02 Luglio 2020 Segnala una notizia
Ceriano: nuova pulizia del bosco nel Parco delle Groane nella giornata della legalità

Ceriano: nuova pulizia del bosco nel Parco delle Groane nella giornata della legalità

26 Maggio 2020

Si è svolta sabato mattina la prima operazione di pulizia del bosco nel Parco delle Groane al Villaggio Brollo, dopo il lockdown. Un appuntamento particolarmente significativo per diversi aspetti, a cominciare dalla data che coincideva con la “Giornata della legalità” e il ricordo della strage che uccise il giudice Giovanni Falcone con la compagna e la loro scorta.

Un segnale forte di ritorno alla legalità in un luogo che per anni è stato quasi esclusivamente frequentato da spacciatori e tossicodipendenti e che invece ora, grazie alle incessanti operazioni di controllo delle Forze dell’ordine e di pulizia anche dei volontari locali, risulta finalmente “libero”.

Sul posto, gradito ospite in risposta all’invito formulato dal sindaco Roberto Crippa e dall’assessore alla Sicurezza Dante Cattaneo, era presente anche il nuovo presidente del Parco delle Groane, Emiliano Campi, che ha ringraziato i volontari e partecipato in prima persona alle operazioni di raccolta rifiuti.

All’attività hanno partecipato anche volontari di Protezione civile, volontari del Gst di Ceriano Laghetto oltre che, come sempre, assessori, consiglieri comunali e cittadini. Tutti con mascherine e guanti nel pieno rispetto delle prescrizioni di sicurezza. “L’area ha veramente cambiato faccia, al momento risulta libera da attività di spaccio e uso di stupefacenti” – commenta soddisfatto l’Assessore alla Sicurezza Dante Cattaneo. “Questa deve tornare ad essere la normalità e la frequentazione in sicurezza deve essere il futuro di quest’area bellissima”. Le operazioni di pulizia hanno consentito la rimozione di diversi quintali di rifiuti di vario tipo sparsi nel bosco. C’erano in particolare tantissime coperte e diverse tende utilizzate per i bivacchi di spaccio, ma anche plastica, metalli, carta e cartoni.

“Qui – chiosa l’Assessore alla sicurezza Dante Cattaneo – abbiamo condotto negli ultimi tre mesi un lavoro eccezionale con i nostri volontari Gst e la Polizia Locale, utilizzando anche il metal detector per portare alla luce armi e attrezzature utilizzate dagli spacciatori. Con la ripresa dell’appuntamento mensile del sabato, torniamo a rendere quest’area un bel posto per tutti dove stare, tenendo lontani venditori di morte e zombie che l’hanno infestata fino allo scorso mese di febbraio”.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Fonte Esterna
Questo contenuto non è un articolo prodotto dalla redazione di MBNews, ma è un testo proveniente da fonte esterna e pubblicato integralmente e/o parzialmente ma senza averne cambiato il senso del messaggio contenuto.


Articoli più letti di oggi

San Gerardo: il 15 luglio inaugura il settore B alla presenza del governatore Fontana

L'inaugurazione del nuovo settore B dell'ospedale San Gerardo di Monza è fissata per il prossimo 15 luglio, alla presenza del governatore Fontana. Ad annunciarlo, il direttore Generale, Mario Alparone.

Meteo Monza e Brianza: venerdì forti temporali e possibili grandinate

Attenzione sono previste possibili grandinate. Temporali pomeridiani localmente forti domani pomeriggio.

Aggiornamento Coronavirus: i dati diffusi da Regione Lombardia al 2 luglio

Continua il decremento del numero dei ricoverati (-36) e aumenta quello dei guariti (+188).

Monza, si getta nel Lambro dopo una brutta lite familiare: salvata dalle Forze dell’Ordine

Nella notte, a Monza, una donna di 59 anni, dopo una brutta lite familiare, ha tentato di compiere un gesto estremo, gettandosi nel Lambro. Subito dopo ha chiesto aiuto ed è stata recuperata dai Pompieri.

Ex Feltrificio: già oltre 1000 firme contro i “casermoni” di viale Cesare Battisti

Sono oltre 1250 le firme raccolte sulla piattaforma Change.org. I residenti hanno anche aperto un gruppo Facebook per discutere dei prossimi passi.