12 Luglio 2020 Segnala una notizia
Coronavirus, Cgil MB: “Al fianco degli artigiani, anche in videoconferenza”

Coronavirus, Cgil MB: “Al fianco degli artigiani, anche in videoconferenza”

7 Maggio 2020

L’emergenza Coronavirus, con le paure, i morti e la sua incredibile capacità di diffusione, sta purtroppo colpendo il corpo e la mente di tutti gli italiani. E anche il portafoglio, nel senso dell’economia e del lavoro, non se la passa certamente bene.

Un discorso che riguarda trasversalmente quasi tutte le categorie produttive. E tra quelle più coinvolte, nelle sue numerose sfaccettature, ci sono gli artigiani. Che, numeri alla mano, costituiscono l’ossatura del tessuto economico manifatturiero di Monza e della Brianza (numero addetti).

“Nel nostro territorio ci sono circa 64 mila imprese attive, di cui 22 mila circa sono imprese artigiane – spiega il segretario della Cgil Monza e Brianza, Giulio Fossati (nella foto in basso), che ha proprio la delega per il mondo dell’artigianato – gli addetti in Brianza sono circa 241 mila, dei quali circa 86 mila si concentrano nelle aziende sino a 9 addetti, questi dati confermano la caratterizzazione artigiana e manifatturiera della laboriosa Brianza, questione che ci sta parecchio a cuore”.

“C’è da dire che, grazie all’impegno delle diverse parti in causa, questo settore è uno dei più avanzati sul fronte degli accordi per i diritti legati al welfare, alla sicurezza e all’assistenza sanitaria – continua – questo anche grazie a strumenti di garanzia e tutela come il FSBA (Fondo di solidarietà bilaterale per l’artigianato) e San.Arti (Fondo di assistenza sanitaria integrativa per i lavoratori dell’artigianato)”.

Nonostante questo, il lockdown da Coronavirus sta mettendo a dura prova un po’ tutti i comparti professionali artigiani. Dalla meccanica ai barbieri ed estetisti, dall’installazione di impianti per edilizia fino al legno ed arredo e agli alimentari.

Per questo la Cgil di Monza e Brianza, ancora di più da quando è scoppiata l’emergenza Coronavirus, è costantemente impegnata in un’opera di sensibilizzazione ed informazione a supporto dei lavoratori. E, nel rispetto delle necessarie misure di prevenzione, sicurezza e distanziamento sociale, riesce a farlo anche a distanza.

“Siamo a disposizione dei lavoratori che possono contattarci per consulenze e assistenza attraverso tutti i nostri canali attivi, telefono, mail e Facebook – afferma Roberto Galbiati (a destra nella foto in basso, Bonomo a sinistra), Responsabile Sportello artigiani della Cgil Monza e Brianza e Rappresentante sindacale di bacino – se necessario, è possibile organizzare anche assemblee virtuali”.

Non a caso, quindi, martedì 12 maggio alle ore 16 è in programma una videoconferenza dedicata al mondo artigiano in diretta sulla pagina Facebook del sindacato di via Premuda.

FSBA E SAN.ARTI

La cosiddetta Fase 2, quella in cui l’Italia sta provando a ripartire dopo la diffusione più acuta del Covid-19, è appena cominciata. Dubbi ed incertezze non mancano. Ecco perché, in continuità con quanto fatto negli ultimi due mesi, la Cgil Monza e Brianza continua a dare assistenza per le richieste di indennità sociali e sanitarie da parte degli artigiani.

“A Monza e in Brianza, fino al 30 aprile, le domande presentate al FSBA sono state 2502 con il coinvolgimento di 9642 lavoratori (numero domande) – afferma Galbiati – il nostro sindacato, in particolare, ha trattato 918 richieste per un totale di 4129 lavoratori”.

“Al 30 aprile in Lombardia sono stati erogati sussidi per 21 milioni di euro a 45mila lavoratori artigiani – continua – stiamo continuando a sottoscrivere accordi in merito al FSBA perché la tempistica dei pagamenti è buona”.

L’impegno della Cgil di Monza e Brianza è forte anche sulle indennità straordinarie previste da San.Arti e Wila (Welfare integrativo lombardo dell’artigianato) per l’emergenza Covid 19.

