriaco al volante dell'auto. Capitanio: "Troppo poco è stato fatto a livello culturale per contrastare il reato di omicidio stradale".

San Gerardo, ambulatorio post Covid-19: “300 pazienti nei prossimi 3 mesi”

Apre al San Gerardo un ambulatorio innovativo, dedicato allo studio e alla gestione post Covid-19 dei pazienti. Il coordinatore, prof. Paolo Bonfanti: "Visiteremo 300 pazienti in 3 mesi".