07 Giugno 2020 Segnala una notizia
Lombardia, 3000 infermieri e operatori sanitari contagiati

Lombardia, 3000 infermieri e operatori sanitari contagiati

22 Marzo 2020

Le aziende sanitarie devono mettere i professionisti nelle condizioni di lavorare in totale sicurezza. Se è vero che gli operatori sanitari non possono essere messi in quarantena per il solo fatto di essere venuti a contatto con persone infette è altresì vero che, proprio a causa dell’ignoranza dell’eventuale positività del paziente, i lavoratori devono utilizzare tutte le precauzioni del caso. Sono tremila in Lombardia gli operatori sanitari positivi a Covid-19”.

Questa la richiesta di Donato Cosicoordinatore regionale segretario  NurSind Monza e Brianza, inviata tramite una lettera diffida alle azienda sanitarie della Lombardia (inviata da tutte le segreterie NurSind della Regione),  anche al presidente della Regione Attilio Fontana, all’assessore al Welfare Giulio Gallera e per conoscenza al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e al Ministro della Salute roberto Speranza.

La situazione negli ospedali della Lombardia sta precipitando. Oltre alla mancanza di disposizioni di sicurezza per evitare il contagio (facciali filtranti FFP2 e FFP3, calzari, tute protettive, camici impermeabili monouso, guanti e visiere), gli operatori sanitari asintomatici (ma che sono venuti a contatto con pazienti Covid positivi) non vengono sottoposti al tampone.

Non possiamo andare avanti così – incalza Donato Cosi -. È inutile che la Regione Lombardia metta restrizioni a chi porta il cane a fare i bisogni o a chi corre al parco se poi manda nelle corsie degli ospedali operatori che possono essere stati contagiati, ma che non lo sanno perché non vengono sottoposti al tampone, continuando a lavorare e a interagire con le persone”.

Con la nuova disposizione regionale solo gli operatori sanitari sintomatici possono fare il test, gli altri pur avendo avuto contatti con pazienti positivi ma non presentando febbre e/o tosse non vengono sottoposti al tampone.

Una stoccata anche contro il Governo che con il Decreto Cura Italia prevede un bonus di 100 euro nella busta paga degli infermieri per il mese di marzo.

Ci definiscono eroi e poi la nostra vita vale solo 100 euro – conclude-. Siamo professionisti che rischiamo, come molti altri, la nostra vita in questa lotta contro il tempo. Con questa mancia ci sentiamo umiliati e presi in giro. Che quei soldi vengano utilizzati per eseguire i tamponi agli operatori sanitari e farli lavorare in sicurezza: le Asst non ci possono fornire solo mascherine filtra batteri”.

Immagine di repertorio

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Fonte Esterna
Questo contenuto non è un articolo prodotto dalla redazione di MBNews, ma è un testo proveniente da fonte esterna e pubblicato integralmente e/o parzialmente ma senza averne cambiato il senso del messaggio contenuto.


Articoli più letti di oggi

Giovane perde il controllo in via Modigliani a Monza e si ribalta

La dinamica del fatto è al vaglio della polizia locale. Sono in corso accertamenti per verificare l'eventuale tasso alcolemico della conducente.

Covid19 e trombosi. I ricercatori del San Gerardo di Monza scoprono il legame

Lo studio dell'Università Milano-Bicocca spiega come il virus potrebbe infettare direttamente la superficie interna dei vasi nei pazienti con complicanze trombotiche.

Monza, nuovo giorno senza contagi. L’aggiornamento dei sindaci

Una buona notizia arriva, per la terza volta, dal comune di Monza dove nella giornata di ieri sono stati registrati zero nuovi casi positivi. 

Arcore, il poliambulatorio Med4you offre visite specialistiche senza liste di attesa

Nel centro polispecialistico prestano servizio 25 medici specializzati in diverse discipline. L'approccio nella gestione del paziente è multidisciplinare.

Presentato MIMO, un parco lineare di 15 km per collegare Milano con Monza

Un corridoio verde di 15 km capace di ridurre il traffico, migliorare la qualità dell’aria e aumentare il valore degli immobili e delle attività commerciali sul percorso.