02 Giugno 2020 Segnala una notizia
Coronavirus, per le aziende Confimi Monza e Brianza decisiva l’incognita tempo

Coronavirus, per le aziende Confimi Monza e Brianza decisiva l’incognita tempo

27 Marzo 2020

Nei giorni scorsi il premier Conte ha chiarito che il 31 luglio non è il termine delle misure restrittive legate all’emergenza Coronavirus. Realisticamente il nostro Presidente del Consiglio spera e crede che l’Italia possa tornare alla (quasi) normalità molto prima. Quando? Nessuno, al momento, sa dirlo.

Ma proprio il fattore tempo rischia di essere la vera incognita x dell’equazione della ripresa economica. Un peso ancora maggiore, probabilmente, degli investimenti e degli incentivi che lo Stato italiano e l’Unione europea riusciranno a mettere in campo. Almeno questa è l’opinione di quattro aziende associate a Confimi(Confederazione dell’industria manifatturiera e dell’impresa privata) Monza e Brianza.

Officine Locati, OMG(gruppo Caloni), CEE srl e Proval Service, infatti, mettono naturalmente in conto di dover fare sacrifici. Ma ritengono fondamentale una quanto più rapida conclusione dell’emergenza sanitaria e il ritorno alla piena attività lavorativa.

Gli associati Confimi confidano soprattutto su una fortissima voglia di ripartire e sulle proprie capacità imprenditoriali. Anche se non mancano di rivolgere un accorato appello al Governo italiano perché, senza indugio e sin da ora, non si dimentichi delle tantissime Pmi del nostro Paese.

LA SITUAZIONE

Hanno praticamente chiuso la propria attività o, comunque, l’hanno ridotta davvero al minimo. Perché, tra smart working e produzione legata a settori industriali essenziali, in fondo non si stacca mai definitivamente la spina. “Abbiamo chiuso la produzione già prima di metà marzo perché abbiamo ritenuto che la sicurezza dei nostri dipendenti e quella dei fornitori fosse più importante” spiega Guido Locati, terza generazione di un’azienda manifatturiera, Le Officine Locati, monzese con quasi 100 anni di storia e un nome consolidato nel settore delle chiusure, recinzioni e grigliati.

Attualmente abbiamo 5 dipendenti amministrativi che lavorano in smart working e ci siamo già mossi per la richiesta di cassa integrazione – continua – per fortuna, prima di fermarci, ci siamo organizzati per tempo con spedizioni ed ordini”. E’ stata aperta fino a lunedì 23 marzo la CEE (Costruzione Equipaggiamenti Elettrici) srl. Che, avendo a disposizione nella sua sede di Lodi Vecchio ampi spazi in rapporto al numero di dipendenti, ha potuto rispettare le disposizioni governative senza chiudere subito i battenti.

Sin dai primi giorni dell’epidemia Coronavirus abbiamo ridotto al minimo l’apertura all’esterno, ad esempio ai fornitori – chiarisce Fabio Nupieri (nella foto in alto), Referente per la formazione e il Piano nazionale Industria 4.0 della CEE srl – i vertici aziendali continuano a lavorare in remoto e mantengono un filo diretto con i dipendenti rimasti a casa, anche per gestire il loro aspetto emotivo”.

Omg e Proval Service hanno, invece, circa un terzo dei propri dipendenti ancora pienamente in servizio. “Nei nostri stabilimenti di Cinisello Balsamo e Prato abbiamo una trentina di lavoratori operativi per gli aspetti tecnico-commerciali e di assistenza legati a nostri clienti che operano nei servizi essenziali” afferma Andrea Caloni, al vertice della Omg Industry, azienda specializzata in carrelli elevatori, chiusure industriali e verniciatura industriale, acquisita nel 2015 dal Gruppo Caloni.

Il nostro settore, l’elettronica, è molto vasto e abbiamo clienti importanti, come Leonardo e Bticino, che lavorano in settori strategici e anche in questo periodo non possono fermarsi – spiega Marco Vismara della Proval Service, azienda con sede ad Osnago – per questo, pur nel rispetto delle norme, la nostra attività continua con i dipendenti indispensabili alla produzione, mentre gli altri o sono stati messi in ferie o lavorano da casa”.

LE PROSPETTIVE

Negli ultimi anni la nebbia si è vista molto poco anche nel Nord Italia. Ma ora la sensazione delle aziende nel pensare al loro futuro prossimo è proprio quella di trovarsi in un cumulo denso dove non si vede nemmeno a pochi metri. “Dipende tutto da quanto durerà l’emergenza Coronavirus – sostiene Locati – noi, per fortuna, apparteniamo ad un settore che potrà essere meno colpito di altri dalla crisi che arriverà, ma il problema economico è generale, molto più che dopo il 2008”.

D’altro canto le conseguenze negative non saranno certamente solo lombarde. “E’ una crisi di sistema, ma non possiamo permetterci il lusso di piangere – afferma Nupieri della CEE srl– l’economia oggi è tutta correlata e, quindi, i danni si diffonderanno a catena. Noi avevamo in programma di completare gli investimenti nell’Industria 4.0, aprire una nuova sede in Calabria per implementare la produzione e un ufficio dedicato all’estero, ma ora dovremo valutare”.

