30 Marzo 2020 Segnala una notizia
L'origine del nome di Monza e la regina Teodolinda

L’origine del nome di Monza e la regina Teodolinda

13 Marzo 2020

La donna si stava addormentando nei pressi di un fiume, sotto un grande albero. Tornava da una battuta di caccia, allontanandosi da casa, perché era anche in cerca del luogo adatto dove erigere il proprio personale tempietto in onore di San Giovanni il Battista. Ma l’esplorazione non aveva dato alcun frutto. I suoi compagni lo sapevano, e restavano lì a sorvegliarla mentre dolcemente chiudeva gli occhi. Quello che non sapevano è che in quel momento si stava compiendo una magia.

Non ci volle molto perché cadesse in un sonno profondissimo: forse per la stanchezza, forse per la tranquillità e la pace che quel luogo stava diffondendo. Di fatto accadde quello che accade spesso quando ci si assopisce. Si sogna. E la donna sognò una colomba….

Siamo nel settimo secolo dopo Cristo, e in un’Italia divisa tra Longobardi e Bizantini si scatenano le questioni religiose all’interno della cristianità. Da una parte i Cattolici e quindi i Bizantini sostengono che il Padre e il Figlio sono fatti della stessa sostanza, dall’altra i Longobardi, che sono Ariani, dicono: ‘’Niente affatto. Il Figlio è inferiore al Padre. Sono diversi’’. Questa differenza non lascia al papa alternativa che deplorare il popolo Longobardo. Ma in queste divergenze, inizia a diffondersi una terza via, perché c’è chi tra i cattolici comincia a dire: ‘’è vero, il Padre e il Figlio sono della stessa sostanza. Ma non sempre. Perché il Figlio ha una natura Divina ma anche una natura umana e coesistono, come dicono i Cattolici, ma sono ben distaccate, quasi fossero due persone diverse’.’ Sono i cosiddetti aderenti allo Scisma Tricapitolino, semplificandola, in realtà la questione fu molto spinosa ed intricata sia dogmaticamente che politicamente. Ed è comunque in questa corrente che si colloca la regina Longobarda Teodolinda. Che, per la cronaca, si è appena addormentata sotto quell’albero.

La colomba si era manifestata in tutto il suo splendore alla regina. Irradiata di luce, si posò in un punto preciso innanzi a lei, e mostrandole quel luogo meraviglioso domandò: ‘’Modo?’’ (in latino ‘’Qui?’’), e la donna convinta che quello sarebbe stato il sito perfetto dove costruire il proprio tempio, senza pensarci due volte rispose: ‘’Etiam!’’ (letteralmente ‘’Sì!’’).

Ora, tra realtà e leggenda a volte corre un filo sottilissimo. E la regina Teodolinda ha lasciato un’impronta indelebile nella storia di Monza, ancora più grande dell’averne inventato il nome, che deriverebbe dall’unione delle parole ‘’Modo + Etiam’’. Fu lei comunque a sceglierla come propria sede. Fu lei, nata in baviera e di fede Cattolica, a dare una spinta decisiva verso la conversione dei Longobardi alla chiesa Romana. In fondo il credo dei Tricapitolini rappresentava una via di mezzo tra Cattolici e Ariani. Un ponte, in questo caso, ritenuto tollerabile da papa Gregorio che con Teodolinda ebbe un intenso scambio di lettere. Lei promosse le arti. Lei raccolse doni dal valore inestimabile, essendo una donna politica di straordinarie capacità. Lei iniziò la costruzione del Duomo e vi fece battezzare il proprio figlio secondo l’uso Cattolico. Lei. Lei, e sempre lei. Se ancora oggi giri per Monza, è impossibile non percepire la grandezza di questa donna, anche all’interno dei vicoli moderni: c’è Via Teodolinda, il Cinema Teodolinda, il Salotto Teodolinda, il Teodolinda Cafè…

Raramente un personaggio storico si è così saldamente legato al nome di una città. Doveva essere davvero una regina straordinaria. E così, facendo il giro dell’esterno del Duomo da via Canonica, e passando oltre l’abside della chiesa, in un punto dove l’architettura dell’edificio sfasa completamente rispetto al resto, si vede ancora là. Incastonata tra la pianta poligonale della Cappella degli Zavattari e la base quadrata della Casa dei Custodi. Ecco, lì, in quella struttura slanciata e strettissima, un tempo si decideva la sorte di buona parte della penisola. E’ una torre dell’antico palazzo della regina, sorprendentemente rimasta in piedi nonostante i secoli e i rifacimenti. Solennemente divenuta tutt’uno con quell’immensa chiesa che doveva essere solo un tempietto da intitolare a San Giovanni Battista. In fondo questo è il luogo che più la rappresenta, perché è qui che nacque quel mito che, come nelle favole, cominciò con un sogno.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Roberto Colombo
Non sempre sono il compagno di viaggio ideale. Se in una città che non conosco vedo un rudere, un monumento o una chiesa, mi fermo, sguinzaglio il mio smartphone, e mi documento da cima a fondo. Del resto la storia è la mia passione, come il teatro, il golf e il grande basket NBA.


Articoli più letti di oggi

Coronavirus, in Brianza 2.265 positivi. A Monza si superano i 400 casi

Il San Gerardo di Monza ha gli stessi pazienti delle aree calde perchè grazie ai trasferimenti si riesce a far reggere ancora anche i presidi più esposti.

Coronavirus, ANACI: “Attenzione ai condomini, le parti comuni sono a rischio”

I condomini, in piena emergenza Coronavirus, sono un luogo di potenziale contagio. L'allarme di ANACI e il vademecum che ogni palazzo dovrebbe rispettare.

Coronavirus, a Monza e Brianza 2.086 positivi. +138 rispetto a ieri

Nella provincia di Monza e Brianza sale ancora il numero dei contagi: sono 2.086 i pazienti positivi al Covid-19 (+138 rispetto a ieri). Una crescita lenta ma costante.

Coronavirus, i contagi nella provincia di Monza e Brianza. Dati in crescita

Cresce il numero dei pazienti positivi al Coronavirus in Brianza. Nell’intera provincia ieri si contavano 1.750 casi.

Cesano Maderno, beccato a fare una grigliata in giardino, insulta i Carabinieri: denunciato

Cesano Maderno: 26enne stanco della clausura imposta dalla quarantena ha organizzato una grigliata nel giardino condominiale. Beccato dai Carabinieri li ha poi insultati sui social. Denunciato per vilipendio All'Arma.