06 Agosto 2020 Segnala una notizia
Per far ripartire la Lombardia serve completare Pedemontana?

Per far ripartire la Lombardia serve completare Pedemontana?

21 Aprile 2020

Nel piano per il rilancio della Lombardia dopo l’emergenza sanitaria da 3 miliardi sono previsti 350 milioni di euro per completare Pedemontana. L’annuncio è stato dato ieri dall’assessore regionale al Bilancio, Davide Caparini, nella consueta conferenza stampa su Facebook da Palazzo Lombardia. Il politico ha parlato di una ricapitalizzazione della società da 350 milioni per avere investimento da 2 miliardi e mezzo per completare così l’autostrada che da Meda andrà all’altezza di Brembate a connettersi sull’A4 senza passare da Milano.

Nel progetto non c’è più solo la volontà di completare questo collegamento Est-Ovest, ma c’è l’idea che facendo ripartire questi cantieri anche l’economia ne beneficerà. Sul breve periodo il ragionamento non fa una piega, ma sul medio lungo quest’opera porterà più vantaggi o svantaggi? Impiegando quei fondi per realizzare questa autostrada a cosa si rinuncia? Perchè la coperta, per quanto lunga, i soldi messi sul tavolo sono parecchi, è pur sempre corta se paragonata alle esigenze del territorio.

Un’opera attesa da tempo, ma che, scusate il gioco di parole, ha fatto il suo tempo. L’opera era stata progettata a metà del secolo scorso. L’emergenza coronavirsus ha messo in evidenza due fatti: le zone più inquinate sono quelle che hanno avuto più morti, Whuan e la zona della pianura Padana; l’altro fatto è che i trasporti al tempo del Covid si sono dirottati su ferro: c’è stata una crescita importante dei treni merci, perchè sono un sistema chiuso, facilmente controllabile, tracciabile e regolabile.

Serve una nuova mentalità 

La ripartenza deve essere nel segno del cambiamento. Se prima del Coronavirus il termine cambiamento si sposava per lo più solo con l’aggettivo climatico, oggi deve essere visto in maniera più lungimirante e ampia.
Il cambiamento deve corrispondere ad una tutela ambientale senza uguali, ma anche ad una prospettiva di qualità delle vita. Il passaggio in Brianza di questa infrastruttura porterebbe alla saturazione del verde disponibile nel nostro territorio. La provincia di Monza e Brianza è da anni maglia nera nella classifica delle zone con il maggior consumo di suolo. Maglia nera anche per la qualità dell’aria che respiriamo. Lissone, con il 71,3% di territorio consumato (dato del 2017) è in testa alla graduatoria, ma gli altri paesi non sono così lontani. Insomma, di prati e campi ce ne sono ben pochi nella ex-verde Brianza. E alcuni di essi serviranno al passaggio di Pedemontana, che porterà con sè anche un’inquinamento veicolare commisurato al passaggio che ci sarà.

Attualità o meno dell’opera?

Pedemontana serve? E’ un’opera del passato. Oggi oltre alla metropolitana che collegherà Monza a Milano [già stanziati i fondi], ma che sarà pronta in 10 anni, ne serve una che colleghi il vimercatese al capoluogo di regione. Di questo non se ne parla più. Il traffico delle tangenziali milanesi si alleggerirebbe con la presenza di questi collegamenti.
Pedemontana è una cattedrale nel deserto. Una delle poche arterie viabilistiche d’Italia a cui è stato aumentato all’inizio del 2020 il pedaggio, già caro. Di fatto, un’autostrada usata relativamente poco, anche se il traffico è in costante e lento aumento, perchè la gente preferisce ingorgare le vecchie strade pur di non pagare. Un’opera costata 58 milioni di euro a km, come riporta il Fatto Quotidiano. In tempo di crisi siamo certi che la scelta più responsabile sia il completamento di Pedemontana?

Il problema della diossina 

Infine, non si può non menzionare in terra di Brianza il nodo diossina. La tratta B2 dell’autostrada che passa da Seveso trova lungo il suo tragitto proprio quei terreni che furono interessati da “l’incidente Icmesa” o “il disastro di Seveso” del 1976. Il sindaco di Seveso Luca Allievi, in quota lega, ha detto in tempi non sospetti (ovvero quando questo slogan non era così attuale come è adesso a causa del Coronavirus), che “salute e sviluppo del territorio non devono più essere in antitesi“. I dubbi sulla bonifica dei terreni inquinati dalla diossina ci sono e non sono solo degli ambientalisti.

La speranza è che il progetto di completamento di Pedemontana tramonti, lasciando posto a prospettive di più ampio respiro in questo territorio già martoriato dall’inquinamento. Siamo certi che il clima non sia cambiato e che le persone siano disposte a subire scelte calate dall’alto che seguono logiche difficilmente non condivisibili?

Aggiornamento delle ore 17: 00 – Di tutt’altro pare è Andrea Monti, consigliere regionale della Lega, che oggi ha votato l’aumento di capitale della società. Ecco qui le sue parole.

 

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Matteo Riccardo Speziali
Chi sono? Matteo Riccardo Speziali, una vita nel cercare di scoprirlo (chi sono) e nel frattempo il raccontare fatti, il ricercare notizie mi tengono molto occupato. Scrivo da sempre e nel 2008 sono tra i soci fondatori di MB News che dirigo. Quando non scrivo (e non dirigo),mi piace leggere, soprattutto gialli, mi piace cucinare (e mangiare) e mi piace correre. Se avete qualche bella storia da raccontarmi o se volete denunciare un fatto chiamatemi 039361411


Articoli più letti di oggi

ATS Brianza, allergia dopo un tuffo nel lago? E’ la dermatite del bagnante

Sono pervenute alla U.O. di Igiene e Sanità Pubblica dell'A.T.S. della Brianza segnalazioni di dermatiti pruriginose a seguito di immersione nelle acque del lago di Como (ramo di Lecco) e del lago di Pusiano.

Monza, la storia di Francesco Cingi, barista dell’Auchan in cammino sulla via Francigena

Ceetrus, la società che gestisce la galleria commerciale, ha ricomprato gli scarponi rubati al monzese. Il Direttore Corrado Stivanin: "Vogliamo sostenerlo in questo suo percorso diventando una sorta di assicurazione contro eventuali disagi o momenti di difficoltà che potrà trovare lungo il cammino".

Scuola, firmato il protocollo sicurezza: dall’help desk alle modalità di ingresso e uscita

Il Ministero dell’Istruzione ha sottoscritto questa mattina con le Organizzazioni sindacali il Protocollo di sicurezza per la ripresa di settembre.

Valassina, il 5 agosto chiusa al traffico la rampa di uscita della galleria di Monza

Lo ha annunciato con una nota ufficiale l'ANAS. Il tratto resterà chiuso mercoledì 5 agosto dalle 22:00 fino alle 06:00 del giorno successivo.

Vimercate: nuovi primari per la Cardiologia e il Laboratorio d’Analisi Chimico Cliniche

Dopo la nomina, qualche giorno fa, del nuovo Primario di Urologia (Gianfranco Deiana), ulteriore infornata di direttori all’Ospedale di Vimercate.