Non manca, comunque, l’ottimismo, che è tipico dell’imprenditore. “Dovremo stringere la cinghia, ma credo che per quanto riguarda noi gli scossoni saranno contenuti se la situazione Coronavirus si risolve entro metà aprile – sostiene Caloni della Omg – in portafoglio abbiamo ordini consistenti sia in Italia che all’estero”. E c’è perfino, anche in questo momento, l’orgoglio di essere italiani. “Vedo gente che si lamenta ogni giorno, ma credo che tutti stiamo reagendo bene – afferma Vismara (nella foto in alto) della Proval Service – l’Italia è il Paese in cui, in questa situazione, sono contento di vivere”.

LE RICHIESTE

In tanti stanno paragonando l’emergenza Coronavirus ad una guerra. Anche perché i danni economici e sociali per l’Italia, e non solo, potrebbero essere i peggiori dalla fine della Seconda guerra mondiale. “E’ necessaria un’economia di guerra per uscire da questa crisi – sostiene Nupieri – lo Stato, come sostenuto anche dal presidente nazionale di Confimi, Agnelli, non deve fare solo da garante, ma, entro 15 giorni, erogare alle Pmi soldi in prestito a tasso zero e da restituire entro 15 anni”.

“Inoltre bisogna bypassare il discorso del merito creditizio delle banche e ripristinare l’impianto dell’Industria 4.0 con il credito d’imposta, il super ed iper ammortamento – continua – in caso contrario rischiamo di perdere interi pezzi di filiera”.

Invoca un intervento deciso del Governo italiano anche la Omg. “Per sostenere le Pmi non bastano certamente l’attivazione della cassa integrazione e il rinvio delle rate – afferma Caloni – noi siamo abituati a fare da soli, ma lo Stato deve prevedere investimenti più cospicui di quelli annunciati”.

In attesa di sviluppi, sicuramente dovrà essere rivisto l’entusiasmo per un 2020 che, per alcuni, era iniziato bene. “Rispetto al 2019, quest’anno eravamo partiti con un 30 per cento in più di fatturato e abbiamo diversi ordini da portare avanti” spiega Vismara.

Intanto qualche segnale positivo sembra essere già arrivato dal sistema creditizio territoriale. “Le banche con cui lavoriamo, in particolare la BCC di Carate e la Bpm di Milano, hanno capito le difficoltà delle aziende in questo momento – afferma Locati – ad esempio hanno recepito, ancora prima di aver precise disposizioni, il rinvio delle rate del mutuo e del leasing”.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Filippo Panza
Sono nato nel 1980, anno di grandi eventi sportivi (Olimpiadi di Mosca, Europei di calcio), attentati terroristici (strage di Bologna), terremoti (Irpinia) e misteri ancora irrisolti (Ustica). Ma anche di libri (Il nome della Rosa) e film (Shining), che hanno fatto epoca. Con tanta carne a cuocere, forse era scritto nel mio destino che la curiosità sarebbe stato il motore della mia vita. E così da Benevento, la città che mi ha dato i natali, la passione per la conoscenza e la verità, declinate nel giornalismo, mi ha portato in giro per l’Italia. Da Salerno a Roma, da Napoli a Bologna, fino a Monza. Nel capoluogo della Brianza penso di aver trovato il luogo dove mettere la mia base (più o meno) definitiva e soddisfare la mia sete di scrittura, lettura, sport e tempo libero. Almeno fino a quando il richiamo di qualche Sirena, forse, non mi farà approdare ad altri lidi.


Articoli più letti di oggi

San Gerardo, ambulatorio post Covid-19: “300 pazienti nei prossimi 3 mesi”

Apre al San Gerardo un ambulatorio innovativo, dedicato allo studio e alla gestione post Covid-19 dei pazienti. Il coordinatore, prof. Paolo Bonfanti: "Visiteremo 300 pazienti in 3 mesi".

Aggiornamento Coronavirus: i dati diffusi da Regione Lombardia al 1° giugno

Nella regione Lombardia i casi positivi registrati al 1° giugno sono 89.018 dall’inizio dell’epidemia. I nuovi casi positivi sono 50 (1,4% rapporto con i tamponi giornalieri).

Monza e Brianza, i positivi totali sono 5.521. Ecco l’aggiornamento fornito dai sindaci

Nella provincia di Monza e Brianza i positivi totali sono 5.521 (+3).

Intesa Sanpaolo nuove assunzioni di diplomati e laureati

Il nuovo personale sarà inserito presso le 4400 filiali presenti su tutto il territorio nazionale.

Monza, Allevi scrive ai presidi: “Sì all’ultimo giorno di scuola in sicurezza”

Ad accendere la speranza il sindaco di Monza Dario Allevi che, nelle scorse ore, ha firmato una lettera indirizzata ai Dirigenti Scolastici.