“San.Arti riconosce al lavoratore artigiano un’indennità per ricovero di 40 euro per ogni notte per un periodo non superiore a 50 giorni e un’indennità per isolamento domiciliare di 30 euro al giorno per un periodo di 14 giorni – spiega il Responsabile Sportello artigiani della Cgil Monza e Brianza – Wila, invece, garantisce un’indennità di 40 euro per i familiari dei lavoratori artigiani per ogni notte di ricovero ospedaliero e per ogni giorno di isolamento domiciliare”.

Le prossime settimane potrebbero essere decisive per sconfiggere il Covid-19. E anche sul fronte del lavoro l’attenzione è massima. “Abbiamo mandato a circa mille aziende artigiane del nostro territorio un protocollo sulla sicurezza in 13 punti – chiarisce Biagio Bonomo, Responsabile Sportello Ambiente, Salute e Sicurezza, che ha la funzione di Rlst (Rappresentate dei lavoratori per la sicurezza territoriale) per 2800 aziende di diversi settori nella zona Ovest della Brianza – circa cento ci hanno già risposto con un’autodichiarazione del datore di lavoro che afferma di applicare il protocollo”.

“C’è da dire che alcune aziende si stanno attivando a livello di gestione e sanificazione dei luoghi di lavoro – continua – altre sono, invece, ancora chiuse per effetto dei decreti governativi”. Tra quelle che rientrano in questa ultima categoria ci sono soprattutto gli studi estetici e i parrucchieri, che dovrebbero riaprire l’1 giugno. “In particolare per loro il sindacato sta facendo pressione per avere risposte sulle risorse economiche a disposizione per il mese di maggio – spiega Galbiati – le 9 settimane di finanziamento inizialmente previste sono ormai finite e c’è bisogno di prolungarle”.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Filippo Panza
Sono nato nel 1980, anno di grandi eventi sportivi (Olimpiadi di Mosca, Europei di calcio), attentati terroristici (strage di Bologna), terremoti (Irpinia) e misteri ancora irrisolti (Ustica). Ma anche di libri (Il nome della Rosa) e film (Shining), che hanno fatto epoca. Con tanta carne a cuocere, forse era scritto nel mio destino che la curiosità sarebbe stato il motore della mia vita. E così da Benevento, la città che mi ha dato i natali, la passione per la conoscenza e la verità, declinate nel giornalismo, mi ha portato in giro per l’Italia. Da Salerno a Roma, da Napoli a Bologna, fino a Monza. Nel capoluogo della Brianza penso di aver trovato il luogo dove mettere la mia base (più o meno) definitiva e soddisfare la mia sete di scrittura, lettura, sport e tempo libero. Almeno fino a quando il richiamo di qualche Sirena, forse, non mi farà approdare ad altri lidi.


Articoli più letti di oggi

Nubifragio sulla Brianza: piante cadute, grandine e vento fortissimo. Strade e cantine allagate

La coda di un fronte atlantico ha raggiunto la Brianza determinando un peggioramento repentino del tempo a suon di piogge e temporali.

Monza e Brianza 3 contagi nelle ultime 24 ore. L’aggiornamento dei sindaci

Nella provincia di Monza e Brianza nelle ultime 24 ore sono tre i nuovi pazienti Covid. 

Aggiornamento Coronavirus: i dati diffusi da Regione Lombardia all’11 luglio

I dati di oggi si caratterizzano per un sensibile aumento delle persone guarite (+192 rispetto a ieri) e per il  continuo calo dei ricoveri nei reparti dei nostri ospedali che attualmente ospitano 173 pazienti, 17 in meno di ieri.

Covid, 3 nuovi casi in Brianza. L’aggiornamento dei sindaci

Il Lombardia nella giornata di ieri si sono registrati 135 nuovi casi positivi, 72 sono conseguenti alla positività al test sierologico.

Intervento dei vigili del fuoco per un tetto incendiato a Sulbiate

Non si registrano feriti. Sono intervenuti l'auto pompa di Monza e di Merate, l'autoscala di Monza e l'autobotte di Vimercate.