30 Luglio 2021 Segnala una notizia
CODICI Lombardia: "Sciarpe e foulard al posto delle mascherine? E' ridicolo, non proteggono"

CODICI Lombardia: “Sciarpe e foulard al posto delle mascherine? E’ ridicolo, non proteggono”

8 Aprile 2020

“Sciarpe e foulard al posto delle mascherine? E’ ridicolo. Con la salute dei cittadini non si scherza“. Con queste parole CODICI, l’Associazione di cittadini impegnata ad affermare, promuovere e tutelare i diritti dei cittadini, commenta la proposta di usare, in assenza delle mascherine, sciarpe e foulard.

CODICI: “Così non va bene: serve una linea comune”

«In Lombardia ed in altre regioni – scrive l’associazione in una nota ufficiale – nello scorso fine settimana, è stata emanata l’ordinanza d’uso obbligatorio delle mascherine ogni qualvolta si esca di casa. Come noto tali dispositivi sono merce rara da trovare e, non dimentichiamo, fonte di speculazione da parte di persone senza scrupolo che cercano di guadagnare sfruttando la paura della gente. Per questo è stata data la possibilità di utilizzare sciarpe e foulard in mancanza delle mascherine».

«Vengono sequestrate centinaia di mascherine inadatte alla vendita ed ora pensiamo che basti una sciarpa a proteggerci? E’ ridicolo – dichiara Davide Zanon segretario regionale di Codici Lombardia. – Se si vogliono fare le cose per bene, serve adottare una linea comune su tutto il territorio italiano una volta per tutte e non cambiare le disposizioni ogni giorno. Ieri Regione Lombardia ha già fatto un parziale dietro front rispetto a quanto comunicato lo scorso fine settimana, iniziando con la distribuzione gratuita di circa 3,3 milioni di mascherine alle persone più a rischio; ma 3 milioni di mascherine su una popolazione di 11 milioni è una barzelletta, questo non è l’atteggiamento serio che ci si aspetta dalle autorità e lo si può leggere solamente in un modo: ci si è resi conto dell’errore commesso e ora si corre ai ripari come meglio si può. Conveniamo tutti che l’uso di sciarpe e foulard sia semplicemente una buona pratica da adottare in mancanza dei dispositivi ufficiali ma così facendo si crea solo confusione e false illusioni tra le persone».

Le mascherine, come dichiarato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, sono l’unico dispositivo utile a prevenire della diffusione del virus. Esse sono composte da specifici materiali filtranti e progettate per filtrare la quasi totalità delle particelle, dalle aerosol alle droplet, cioè quelle che espelliamo quando parliamo o tossiamo o starnutiamo. Dunque il solo uso di un foulard o di una sciarpa, spesso fatto con materiale di scarsa qualità e pertanto dannoso per la nostra salute, non può garantire minimamente un livello di protezione paragonabile.

Mascherine: il vademecum di CODICI

CODICI ha prodotto anche un piccolo vademecum delle cose da sapere a proposito delle mascherine.
«Le mascherine chirurgiche – scrive l’associazione – sono un dispositivo che protegge più gli altri che se stessi, filtrando e bloccando le goccioline che espelliamo, dunque fondamentali per evitare che si diffonda il virus. Ne è consigliato l’uso se si è malati, se si pensa di esserlo o se si assiste una persona con sintomi riconducibili al COVID-19. Le mascherine Ffp2/3 con filtro permettono un’elevata protezione individuale ma non garantiscono la massima sicurezza per gli altri e dunque sarebbe da integrare con una mascherina chirurgica. Le mascherine Ffp2/3 senza filtro proteggono in buona percentuale sia se stessi che gli altri».

«Consigliamo dunque – conclude CODICI – di seguire le indicazioni date dall’OMS, adottando misure sicure per la propria salute e quella degli altri, in primis limitando i propri spostamenti solo a quelli indispensabili e confrontando le diverse tipologie di mascherine presenti sul mercato, scegliendo quella più adatta alla propria situazione».

 

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Agnese Zappalà
Agnese Caterina Zappalà, classe 1993. Laureata in Musicologia e Beni Culturali tra Italia e Francia e diplomata all’ISPI di Milano in Affari Europei, adesso studio Storia Politica all’Università degli studi di Pavia. Mi piace scrivere, entrare a contatto con le persone e raccontare le storie che mi emozionano. Leggo tanto, soprattutto i grandi classici della letteratura. Una passione insana per il caffè, il cinema francese e lo shopping esagerato.


Articoli più letti di oggi