25 Luglio 2021 Segnala una notizia
Rai, Cartabianca al San Gerardo per raccontare l'ordinario straordinario

Rai, Cartabianca al San Gerardo per raccontare l’ordinario straordinario

6 Aprile 2020

Toccare con mano l’emergenza Coronavirus, camminando tra le affollate corsie dell’ospedale. Parlare con i medici e gli infermieri che ormai da settimane vivono una situazione emergenziale inedita, a cui “nessuno era preparato”. Il team di Cartabianca, il programma di attualità in onda in prima serata su Rai3, fa tappa all’ospedale San Gerardo di Monza per raccontare proprio questo: che cosa vuol dire affrontare l’emergenza COVID-19 da vicino.

Una situazione senza precedenti

Sono molte le notizie che circolano da settimane sulle condizioni degli ospedali italiani. La Lombardia, la regione in cui si registra il maggior numero di contagi, è in prima linea ormai da oltre un mese nel gestire le emergenze. Medici, infermieri e personale sanitario vivono sulla propria pelle una situazione senza precedenti. E la raccontano: con onestà, professionalità e speranza.

«I dati ci dicono che c’è una riduzione nell’incremento – dichiara il Dott.Mario Alparone, Dir.Gen. San Gerardo Monza – siamo sempre sul chi va là, ma questo dà all’ospedale la possibilità di rifiatare».

“E’ una sfida: ma salvare vite è l’essenza del nostro lavoro”

«Questo tipo di infezione vuole due, tre settimane: non fa sconti – racconta il Prof. Giuseppe Foti, Direttore del reparto rianimazione dell’Ospedale San Gerardo di Monza. – Non si può neanche accelerare: se acceleri, come dei boomerang i pazienti tornano indietro. Quindi bisogna avere pazienza. Una cosa del genere? Mai vissuta, né io, né i miei colleghi. Forse si vedono cose di questo tipo solo in guerra, ma noi apparteniamo ad una generazione che la guerra non l’ha fatta. E’ un’esperienza nuova per tutto il mondo Occidentale».

«L’età media sta scendendo, ci sono anche persone giovani – prosegue il Prof. Foti. – Tu sai che stai salvando un paziente che avrà, con buona probabilità, una lunga aspettativa di vita. Questa è l’essenza del nostro mestiere. Il nostro impegno è cercare di dare a tutti quelli che ne hanno bisogno, un posto di terapia intensiva. E ci stiamo riuscendo».

 

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Agnese Zappalà
Agnese Caterina Zappalà, classe 1993. Laureata in Musicologia e Beni Culturali tra Italia e Francia e diplomata all’ISPI di Milano in Affari Europei, adesso studio Storia Politica all’Università degli studi di Pavia. Mi piace scrivere, entrare a contatto con le persone e raccontare le storie che mi emozionano. Leggo tanto, soprattutto i grandi classici della letteratura. Una passione insana per il caffè, il cinema francese e lo shopping esagerato.


Articoli più letti di oggi