15 Luglio 2020 Segnala una notizia
Aziende non essenziali, ma è corsa a chiedere deroghe e permessi. La denuncia di Fim, Fiom e Uilm MB

Aziende non essenziali, ma è corsa a chiedere deroghe e permessi. La denuncia di Fim, Fiom e Uilm MB

6 Aprile 2020

L’emergenza sanitaria in Lombardia non è assolutamente finita e lo dimostrano i dati dei decessi ed i continui richiami a rimanere in casa da parte delle Istituzioni e dalle Autorità competenti.

Si fermi la corsa a chiedere deroghe o permessi al DPCM del 22 marzo da parte di aziende che non producono beni essenziali ed indispensabili; stiamo perfino assistendo ad aziende che, pur di continuare la produzione, hanno pensato di cambiare in questi giorni il codice Ateco della propria attività. Ci sono anche alcune aziende che non riescono neppure a garantire quanto previsto dal Protocollo siglato da Cgil, Cisl, Uil e Associazioni datoriali lo scorso 14 marzo per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro.

Per Fim, Fiom e Uilm della Brianza, fino al 13 aprile non deve cambiare niente! L’ultimo Decreto del Presidente del Consiglio rimane un punto fermo e senza esitazioni continueremo con le segnalazioni alla Prefettura di tutte le anomalie che non riteniamo congrue a quanto previsto dallo stesso decreto.

Pietro Occhiuto, segretario generale della Fiom Cgil Monza e Brianza: “Già oggi ci sarebbero decine di aziende pronte a ripartire pur non essendo impegnate in nessuna attività essenziale. Tra queste la Beta Utensili di Sovico, la Farid Industrie di Besana Brianza, la Lima Eusider di Desio, Eurotubi di Nova Milanese, Peg Perego di Arcore e tante altre. È assurdo che si usi atteggiamenti draconiani verso chi vuole fare una passeggiata sotto casa per poi usare molta leggerezza verso chi costringerebbe migliaia di lavoratori a uscire di casa. È il momento questo di serrare i controlli verso tutte quelle aziende che nulla avrebbero a che fare con attività essenziali”.

In attesa di un nuovo Decreto contenente le indicazioni e restrizioni da intraprendere dal 14 aprile in poi, ribadiamo che pur nella consapevolezza che le produzioni non potranno rimanere ferme per parecchio tempo ancora, la salute dei lavoratori dovrà essere messa sempre al primo posto in ordine di importanza.

Inoltre, auspichiamo che in vista di una possibile lenta ma graduale ripresa di alcune attività, le norme previste dal Protocollo d’intesa diventino parte integrante del prossimo DPCM.
Fim, Fiom e Uilm della Brianza chiedono che vengano garantiti a tutte le lavoratrici ed a tutti i lavoratori le necessarie dotazioni di dispositivi individuali di protezione che ancora oggi sono assolutamente insufficienti.

Fim, Fiom, Uilm insieme alle RSU, vigileranno e chiederanno esami congiunti in tutti i luoghi di lavoro per definire le attività necessarie e il rispetto dei Decreti e del Protocollo d’intesa.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Fonte Esterna
Questo contenuto non è un articolo prodotto dalla redazione di MBNews, ma è un testo proveniente da fonte esterna e pubblicato integralmente e/o parzialmente ma senza averne cambiato il senso del messaggio contenuto.


Articoli più letti di oggi

Rottamazione ed ecobonus, come usare gli incentivi del Decreto rilancio

Esistono portali web che forniscono tutte le informazioni necessarie sui nuovi contributi auto, come Rottamazione 2020.

Lombardia, Fontana ha firmato nuova ordinanza: mascherina comunque sempre con sé

Dal 15 luglio, in Lombardia, obbligo di mascherine all’aperto solo nei casi in cui non sia possibile garantire il distanziamento sociale.

Meda piange la 18°vittima. Santambrogio: “Notizia terribile, manteniamo alta la guardia”

Il comune brianzolo, sul fronte dell'emergenza sanitaria, da tempo era caratterizzato da buone notizie e sensazioni

Monza, bufera tra associazioni e l’assessore alla Cultura. Longo: “Preferisco non commentare”

Non si arrestano le polemiche attorno alla frase che l'assessore alla Cultura, Massimiliano Longo, avrebbe pronunciato in occasione di un incontro con le associazioni monzesi.

Monza, incendio nella notte: fiamme nell’area ex Scotti

Intervento dei Vigili del Fuoco nella notte, a Monza per un incendio divampato a Villa Azzurra, situata nell’area ex Scotti, sul viale Cesare Battisti. Nessun ferito.