11 Luglio 2020 Segnala una notizia
Covid-19, i supermercati bloccano la vendita di prodotti non necessari: l'incognita

Covid-19, i supermercati bloccano la vendita di prodotti non necessari: l’incognita

17 Marzo 2020

Con il  decreto 11 marzo il Governo ha dato un ulteriore giro di vite ai divieti e alle restrizioni relativi alle cose che gli italiani possono e non posso fare. Tra questi rientra la chiusura della maggior parte degli esercizi commerciali, a eccezione dei negozi che vendono generi alimentari e delle farmacie.

Qualcosa però di apparentemente “strano” sta accadendo all’interno di alcuni supermercati del nostro territorio. Ad esempio certi Carrefour, Esselunga ed Eurospin della Brianza, da Lissone a Monza, ma anche del resto d’Italia, hanno posto dei cartelli su alcune corsie, che riportano il divieto d’acquisto di materiali non di prima necessità, come quaderni, biro, colle e gomme. Qual è la ratio di tale decisione?

Le considerazioni

Sono diverse le ipotesi emerse in questi giorni: da un lato, sembra che i supermercati abbiano scelto di vietare la vendita di questi prodotti per evitare assembramenti nelle corsie. In realtà, considerato che gli ingressi avvengono in maniera contingentata, non sembra possibile che ciò accada. E’ pur vero che fermandosi ad acquistare beni non di prima necessità si allunga comunque la permanenza all’interno dei negozi e c’è il rischio che qualcun’altro non riesca a entrare in tempo per la chiusura, per acquistare alimenti indispensabili.

Dall’altro lato, pare che i supermercati abbiano imposto i divieti, in osservanza al decreto e per non fare concorrenza sleale alle cartolerie attualmente chiuse. In realtà il decreto si limita a specificare, all’allegato 1, la tipologia di esercizi che possono rimanere aperti (supermercati e ipermercati), senza fare riferimento alle categorie merceologiche che possono essere vendute. Inoltre resta il fatto che i bambini, anche se non vanno a scuola, stanno continuando a svolgere molti compiti. E’ pertanto possibile che manchi loro un quaderno, una gomma o dei pennarelli si siano scaricati. Parliamo quindi, di acquisti necessari.

Entrambe le ipotesi dunque, sembrano scricchiolare.

Le polemiche

La polemica tra le famiglie non si è fatta attendere e, dopo un primo momento di sgomento, è scoppiata. Al momento nessuna risposta ufficiale è arrivata dalla GDO. Quel che resta di certo sono gli interrogativi dei cittadini e il loro diritto negato di acquistare prodotti ampiamente disponibili negli unici esercizi commerciali aperti e di fatto indispensabili per il proseguimento delle attività scolastiche a domicilio.

Foto Facebook – Rosa Pozzani

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Beatrice Elerdini
Giornalista per passione e professione, mi occupo ogni giorno di cronaca nera, politica, attualità, economia e musica. Amo viaggiare, per scoprire luoghi il più possibile sperduti e puri, sono attratta dalle macerie, perché è da lì che nascono le cose migliori. Adoro scorgere la verità in fondo agli occhi delle persone, trovare le loro cicatrici, gli amori, le delusioni e i riscatti. Tutto ciò che appare, ma anche ciò che non si vede è materia preziosa da raccontare. 'Scrivo da sempre e per sempre'. Sono profondamente empatica come ogni scrittore e giornalista deve essere e la mia vita non è che un vano riflesso di quella di tutti gli altri, che nelle parole, nude e crude, scorre impetuosa su un foglio vergine. Volete conoscermi meglio? Cercatemi sul web con nome e cognome!


Articoli più letti di oggi

L’ appello di Gattolandia: 40 cuccioli da adottare e poche visite per effetto delle restrizioni anti Covid-19

Gattolandia riapre le porte ai visitatori, ma solo su appuntamento. Le restrizioni anti Covid-19 stanno pesantemente limitando le adozioni e riducendo le opportunità di raccolte fondi. Tutte le soluzioni per aiutarli.

Monza, abbandonano in piena notte 300 kg di rifiuti per strada: 2 denunce

Sono 2 cittadini di origine egiziana, residenti a Monza e Muggiò, i responsabili dell'abbandono dei rifiuti per strada. Entrambi sono stati denunciati e obbligati e ripulire l'area.

Monza, imbarazzante distrazione in diretta: durante il fuori onda scappa l’insulto…

La tecnologia in questa situazione non è stata amica dell'assise cittadina. A smorzare il clima generato dalla imbarazzante distrazione è stato presidente del Consiglio, Filippo Caratti.

Sport di contatto, da domani via libera. Nuova ordinanza del Presidente Fontana

"Via libera, da domani sabato 11 luglio, alla pratica dello sport di contatto, di squadra e individuale". Lo prevede l'ordinanza firmata oggi dal presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana.

Covid, Gallera: “Buone notizie da calo dei ricoveri e aumento dei guariti”. I dati di Regione

I dati di oggi si caratterizzano per una nuova importante diminuzione dei pazienti Covid ricoverati nei reparti dei nostri ospedali, che scendono sotto quota 200, attestandosi a 190.